Onagraceae

Fucsia


Fucsia


Botanica

Nome latino: Fucsia

.
Famiglia : Onagracées

Signora
Origine: Sudamerica

Tempo di fioritura: da giugno a ottobre

.
Colore del fiore: bianco, rosa, viola, rosso
Tipo di impianto :
cespuglio fiorito

.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
semipersistente

.
Altezza:
da 50 a 150 cm


Piantagione e coltivazione

Forza: da gelatinosa a moderatamente dura per la Fucsia magellanica, da proteggere

.
Esposizione: semi-ombra, ombra

.
Tipo di terreno :
ricco di humus, leggero, ben drenante

.
Acidità del suolo:
leggermente acido
.
Umidità del suolo:
fresco Uso: vaso, vaso di fiori, bordo, siepe, letto, appeso, secchio

Piantumazione, reimpianto : primavera

Metodo di propagazione: Semina in primavera, talee erbacee in primavera o a metà estate Potatura: a seconda della specie

.
Malattie e parassiti :
oidio, ruggine, forbicine, afidi, ragni rossi, mosche bianche, muffa grigia


Generale

La fucsia rappresenta un genere di circa 100 specie descritte e diverse migliaia di ibridi orticoli. Appartengono alla famiglia delle Onagraceae, e sono quindi imparentate con Clarckia , Oenotheou Gaura . La tribù dei Fuchsieae , con i suoi fiori pendenti impollinati dai colibrì, è considerata la più antica della famiglia.

La fucsia è principalmente originaria del Sud America, alcune sono in America Centrale e alcune specie provengono dalla Nuova Zelanda e da Tahiti. Sono generalmente piante arbustive o sottoalbero che vivono nelle foreste tropicali, a volte ad alta quota, dandoci alcune specie resistenti. Sono terrestri, ma anche aggrappati a rami o a una scogliera.


Descrizione generale di Fuchsias

Le fucsie sono piante lignificate, arbusti piccoli o grandi: la più grande, Fuschia excorticata assomiglia più ad un albero, poiché nel suo paese d’origine misura fino a 12m. Le sue foglie sono opposte o a spirale, lanceolate, grandi o piccole, decidue o sempreverdi. Hanno una bella consistenza, lucida e anche leggermente succulenta. Inoltre, alcune fucsie orticole hanno fogliame decorativo (variegato o chartreuse).

I suoi fiori sono costituiti da 4 sepali petaloidi fusi in un tubo alla loro base e separati in 4 lobi, più lunghi dei 4 petali, che si restringono intorno a stami molto lunghi. La maggior parte di loro sono sospesi. Sono in grado di dare frutti.


Condizioni di crescita delle fucsie


Suolo e irrigazione

Con poche eccezioni, le fucsie e i loro ibridi apprezzano un terreno da acido a neutro, ricco e umico. D’altra parte, deve rimanere drenante e raffreddarsi in temperatura e umidità per tutta la stagione della crescita, senza bagnarsi (non lasciare il vaso in un grande serbatoio d’acqua, né installare un rustio fucsia in un luogo umido). La miscela di 23 terricci da giardino e 13 terricci è perfetta, se il terreno non è calcareo. La fucsia supporta anche il 100% di compost, se non è a base di torba, perché la torba si contrae troppo in caso di siccità e si reidrata solo con difficoltà.


Umidità atmosferica

L’umidità atmosferica deve essere mantenuta ad un livello elevato. La fucsia non tollera atmosfere disidratanti. Questo è raramente il caso all’aperto, tranne in caso di calore eccessivo, dove apprezzeranno un po’ di nebbia, ma si evitano le correnti d’aria.


La mostra

La fucsia può resistere alla luce. Sono eccellenti per balconi esposti a nord o aiuole ombreggiate. Tuttavia, l’ombra non deve essere troppo profonda, ma il più luminosa possibile, anche con un po’ di sole al mattino o al pomeriggio: la pianta sarà così più compatta e fiorita. Il fucsia in vaso è meno tollerante alla luce del sole in quanto le sue radici non devono essere surriscaldate.

Ci sono, tuttavia, alcune eccezioni:

  • Fucsia triphyllum Il fucsia triphyllum è una sezione per piante che hanno bisogno di sole almeno per una parte della giornata.
  • Il fogliame variegato è più colorato alla luce del sole. Possono anche perdere la loro variegatura se crescono troppo all’ombra.


Temperatura e svernamento

La durezza dipende dalla specie o dall’ascendenza degli ibridi. Molti ibridi a fiore grande sono glassati e dovrebbero essere mantenuti freschi in inverno, tra 0 e 5 °C. Alcuni, tuttavia, tollerano ancora una temperatura di -5°C o superiore. È quindi interessante conoscere il nome della cultivar per conoscerne i limiti: le associazioni di appassionati di fucsia hanno in genere ottimi elenchi http:www.thebfs.org.ukhardy.asp [vm1]. In ogni caso, una fucsia in vaso sarà sempre più congelata di una pianta nel terreno.

Per l’inverno si può scavare una fucsia gelatinosa, ma coltivata in campo: i suoi steli e le sue radici vengono poi accorciati e rinvasati in terriccio per superare l’inverno senza congelare.

Va notato che la durezza di un albero fucsia è più influenzata da un terreno troppo umido che da una temperatura troppo bassa. Per questo motivo devono essere ben drenate o protette dalla pioggia in inverno. Gli alberi decidui vengono piantati nel terreno in primavera, dando loro il tempo di sistemarsi prima del loro primo inverno. Potrebbero aver bisogno di protezione per il primo inverno e poi non avere alcuna protezione. Ricordate che piantarli con il collo leggermente sotto la superficie li rende più resistenti al freddo.


Cura Fucsia

La fucsia è un alimento da buongustai e dovrebbe quindi essere alimentata regolarmente con fertilizzante (16161616) durante la sua stagione di crescita e con un ricco trapianto di terra o un compostaggio superficiale ogni primavera.

La potatura fucsia è quasi imperativa e sicura perché fiorisce sul legno in crescita. Permette, da un lato, di darle forma e, dall’altro, di farla fiorire di più. Può essere potata in qualsiasi momento, ma una lisciatura a molla è gradita: tutti i rami morti o malati vengono rimossi e tutti gli altri vengono accorciati in modo che rimangano solo 2 o 3 germogli dormienti. Può anche essere tagliato più severamente.


Come moltiplicare le fucsie?

L’impianto è interessante per le specie botaniche o per creare ibridi. I semi germinano depositati in un substrato a 20°C. Hanno bisogno di luce.

Il taglio è facile e permette di moltiplicare i vostri ibridi conservando i loro caratteri originali. In primavera: prelevare talee di tacco da giovani germogli lunghi almeno 8-10 cm e piantarli in terreni sabbiosi a 20 °C e in primavera.

A settembre-ottobre: si scelgono tagli di 10 cm di legno verde o semistagionato. I fiori e la metà delle foglie vengono tolti e conservati nella cantina della collana. Con il calore di fondo, attecchiscono in 10 giorni, senza riscaldamento, attecchiranno in 6 settimane.


Lo sapevi?

La fucsia appartiene alla famiglia degli enofili, che comprende 18 generi e circa 640 specie, tra cui Oenothera, Clarkia, Zauchneria, Gaura, Epilobium e Ludwigia note come piante ornamentali.

La maggior parte delle 105 specie conosciute della fucsia si trovano principalmente in Perù, Ecuador, Messico e Cile, dove sono conosciute localmente come “il cespuglio della bellezza”.

Nel linguaggio dei fiori, fucsia significa: ti amo con ardore (il mio cuore brucia per te), sei la grazia personificata, il mio amore è indistruttibile o: “Alla tua vista, il mio cuore batte forte”.

Il fucsia scarlatto è il simbolo del gusto. È il fiore che si offre per dire a una persona che ha buon gusto, ma anche per esprimere un atto di gentilezza o di amicizia. È una buona idea offrire un fucsia a chi vi invita a pranzo o a cena. Il fucsia può essere offerto solo in un vaso, in quanto non sta in un vaso e “si distingue”.

  • Rosso e bianco fucsia: il tuo amore è il mio unico culto
  • Rosso e viola fucsia: il mio amore è indistruttibile
  • Fucsia rossa: ti amo con tutto il mio cuore

Gli inglesi, che in botanica non amano non essere i precursori, sostengono che tutti gli attuali ibridi fucsia provengono da un’unica pianta che un ex marinaio (inglese ovviamente) ha portato dal Cile per offrirla a sua madre. La coraggiosa signora lo fece crescere sul davanzale della sua finestra e ci volle James Lee, un orticoltore di Hammersmith, per notare la pianta nel 1790 a Wapping (vicino a Londra) e moltiplicarla, al fine di lanciare commercialmente la fucsia (era una Coccinea fucsia ). Solo nel 1830 la cultura si diffuse in Francia.

Leonhart Fuchs divenne famoso per il suo libro “De historia stirpium commentari” pubblicato a Zurigo nel 1542. Fu uno dei primi a descrivere la digitale ( Digitalis fuchsii ), di cui chiamò i fiori ditali. Morì a Tubinga nel 1566.

Il primo ibrido, Fucsia x standishii ( F. fulgens x F. magellanica ) apparve nel 1839. Inizialmente, tutte le varietà erano tenute in rosso e blu. Nel 1844 erano note più di 300 varietà. Nel 1848, ce n’erano più di 500. Oggi si stima che nel mondo ci siano più di 10.000 varietà di fucsia.

La British Fuchsia Lovers Society ha oltre 6.000 membri. In Francia, c’è una sezione Fucsia presso l’SNHF (SNHF, sezione Fuchsias 84, rue de Grenelle 75007 Paris Tel: 01.44.39.78.78).

La storia racconta che il fucsia era una volta una pianta deliziosamente profumata che non produceva fiori. Alla crocifissione, si dice che abbia ricevuto alcune gocce del sangue di Cristo, che ha prodotto bellissimi fiori rossi e viola con la testa chinata a terra in segno di dolore.

In Nuova Zelanda, le donne Maori usano il polline blu di Fucsia excorticata per applicare il trucco.

In “Du Côté de chez Swann”, Marcel Proust descrive il fucsia come segue: “La fucsia aveva la cattiva abitudine di lasciare che i suoi rami si capovolgessero. I fiori non avevano più fretta, quando erano abbastanza grandi, di raffreddare le guance viola e di congelare contro la facciata scura della chiesa”

Diverse varietà di fucsia sono state introdotte nella Riunione (compresa la fucsia magellanica). Importate dall’uomo per motivi estetici, queste piante a crescita rapida tendono a dominare le varietà endemiche al punto da prendere il loro posto e diventare parassiti delle piante. Nel caso del fucsia, la zona di invasione comprende tutte le alture dell’isola con una predilezione per la foresta di Bébour e le alture di Salazie. Si trova anche sulle alture di Saint-Paul.


Specie e varietà fucsia

Il genere comprende 105 specie

  • La paniculata fucsia è un’eccezione tra le fucsie. Invece di essere appesi, i suoi tanti piccoli fiori rosa brillante sono raccolti in una pannocchia, facendola sembrare quasi un lilla invece che un fucsia. Le sue bacche diventano viola.

  • La microfila fucsia , con i suoi piccoli fiori di porcellana e le sue piccole foglie, è davvero molto affascinante, molto originale.

  • Fucsia regia , recentemente descritto, e sarcastico: il vero fucsia è rustico, si possono anche mangiare i frutti.

  • Fucsia magallicana , la più comune fucsia resistente è disponibile in diverse varietà.

  • Fucsia magallicanaAlba, o Molinae, a fiori bianchi

  • Fucsia magallicana Aurea con fogliame dorato lucido e fiori rossi

  • Fucsia magallicana Versicolor, ha fogliame variegato

  • Ricartonii fucsia magallicana Ricartonii con piccoli fiori rossi con il centro viola.

  • Fucsia triphylla , e tutta la sua serie di ibridi chiamati fosforo fucsia: i suoi fiori sono molto lunghi e stretti, con i lobi dei sepali appena separati. Sono anche molto numerosi.

  • Fucsia triphylla Jester Scarlet, incrociato con F. magellicanaa fiori meno tipici, ma è resistente.

  • I triphylla addenda fucsia hanno fiori di salmone.

  • Il Triphylla Fuchsia Firecracker ha fiori rossi a forma di fosforo e fogliame vario.

  • Il fucsia boliviano , con fiori appesi lunghi e stretti, è un altro fucsia da abbinare. La varietà Alba è una bella varietà.

  • Pasta fucsia , con bellissimi fiori rossi con punte verdi

  • Fucsia excorticata , un albero alto 12 m con strani fiori verdi e blu, è abbastanza resistente. La sua coltivazione è limitata a 3-4m.

Mappe di piante dello stesso genere

  • Fucsia magellanica , Fucsia de Magellan, Fuschia rustica
  • Fucsia microphylla , Fucsia foglia piccola
  • Fucsia paniculata , Fucsia paniculata, Fucsia con fiori di lilla
  • Fucsia regia , Fucsia regia
  • Fucsia regia ssp. Reitzii , Fucsia regia Reitzii, Fuschia rustica arrampicata

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *