Piante

Manutenzione acquaponica: monitoraggio della qualità dell’acqua

L’acqua è il più grande e uno dei componenti più importanti di un sistema acquaponico. L’acqua è considerata la linfa vitale di un sistema acquaponico. La qualità dell’acqua in un sistema acquaponico è essenziale perché garantisce la crescita di pesci e piante sani.

> La qualità dell’acqua è costituita da parametri importanti tra cui pH, ossigeno disciolto, temperatura dell’acqua, alcalinità, livello di ammoniaca e fonte d’acqua. Una buona comprensione di come questi parametri si relazionano tra loro è importante per mantenere un sistema acquaponico equilibrato.

Parametri di qualità dell’acqua dell’acquaponica:

pH

Il pH nell’acqua sta per “il potere dell’idrogeno” e si riferisce alla concentrazione di ioni idrogeno in una soluzione. Il pH dell’acqua può variare da 0 a 14, con 7 neutro. I valori compresi tra 0 e 7 sono acidi, mentre i valori tra 7 e 14 sono basici o alcalini. 

È importante mantenere il pH dell’acqua a livelli accettabili per piante e pesci. In acquaponica, è ideale mantenere i livelli di pH tra 6,8 e 7,4, che è il compromesso per pesci, piante e batteri. Questa gamma manterrà la funzione dei batteri ad alta capacità mentre le piante preferiscono un ambiente più acido. 

Il monitoraggio regolare del pH è molto importante , poiché un improvviso cambiamento nei livelli di pH può essere letale sia per i pesci che per le piante. Se i livelli di pH nel tuo sistema diventano troppo bassi, la nitrificazione rallenterà o si fermerà e l’ammoniaca si accumulerà a un livello tossico per il pesce. Un pH molto alto può causare una scarsa crescita delle piante e uno scarso sviluppo di frutti e fiori.

Come regolare il pH

  • Per aumentare il pH

Per aumentare il pH dell’acqua, si consiglia di utilizzare carbonato di calcio e carbonato di potassio e di aggiungere quantità uguali di ciascuno allo stesso tempo. 

  • Per abbassare il pH

Per abbassare il pH, si consiglia di utilizzare alcuni acidi, come nitrico, muriatico e fosforico. Il fosforico è il più sicuro dei tre acidi. Cambiamenti rapidi del pH possono essere dannosi per il pesce, quindi aggiustalo e aggiungilo al sistema poco a poco e attendi che si distribuisca in tutto il sistema prima di ripetere il test. Puoi ripetere fino a raggiungere il livello di pH desiderato. 

Ossigeno dissolto

Uno dei parametri più importanti per l’allevamento del pesce è l’ossigeno disciolto (DO) nel sistema.

I livelli di ossigeno disciolto dovrebbero essere mantenuti a 5 ppm o più nella maggior parte dei sistemi acquaponici. In un nuovo sistema, l’ossigeno disciolto dovrebbe essere misurato frequentemente, ma una volta stabilito il sistema, è possibile misurarlo meno regolarmente.

Bassi livelli di ossigeno disciolto si presentano più nell’acquaponica commerciale con alti tassi di stoccaggio di pesce che in piccoli sistemi con bassi tassi di stoccaggio di pesce. Se l’ossigeno disciolto è troppo basso nel sistema, è possibile utilizzare pietre porose o passare a una pompa più grande per aumentare l’aerazione. I livelli di ossigeno disciolto si riferiscono alla temperatura dell’acqua: più calda è l’acqua, meno ossigeno può trattenere. 

Temperatura dell’acqua

La temperatura dell’acqua nel tuo sistema influenzerà il tipo di pesce che puoi allevare , le prestazioni del biofiltro e la crescita delle tue piante.

I pesci dipendono dalla temperatura. Il pesce rosso, la tilapia, la spigola e il pesce gatto sono pesci di acqua calda e preferiscono una temperatura compresa tra 65 ° e 85 ° F mentre le trote sono pesci di acqua fredda e prosperano a temperature comprese tra 55 ° e 65 ° F. La tua acqua dovrebbe essere la giusta temperatura per il pesce per una crescita ottimale ed evitare malattie dei pesci. 

Alcalinità

L’alcalinità è una misura della capacità dell’acqua di neutralizzare gli acidi. È anche chiamata capacità tampone dell’acqua, quindi si riferisce alla capacità dell’acqua di resistere a un cambiamento di pH. L’acqua con bassa alcalinità è suscettibile ai cambiamenti di pH, mentre l’acqua con alta alcalinità può resistere a grandi cambiamenti di pH. L’alcalinità viene misurata mediante titolazione (al campione di acqua viene aggiunto un acido noto “il titolante”). In acquaponica, il livello di alcalinità dovrebbe essere mantenuto a 100 ppm o superiore.

> Livello di ammoniaca

L’ammoniaca proviene dall’urina dei pesci, dalla scomposizione dei rifiuti solidi del pesce, ed è anche escreta attraverso le branchie dei pesci. In un acquario, è necessario monitorare attentamente il livello di ammoniaca perché alti livelli di ammoniaca sono tossici per i pesci.

Per saperne di più sull’ammoniaca e sull’importanza del ruolo dei batteri nitrificanti benefici in un sistema acquaponico, controlla il ruolo dei batteri in acquaponica: i batteri sono buoni per il mio sistema acquaponico?

Effettuare regolazioni di ammoniaca e nitrato per il tuo sistema.

  • Livelli elevati di ammoniaca – È ideale controllare i livelli di ammoniaca ogni settimana per vedere rapidamente i cambiamenti e per apportare modifiche prima che diventino un grosso problema per il tuo sistema. La causa dell’aumento dell’ammoniaca in un sistema acquaponico è la sovralimentazione del pesce, una densità di pesce troppo alta per il volume dell’acqua (1 libbra di pesce per 2 galloni d’acqua è una regola pratica) o non abbastanza aerazione. Dovresti controllare le pompe, il livello di ossigeno disciolto e regolare i tassi di alimentazione o la densità dei pesci se i livelli di ammoniaca nel tuo sistema sono troppo alti. 
  • Bassi livelli di ammoniaca – Se non c’è abbastanza ammoniaca prodotta nel tuo sistema, le tue piante non cresceranno. L’ammoniaca bassa si verifica quando non c’è abbastanza pesce o c’è troppa acqua per il numero di piante coltivate nel tuo sistema. Aggiungere i pesci al tuo sistema, nutrirli correttamente o usare un acquario più piccolo dovrebbe risolvere questo problema. 
  • Livelli elevati di nitrati: livelli elevati di nitriti potrebbero essere un segno che non vengono coltivate piante sufficienti per consumare tutti i nitrati prodotti dai batteri nitrificanti. L’aggiunta di più piante ai letti di coltivazione o l’aggiunta di più letti di coltivazione dovrebbe aiutare ad abbassare i livelli di nitrati nel sistema. 

Sorgente d’acqua

La fonte d’acqua è l’ultima di questo elenco, ma è un parametro molto importante per il monitoraggio della qualità dell’acqua. Quando hai finito di costruire e pianificare il tuo sistema acquaponico, la prima cosa che devi fare è riempirlo d’acqua. 

È importante conoscere la tua fonte d’acqua in quanto può influenzare la qualità dell’acqua del tuo sistema. La tua potenziale fonte d’acqua può essere l’acqua del pozzo, l’acqua di superficie e l’acqua municipale. Qualunque sia la fonte d’acqua che usi, è essenziale testarla per un profilo di qualità dell’acqua per assicurarti che la tua acqua soddisfi i tuoi requisiti di acqua di pesci e piante.

La tua acqua dovrebbe avere un pH compreso tra 6,8 e 7,4. Se sai che la tua fonte d’acqua ha cloro, devi rimuovere il cloro prima di mettere il pesce nel tuo sistema. Questo può essere fatto acquistando un sistema di purificazione dell’acqua , rimuovendo il cloro mediante aerazione o lasciando l’acqua scoperta in un contenitore per almeno 24 ore. Puoi utilizzare un test del cloro per verificare se la tua acqua è priva di cloro e sicura per pesci, piante e batteri. Un livello sicuro di cloro è inferiore a 1 ppm. 

La cosa più importante da ricordare quando si regolano i parametri dell’acqua è fare piccoli aggiustamenti. Effettuare rapidamente grandi regolazioni potrebbe causare un effetto indesiderato e irreversibile sul tuo sistema acquaponico.

Suggerimenti per il monitoraggio dell’acqua nel sistema acquaponico

  • È meglio aggiungere acqua alla zona del letto di coltivazione piuttosto che direttamente nella vasca dei pesci. Ciò ridurrà le possibilità di errori e oscillazioni fatali che potrebbero influenzare il tuo pesce. 
  • Non aggiungere o rimuovere più di ⅓ il volume totale di acqua nel sistema in una volta. Puoi fare un’aggiunta al mattino e una alla sera se hai bisogno di completare più di ⅓ in un giorno. 
  • Mantieni un livello di pH compreso tra 6,8 e 7,4 per una crescita sana delle piante.
  • Rimuovere il cloro e la cloramina dall’acqua è molto importante per mantenere un sano sistema acquaponico. 
  • In un sistema acquaponico di nuova costruzione, l’acqua dovrebbe essere testata quotidianamente, in modo che le regolazioni possano essere effettuate il prima possibile e settimanalmente in un sistema consolidato.
  • Registra tutte le tue letture su un giornale o un diario. Quindi puoi controllare i tuoi record e saprai immediatamente se ci sono cambiamenti nella qualità dell’acqua. 

Conclusione

Sia che tu stia iniziando un nuovo sistema o aggiungendo acqua al tuo sistema acquaponico esistente, la qualità dell’acqua è molto importante. Non devi essere uno scienziato dell’acqua o un ingegnere per monitorare il tuo sistema. Tutto quello che devi essere è essere responsabile delle misurazioni utilizzando l’attrezzatura giusta e facendo ciò che richiede, come indicato in quelle misurazioni. Iscriviti alla nostra newsletter per ulteriori informazioni sull’acquaponica.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *