Orti di cura generale

Come coltivare le cipolle

Utilizzata in cucina e nella medicina tradizionale fin dall’antichità, la cipolla è un alimento base in molte delle nostre cucine, oltre che un ottimo ortaggio da coltivare nei nostri orti. Il fatto che siano pieni di sapore e di bontà, facili da conservare e da coltivare tutto l’anno, rende la coltivazione delle cipolle un’altra scelta ovvia per il giardino o l’appezzamento e una delle nostre preferite di tutti i tempi.


Coltivazione di cipolle da seme o da set

Le cipolle impiegano dai 3 ai 4 mesi per essere piantate dal seme al raccolto, e la prima scelta da fare è quella di piantare le cipolle da seme o da stelo. Gli assortimenti sono piccole cipolle immature piantate in tarda primavera o in estate e disponibili nella maggior parte dei buoni centri di giardinaggio o vivai. Sono più facili e veloci da coltivare, soprattutto nei climi freddi, e possono essere più resistenti ai problemi, ma potreste scoprire che avete più varietà se li coltivate da seme.

E pensate a cosa volete fare con le cipolle quando decidete quali cipolle far crescere. Volete marinarli o usarli in insalata e per cucinare? Volete coltivare cipolline e quando le pianterete? Quali sono le condizioni meteorologiche e cosa consiglia il garden center locale come migliore per la vostra zona?


Preparazione per la semina

Per la coltivazione delle cipolle, preferiscono un terreno neutro o leggermente alcalino e necessitano di un luogo ben drenato e soleggiato. Non piantateli nel terreno appena concimato (se dovete aggiungere del fertilizzante, fatelo qualche mese prima e scavate bene in modo che il terreno abbia il tempo di assestarsi) e se il terreno è pesante, ricordatevi di allentarlo aggiungendo sabbia o un buon fertilizzante organico. Le cipolle non sono adatte per i sacchetti da coltivazione poco profondi, ma i vasi più profondi sono una buona opzione per chi non ha spazio per piantare in giardino.


Ottenere la piantagione

Si possono coltivare cipolle tutto l’anno. Se crescono da seme, è meglio piantarli all’interno in questo periodo dell’anno (gennaio-febbraio) e piantarli all’esterno alla fine di marzo-aprile. Piantate i semi in gruppi di 5 o 6, ma se state coltivando i set, aspettate fino alla primavera e poi piantateli in modo che le loro punte siano visibili, a circa 10 cm di distanza l’una dall’altra. Le cipolline possono essere piantate già in aprile. Se avete un periodo di siccità, innaffiate le cipolle e potete aggiungere un fertilizzante leggero e versatile all’inizio dell’estate.

Coltivare le cipolle da soli non richiede molta manutenzione, basta assicurarsi che le aiuole siano ben diserbate e fare attenzione agli uccelli. Quando il loro fogliame inizia a ingiallire (3-4 mesi dopo la semina come semi, meno se piantati in serie), sono pronti a crescere.

In passato, era considerata una buona idea raddoppiare il fogliame della cipolla per incoraggiare la raccolta, ma questa non è più una buona pratica… basta aspettare che le foglie cadano naturalmente. Infine, se possibile, raccoglierli in una giornata di sole e asciutta, raccogliendoli con una forchetta, pulendo la terra in eccesso e lasciandoli ad asciugare sul terreno.


Lo sapevi?

Non è difficile credere che le cipolle siano a basso contenuto di calorie e di grassi, ma sapevate che hanno una serie di altre qualità che le rendono una parte essenziale della nostra dieta? È stato dimostrato che riducono il rischio di malattie cardiache, sono antinfiammatori, aiutano ad abbassare il colesterolo, contengono antiossidanti e sono anti-cancro.

Sono anche ricchi di ferro e buoni per il controllo degli zuccheri nel sangue. In alcune parti del mondo sono usati per curare punture o morsi, per riscaldare i piedi e persino per il mal di gola! Quindi non è forse sorprendente che gli antichi Egiziani li venerassero come rappresentazione dell’eternità e li usassero nelle loro sepolture. E, cosa ancora più importante, naturalmente, hanno aggiunto questo ingrediente essenziale e questo sapore a molti dei nostri pasti quotidiani.


Parassiti e malattie delle cipolle

Ci sono una serie di parassiti e malattie specifiche che sono comuni alle cipolle. I parassiti più comuni sono il verme della cipolla, la mosca della testa piccola e i tripidi. Anche se ci sono pochi parassiti sulle cipolle, sono presenti in abbondanza, quindi assicuratevi di prendere tutte le precauzioni necessarie per evitarli.

Per quanto riguarda le malattie, ce ne sono molte altre che possono colpire la coltura della cipolla. Queste malattie comprendono la muffa, il marciume bruno, la peronospora delle foglie e il marciume bianco delle cipolle. La maggior parte di loro, tranne l’ultima, sono curabili. Assicuratevi di piantare in un terreno sano per evitare queste malattie.


Il nostro miglior consiglio per evitare gli “occhi di cipolla”

Ognuno ha una punta per evitare il dolore agli occhi quando si tagliano le cipolle mettendo in bocca un cucchiaio o un pezzo di pane. Ma il nostro preferito e quello che abbiamo trovato più efficace è mettere la cipolla tagliata in acqua (o tenerla sotto il rubinetto) per qualche minuto prima di tagliare e affettare.

Quali sono i tuoi “consigli sulla cipolla” e dove li hai imparati? Era di una leggenda di famiglia, di un grande chef o di un vicino di casa? Condividete con noi i vostri consigli e fateci sapere come coltivate le vostre cipolle sulle nostre pagine di social media o lasciate un commento qui sotto. Ricordate, ci piace sempre vedere le vostre foto, quindi sentitevi liberi di condividerle!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *