piante d'appartamento

Segni di eccessiva fertilizzazione delle piante d’appartamento

Man mano che le piante crescono, hanno bisogno di fertilizzanti occasionali che le aiutino a mantenere la loro salute e il loro vigore. Anche se non esiste una regola generale per la concimazione, poiché piante diverse hanno esigenze diverse, è una buona idea familiarizzare con le linee guida di base per la concimazione delle piante d’appartamento al fine di evitare una concimazione eccessiva, che può essere dannosa.

Concimazione eccessiva

Troppo fertilizzante può essere dannoso per le piante d’appartamento. L’eccessiva fertilizzazione può effettivamente rallentare la crescita e lasciare le piante deboli e vulnerabili a parassiti e malattie. Può anche portare alla morte permanente della pianta. I segni di una eccessiva fertilizzazione includono una crescita stentata, bordi delle foglie bruciati o secchi, appassimento e collasso o morte della pianta. Le piante troppo fertilizzate possono anche causare l’ingiallimento delle foglie.

L’accumulo di sale, che si accumula sul terreno, può anche essere il risultato di un eccesso di fertilizzante, rendendo difficile l’assorbimento dell’acqua da parte delle piante. Per alleviare

Per quanto riguarda la concimazione e l’eccesso di sale, è sufficiente posizionare la pianta nel lavandino o in un altro luogo adatto e lavarla accuratamente con acqua, ripetendo se necessario (tre o quattro volte). Ricordatevi di lasciare che la pianta scoli bene tra un’annaffiatura e l’altra.

Con la fertilizzazione solo durante i periodi di crescita attiva e la riduzione della dose, sarà più facile evitare di usare troppo fertilizzante sulle vostre piante d’appartamento.

Requisiti di base del fertilizzante

La maggior parte delle piante d’appartamento beneficiano di una regolare fertilizzazione durante la loro crescita attiva. Sebbene i fertilizzanti siano disponibili in vari tipi (granulare, liquido, in pastiglie e cristallino) e combinazioni (20-20-20, 10-5-10, ecc.), tutte le piante d’appartamento richiedono un fertilizzante contenente azoto (N), fosforo (P) e potassio (K). L’uso di fertilizzante liquido per le piante d’appartamento di solito rende questo compito più facile quando si innaffia le piante.

Tuttavia, per evitare un’eccessiva fertilizzazione, è generalmente preferibile ridurre il tasso raccomandato dall’etichetta. Le piante da fiore hanno generalmente bisogno di più fertilizzante rispetto alle altre piante, ma in piccole quantità. Questo dovrebbe essere fatto prima della fioritura, mentre le gemme sono ancora in formazione. Inoltre, le piante in condizioni di scarsa luminosità avranno bisogno di meno fertilizzanti rispetto a quelle in condizioni di maggiore luminosità.

Come fertilizzare

Poiché le esigenze di fertilizzante variano, a volte è difficile sapere quando e come fertilizzare le piante. In generale, le piante d’appartamento dovrebbero essere fecondate ogni mese in primavera e in estate.

Poiché le piante dormienti non hanno bisogno di fertilizzanti, si dovrebbe iniziare a ridurre la frequenza e la quantità di fertilizzante a poche applicazioni una volta che la crescita rallenta durante l’autunno e l’inverno. Assicurarsi che il terreno sia relativamente umido quando si applica il fertilizzante per piante d’appartamento. Infatti, è meglio aggiungere del fertilizzante quando si innaffia.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Cerrar