Orti di cura generale

Mele

La mela è il frutto più popolare e uno dei più facili da coltivare. Anche se di solito vengono coltivati come alberi o arbusti semi-standard, possono essere formati in molte forme, che occupano pochissimo spazio, come ad esempio i tralicci e i cordoni, in modo che non sia necessario avere un frutteto per coltivare diverse varietà.

Il modo più semplice e veloce per coltivare le mele è quello di acquistare un albero giovane e preparato.

Ci sono anche altre varietà di Malus , chiamate mele granchio, coltivate per i loro fiori attraenti, il fogliame e le piccole dimensioni commestibili quando sono cotte.


Come coltivare le mele

Cultura

Le mele preferiscono un luogo caldo, soleggiato e non troppo esposto – i venti forti possono ridurre l’impollinazione da parte delle api, con il risultato di un cattivo raccolto. Piantare sempre al di fuori delle sacche di ghiaccio, che ancora una volta può ridurre l’impollinazione.

Preferiscono un terreno fertile, arricchito con molta materia organica, che mantenga un’elevata umidità in primavera e in estate, che non si secchi e non si bagni.

Varietà di mele

Ci possono essere più di 3.000 varietà di mele, ma il vostro vivaio o centro di giardinaggio locale avrà probabilmente solo alcune delle vostre varietà preferite e più vendute. Decidete prima di tutto se volete mangiare o cucinare, e poi cercate di scoprire quali varietà locali sono disponibili nella vostra zona, in quanto probabilmente sono più adatte al vostro terreno e al vostro clima.

Alcuni dei più popolari lo sono:

  • Sale da pranzo: Braeburn, Coxs Orange Pippin, Discovery, Egremont Russet, Gala, Scrumptious, Sunset.
  • Cuochi: Bramleys Seedling, Bountiful, Granadero.
  • Doppio obiettivo: Blenheim Orange, James Grieve.

Portainnesti

I meli sono disponibili innestati in una serie di portinnesti diversi, che controllano la dimensione totale dell’albero e l’età in cui iniziano a fruttificare. Di seguito sono riportati i più comuni. Le dimensioni finali variano a seconda del terreno; in terreni argillosi pesanti e fertili gli alberi saranno più grandi, in terreni molto poveri un portainnesto molto nano può produrre un albero debole.

  • M27 (estremamente nano): Adatto per alberi fino a 1,8 m (6 piedi) di altezza.
  • M9 (molto nano): Adatto per alberi che crescono in vaso o alberi fino a 1,8-2,4 m (6-8 piedi).
  • M26 (biennale):Il miglior rizoma da coltivare in vasi, corde e tralicci. Gli alberi arrivano fino a 3 m.
  • MM106 (semi-forte): produzione di alberi fino a 4,5-5m (15-17 piedi).

Impollinazione

Quasi ogni varietà di mela ha bisogno di una varietà di mela diversa che fiorisca allo stesso tempo per aiutare l’impollinazione e la produzione di buone colture di frutta. Anche quelli descritti come autofertili saranno raccolti meglio se nelle vicinanze crescono altre varietà adatte.

Nella maggior parte delle aree urbane, un altro albero adatto dovrebbe essere situato a distanza di volo dalle api, in modo che questo non sia un problema. Nei giardini isolati, per le colture pesanti sarà necessaria un’altra varietà dello stesso gruppo di impollinazione o di un gruppo di impollinazione adiacente.

Piantare le mele

Piantate gli alberi a radice nuda tra novembre e marzo, e quelli cresciuti in contenitori preferibilmente in autunno, inverno o primavera. Scavare una buca di 60 x 60 cm. e 30 cm. di profondità. Aggiungere uno strato di materiale organico – come compost o letame ben versato – sul fondo della buca e scavare. Posizionare le radici del melo nel foro di impianto e regolare la profondità di impianto in modo che il vecchio segno di terra sul tronco sia a livello della superficie del suolo.

Ora mescola più materia organica nel terreno e riempie il buco nella piantagione. Guidare l’albero con un palo rigido e due elementi di fissaggio in modo che sia completamente supportato contro i venti prevalenti. Cospargere nella buca, applicare un mangime granulare generale al terreno intorno all’albero e aggiungere 5 cm di profondità

.

Compost da giardino ben marcio o trucioli di corteccia intorno alla zona delle radici Grandi vasi da terrazza (diametro minimo 40-50 cm) possono essere usati per coltivare meli che crescono su un portainnesto nano (M27 o M9). Utilizzare il fertilizzante John Innes n. 3 in quanto il suo peso favorisce la stabilità.


Prendersi cura delle mele

Una volta stabiliti, è improbabile che gli alberi di melo richiedano un’irrigazione regolare, a meno che non vi sia un’estrema siccità. Tuttavia, l’irrigazione durante l’allegagione garantirà un raccolto abbondante. Gli alberi che crescono in contenitori, tuttavia, avranno bisogno di annaffiature regolari in primavera e in estate per evitare che il fertilizzante si secchi.

Aggiungete alla superficie del terreno ogni primavera un alimento granulare a rilascio controllato per garantire che l’albero sia nutrito per tutta la stagione della crescita.

Dimensione

Se si acquista un albero completamente formato, le mele hanno bisogno di una piccola dimensione per i primi anni. Inoltre, è utile sapere cosa, come e perché si pota, poiché una potatura non corretta o eccessiva può portare a un calo della resa. Il più delle volte è sufficiente rimuovere i rami morti, malati, morenti o danneggiati, i rami che si sfregano l’uno contro l’altro e i rami che si muovono da un lato all’altro dell’albero.

Se dovete costantemente potare la cima dell’albero per ridurne l’altezza, allora probabilmente ne avete comprato uno che cresce nel rizoma sbagliato!

La potatura dei meli è abbastanza semplice se si conoscono alcune regole di base:

  • Alberi autonomi: potare in inverno. Se la varietà porta la punta, assottigliare i rami per aprire il centro dell’albero, facendo attenzione che gli altri rami non abbiano la punta tagliata.
  • Varietà con speroni: Tagliare i germogli a circa 4 gemme per favorire lo sviluppo di nuovi speroni di fiori e frutti. Diluire gli speroni in eccesso.
  • Alberi formati (tralicci, corde e piramidi): potare alla fine dell’estate, quando la nuova crescita si riduce a 2 germogli. Possono beneficiare di una seconda potatura in inverno, quando alcuni dei germogli più vecchi possono essere diradati.

Diradamento della frutta

Le mele tendono a dimagrire facendo cadere un po’ della loro frutta all’inizio dell’estate, che viene chiamata “goccia di giugno”. Se si dispone ancora di un raccolto di paraurti che l’albero non può sopportare completamente a metà della tarda estate, sarà necessario diradarlo. Sottilizzare le mele da dessert per lasciare da 1 a 2 frutti ogni 10-12,5 cm e le mele da cucina a 15-20 cm. Al centro di ogni mazzo di frutta c’è una mela chiamata “frutto regina”, ed è meglio rimuoverla perché normalmente diventa un frutto deforme.

Raccolta

Per verificare se il frutto è pronto per essere raccolto, prendetene uno delicatamente con la mano, sollevatelo e giratelo leggermente. Dovrebbe staccarsi facilmente dalla mano con lo stelo.

Le varietà precoci devono essere consumate immediatamente, poiché possono essere conservate solo per pochi giorni. Le varietà di mezza stagione devono essere consumate entro poche settimane. Le varietà raccolte tardive sono di solito dure e acide al momento del raccolto, quindi dovrebbero essere conservate prima di essere pronte per il consumo.

Conservare la frutta in un luogo buio, fresco e ben ventilato. Metteteli in una scatola ben ventilata o in una scatola con un ripiano a doghe, distanziati in modo che l’aria possa circolare tra i frutti. Controllare regolarmente e rimuovere eventuali marciume.


Parassiti e malattie

Le mele possono anche essere suscettibili ai seguenti parassiti, malattie e problemi: vermi della mela, afidi lanosi, crosta di mela, marciume bruno, amarezza.

Stagione(e) di fioritura
Primavera
Stagione(e) del fogliame
Primavera, estate, autunno
Luce solare
Al sole
Tipo di terreno
Gesso, argilla, terriccio, sabbia
pH del suolo
Neutro
Umidità del suolo
Umido ma ben drenato
L’altezza massima
Fino a 5m (17 piedi)
L’ultima trasmissione
Fino a 2,4 m (8 piedi)
Tempo per il lancio finale
Da 6 a 10 anni

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *