Piante

Coltivazione e curiosità della noce tigre

Tiger nut horchata è una delle bevande più popolari nella Comunità Valenciana e, in particolare, nella città di Valencia. Tuttavia, quando pensiamo alla noce di tigre, potremmo non avere la più pallida idea di come viene coltivata o che aspetto hanno i frutti.

Poiché il nostro blog è incentrato sull’agricoltura, in questo articolo vogliamo parlare di come vengono prodotte le noci tigre, delle caratteristiche della pianta e dei benefici del suo consumo.

Caratteristiche della pianta della noce di tigre

La tigre è una pianta erbacea, fisicamente molto simile a quella di un cereale, con un’altezza media di 50 cm.

Tuttavia, a differenza della maggior parte dei cereali, la noce di tigre produce frutti sulle sue radici, noti come noci di tigre, perché ha un apparato radicale di tipo rizoma.

Questi frutti sono circolari, appiattiti e di colore marrone. In molte zone questi frutti vengono consumati anche freschi, ma il più comune è trattarli per ricavarne la famosa horchata, bevanda a base di olio o farina, ad esempio.

tassonomia

  • Ordine: Poale
  • Famiglia: Cyperaceae
  • Genere: Cyperus
  • Specie: Cyperus esculentus

Ci sono prove di questa pianta nell’antico Egitto, secondo scritti e resti fossili trovati. Pertanto, si parla di essere utilizzato più di 4000 anni fa. In Spagna l’introduzione di questo frutto avvenne tramite il popolo arabo, dall’anno 711 in poi.

coltivazione e produzione

La Comunità di Valencia è la zona dove si verifica la maggiore produzione di noci di tigre, pur avendo la sua denominazione di origine Chufa de Valencia.

È coltivato soprattutto nella zona nord o Huerta Norte della città.

data di impianto

La noce di tigre è una coltura estiva, si pianta in primavera, con l’arrivo del caldo, tra i mesi di aprile e maggio.

La sua raccolta avviene nei mesi di novembre e dicembre in poi, quindi la coltura necessita di circa 7 o 8 mesi per ciclo produttivo.

Climatologia

La coltivazione delle noci tigre necessita di ambienti caldi con umidità ambientale tipica di un clima costiero. Quindi, l’area di Valencia ha le condizioni ideali per questo.

Uno dei maggiori problemi che devono affrontare le noci tigre sono le basse temperature e la probabilità di gelate, cosa che è praticamente impossibile che accada al momento della semina a Valencia, ad aprile e maggio.

Lavoro preparatorio del terreno

Poiché le noci della noce di tigre si sviluppano nel terreno, il lavoro preparatorio del terreno è molto importante. A causa del suo sviluppo radicale, è necessario rimuovere il terreno fino a una profondità di almeno 60 cm.

Per fare questo e con l’aratura si ricerca un terreno sciolto, poco compatto e con tessitura spugnosa.

La densità di impianto di Cyperus esculentus  è piuttosto elevata, quindi la semina viene solitamente eseguita meccanicamente e per mezzo di creste. In esse viene piantato il dado tigre, con una distanza tra le linee di 60 cm e una profondità di impianto di circa 6 cm.

Densità di impianto ottimale:  diversi studi hanno stabilito una densità di impianto di semi da 120 a 135 kg/ha, da 10 a 11,25 kg circa per hanegada.

caratteristiche del suolo

Una condizione speciale per la sua coltivazione è avere un terreno con un buon drenaggio. La consistenza argillosa riduce lo sviluppo dei frutti e favorisce il marciume radicale.

Per la sua piantagione è necessario un terreno profondo, poiché la pianta del dado tigre ha un potente apparato radicale. Al termine della raccolta, i frutti vengono raccolti meccanicamente ad una profondità di circa 20 cm.

Una risposta positiva nella produzione è stata trovata con l’aggiunta di materia organica, poiché favorisce notevolmente lo sviluppo iniziale della coltura e migliora la tessitura del suolo.

Irrigazione Tigernut

L’irrigazione è un fattore molto importante nella gestione del raccolto di noci tigre.

Per ogni ciclo colturale sono previste tra le 10 e le 15 irrigazioni, effettuate sotto coperta.

Importante è la preventiva preparazione del terreno e l’utilizzo di colmi alti 20 cm che distribuiscono l’acqua in modo uniforme su tutta la superficie.

La frequenza dell’irrigazione, nei mesi primaverili, è prevista ogni 30 giorni, e nei mesi estivi, praticamente ogni settimana o 15 giorni.

Uso di fertilizzanti

In generale, la pianta del dado tigre non viene solitamente concimata e sfrutta i nutrienti nel terreno. Sono quindi importanti i precedenti apporti, in piena preparazione del terreno, di materia organica ben decomposta.

Una cosa positiva anche per la sua coltivazione e per il raggiungimento di produzioni interessanti è che la noce tigre viene solitamente consociata con altre colture più esigenti, quindi ci sono sempre tracce di nutrienti disponibili nel terreno.

Come raccogliere la noce tigre

Una curiosità di questa coltura è che l’agricoltore deve essiccare la pianta prima di raccoglierla. Il processo di appassimento avviene al termine dell’estate, tra i mesi di settembre e ottobre.

In questo modo è garantita una conservazione dei frutti, nel sottosuolo, fino a 3 mesi. Per l’essiccazione è stata utilizzata la combustione controllata della pianta, qualcosa che benefici anche nel fornire tracce di materia organica e sostanze nutritive al suolo.

Oggi, controllando l’apporto irriguo, la pianta può essere essiccata in modo naturale e senza la necessità di provocare danni all’ambiente bruciando.

Una volta raccolte, le noci tigre vengono sottoposte al processo di lavaggio e asciugatura, durante il quale vengono rimossi i resti di terra e materiale vegetale. Infine vengono essiccati all’aria aperta, dove conservano una maggiore quantità di zuccheri e l’aroma tipico di questa pianta.

Benefici alla salute

La noce di tigre è un frutto dalle molte possibilità, ricco di fibre e povero di grassi. Ciò che deve essere preso in considerazione è che quando viene preparata la bevanda alla noce di tigre, vengono incorporati zuccheri aggiunti che non sono più salutari.

Alto contenuto di fibre: contiene una concentrazione di fibre leggermente superiore rispetto ad altri alimenti più popolari, la crusca d’avena.

Importante contributo di magnesio: 100 grammi di noci tigre forniscono tra il 13 e il 17% del fabbisogno giornaliero di questo minerale.

Riduce la pressione sanguigna: questo frutto è un precursore della produzione di ossido nitrico, una sostanza che dilata i vasi sanguigni e riduce la pressione sanguigna.

Non contiene glutine: totalmente adatto ai celiaci.

Fonte di vitamina E: questa vitamina agisce proteggendoci dai radicali liberi che causano danni cellulari.

Fonte concentrata di potassio: una porzione di circa 25 noci tigre fornisce 139 mg di potassio, essendo al livello di frutta come avocado o banana, anche sopra.

Fonte proteica vegetale:  contiene in media l’8% di proteine ​​di origine vegetale.

Controllo del diabete:  vari studi clinici hanno riscontrato che il suo consumo frequente riduce i picchi di zucchero nel sangue nei pazienti diabetici.

Modi per consumare le noci di tigre

Esistono diversi modi per consumare le noci di tigre, anche se il più comune è il latte di noci di tigre. Tuttavia, troviamo altri modi interessanti di cui discutiamo di seguito.

Frappè alle noci della tigre

La forma più tradizionale e di origine valenciana. Dal succo estratto dalle noci di tigre e mescolato con zucchero bianco si produce un liquido molto simile fisicamente al latte.

olio di noce di tigre

Nei frutti possiamo trovare una concentrazione significativa di olio, che lo rende un’opzione interessante e salutare da incorporare negli alimenti.

Per la sua capacità idratante e il suo contenuto di acido oleico, viene utilizzato anche per realizzare cosmetici e gel per la pelle.

frutta fresca

Possiamo anche mangiare i frutti direttamente, come se fosse un frutto secco. Hanno un sapore caratteristico e dolce, anche se a volte è consigliabile ammorbidirli un po’ in acqua perché possono risultare piuttosto duri.

Farina di Tigernut

Quando i frutti sono macinati, da essi si ottiene una farina ricca di proteine ​​per ricoprire gli alimenti o direttamente per la cottura. Fornisce un sapore leggero e dolce simile ad altre noci come mandorle o noci.

liquore alle noci di tigre

Vengono utilizzate noci di tigre mescolate con alcol, contenenti un livello di zucchero molto elevato. Appropriato da assumere durante il dessert e dopo i pasti.

birra alle noci di tigre

Ci sono alcuni produttori di birra dalle noci di tigre e mescolata con altri componenti come l’orzo o il malto, o che li sostituiscono.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.