piante d'appartamento

Cosa fare con il tuo primo bonsai?

Non è raro che i primi passi nel bonsai non abbiano un risultato ideale. Lo scenario abituale è il seguente:

Riceverai un bonsai come regalo per Natale o per il tuo compleanno. La ami e vuoi che sia ben curata e che continui a rafforzarsi. Tuttavia, nonostante i vostri sforzi, inizia a ingiallire e le foglie iniziano a cadere e presto tutto quello che avete è una pianta morta in un vaso.

Ecco alcune informazioni che possono aiutarvi ad evitare questo scenario, o almeno aiutarvi ad avere successo al secondo tentativo.

Qual è la specie del vostro albero?

La prima cosa che dovete sapere per scoprire le vostre esigenze di cura è che tipo di albero o cespuglio avete in quel vaso. Alcune specie sono comunemente vendute come regali per i principianti. Questi includono :

Ginepro del tumulo verde – Ginepro del tumulo verde ( Juniperus procumbens Nana), noto anche come Ginepro Procumbens e Ginepro giapponese. Cresce solo all’esterno.

Olmo cinese – Olmo cinese ( Ulmus parvifolia ), noto anche come Zelkova o Zelkova cinese. Un’ottima scelta per i principianti. Il nome Zelkova è un errore, perché Zelkova serrata è una specie diversa con esigenze di cura diverse. Cresce all’esterno.

Acero giapponese – L’acero giapponese ( Acer palmatum ) è una buona scelta per i principianti. Cresce solo all’esterno.

Serissa – Serissa ( Serissa foetida ) conosciuta anche come l’Albero delle Mille Stelle e la Rosa delle Nevi Una cattiva scelta per i principianti, ma generalmente venduta come albero per principianti. Cresce all’aperto in estate e resta al riparo dal freddo in inverno.

Ficus – Ficus ( Ficus benjamina , Ficus nerifolia , Ficus retusa , ecc…), noto anche come Banyan e fico di foglia di salice. Una buona scelta per i principianti. Cresce all’aperto durante i mesi caldi ed evita il freddo in inverno.

Le grotte di base

Ci sono dos e don’t per i bonsai che possono aiutarti a mantenere vivo il tuo nuovo tesoro:

Non iniziare a coltivare bonsai in casa

Sì, il vostro nuovo bonsai starà benissimo sul davanzale della finestra della cucina o sul tavolino (una pessima posizione), ma i bonsai sono alberi, e gli alberi sono piante da esterno. A meno che il vostro bonsai non sia una Serissa (una cattiva scelta) o un Ficus, evitateli il più possibile.

Ci sono poche altre specie di bonsai che tollereranno la coltivazione indoor, ma nessuna di esse crescerà veramente indoor e avranno tutte più problemi di parassiti. La maggior parte di loro morirà. Lasciate la coltivazione del bonsai al chiuso fino a quando non avrete trascorso qualche anno di studio e avrete avuto successo all’aperto.

Non innaffiare troppo il tuo bonsai

L’eccesso di acqua è responsabile di più morti per bonsai di qualsiasi altro fattore. Il terreno deve essere lasciato asciugare un po’ tra un’annaffiatura e l’altra. Una regola di base è quella di lasciare asciugare il terreno un po’ a metà del vaso prima di annaffiarlo di nuovo. Quando si annaffia, farlo accuratamente due o tre volte per inzuppare il terreno.

Non lasciare rocce incollate alla superficie del terreno

Molte piante di bonsai che si trovano al di fuori dei vivai di bonsai sono vendute con il terreno coperto da un duro strato di ciottoli. Toglietelo il prima possibile! Questo strato impedirà all’acqua di raggiungere il terreno e di uccidere l’albero. È possibile rimuoverlo immergendo il vaso in acqua per circa 30 minuti e poi usando le dita o le pinze per rimuovere l’ormai morbido strato di ciottoli.

I bonsai venduti con questi sassolini sono generalmente di pessima qualità e di scarsa salute e possono morire comunque perché la maggior parte di essi ha poche o nessuna radice.

Lasciate il vostro bonsai nel freddo dell’inverno*

A meno che il vostro albero non sia tropicale, ha bisogno di dormire nel freddo dell’inverno. Gli alberi decidui, come aceri e olmi, perdono le foglie e possono sembrare morti, ma se ben curati, producono un bel bocciolo di foglia in primavera. Anche le conifere, come il ginepro e il pino, hanno bisogno di questo freddo riposo.

Non sentitevi obbligati a portarli dentro per l’inverno, altrimenti rischiate di perderli. La maggior parte richiede solo di proteggerli da temperature inferiori a 20 F (-6 C) e da venti secchi. Leggete i requisiti di cura per la vostra specie arborea per imparare a gestire l’inverno con il vostro bonsai.

*Tropicale DO deve essere protetto da temperature inferiori a 55 – 60 F. (10 – 15 C.) e potrebbe essere necessario allestire dei locali speciali per mantenerli al giusto livello di temperatura e umidità all’interno durante i mesi freddi.

Mangiare solo durante la stagione della crescita

Come tutte le piante, i bonsai hanno bisogno di fertilizzante per rimanere sani. Tuttavia, si dovrebbe fertilizzare i bonsai solo durante la stagione della crescita e non durante l’inverno o il tardo autunno. La stagione alimentare di base va dalla tarda primavera all’inizio dell’autunno. Ci sono molti tipi diversi di fertilizzanti e molti orari diversi da seguire, ma una dieta di base può essere quella di utilizzare un alimento vegetale equilibrato (10-10-10 o qualcosa di simile) (seguire le istruzioni di dosaggio sulla confezione) una volta al mese durante le stagioni calde. Sappiate che la sovralimentazione provocherà la morte del bonsai.

Acquista il tuo prossimo bonsai in un vivaio di bonsai

…non un chiosco di un centro commerciale o un venditore ambulante. Provate a comprare il vostro bonsai solo da qualcuno che sia presente il mese e l’anno prossimo e che possa darvi consigli sulla cura, e dal quale potrete acquistare altre forniture. La qualità e la salute degli alberi in queste zone sarà generalmente molto migliore di quella dei “chioschi di bonsai” o dei venditori ambulanti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *