Suggerimenti

Coltivare Piselli in Giardino e in Vaso: Guida Completa

Ciao a tutti agrohuerter! Nell’articolo di oggi impareremo come coltivare i piselli nei nostri giardini. Vedremo come preparare il terreno, quando seminare, di che cure ha bisogno e, infine, quando raccogliere. Finalmente mangeremo i nostri piselli!

CARATTERISTICHE DEI PISELLI

Il pisello è conosciuto nel linguaggio scientifico come Pisum sativum. Può ricevere altri nomi come pisello, petipuás o pisello. Appartiene alla famiglia delle leguminose (Fabaceae) insieme alle fave o ai fagiolini. Sono piante più o meno rampicanti, comuni nell’area mediterranea ma attualmente diffuse in tutto il mondo.

Hanno un caratteristico organo all’estremità delle foglie noto come “viticcio”. Questi viticci sono ciò che consente alla pianta di agganciarsi in determinati luoghi e arrampicarsi.

Sono piante annuali e si consumano sotto forma di grano, anche se può essere consumato anche sotto forma di germogli grazie al suo alto contenuto di vitamine (Vitamina A e C).

Per quanto riguarda la sua morfologia spicca il fittone, che può andare abbastanza in profondità. I baccelli sono generalmente lunghi 5-10 cm e contengono 4-10 semi (piselli) ciascuno.

Vale la pena ricordare che esistono diversi tipi di varietà di piselli e, a seconda della varietà, i compiti saranno leggermente diversi. Alcuni di loro sono:

  • Assessore
  • Lincoln-ganxo
  • Vainon

Non possiamo ignorare che fu la pianta che il monaco Gregor Johann Mendel utilizzò nei suoi incroci a gettare le basi della genetica.

PISELLI IN COLTIVAZIONE PASSO DOPO PASSO

1. PREPARAZIONE DEL TERRENO

Normalmente tendono ad adattarsi bene a qualsiasi tipo di terreno anche se stanno meglio in quelli ben drenati e soffici. Per quanto riguarda il clima, non sopportano affatto il calore eccessivo, quindi dobbiamo cercare di piantarle in una parte del giardino dove non ci sono temperature molto elevate.

2. SEMINA

Come abbiamo detto prima, il tempo di semina sarà legato alla varietà che abbiamo scelto. Tuttavia, in generale, i piselli possono essere seminati in autunno (ottobre-dicembre) prolungando il loro ciclo fino alla primavera oppure possono essere seminati anche in gennaio-febbraio, raggiungendo il ciclo fino all’inizio dell’estate.

La semina diretta viene effettuata (5 centimetri di profondità) a file, lasciando tra i semi circa 40 centimetri di distanza. In ogni buchetto che facciamo, è conveniente mettere 2 o 3 semi per fare in modo che almeno uno di essi riesca a germogliare e svilupparsi bene. Successivamente copriremo le buche con la terra e, come sempre, applicheremo una buona irrigazione.

Un consiglio per far germogliare meglio i nostri semi è metterli in acqua il giorno prima.

3. CURA DI CUI DOBBIAMO TENERE IN CONTO

Nel caso delle varietà enramè è conveniente porre dei sostegni in modo che la pianta possa agganciare i suoi viticci e crescere.

4. IRRIGAZIONE E ALTRI TRATTAMENTI

Si consiglia di applicare irrigazioni distanziate per evitare ristagni d’acqua. Non appena i fiori si apriranno, inizieremo ad annaffiare più continuamente.

Come abbiamo visto nella coltivazione dei fagioli, i piselli sono in grado di fissare l’azoto atmosferico. Per questo motivo non necessitano di apporti di fertilizzanti.

5. RACCOLTA

In circa 12-14 settimane dalla semina, potremo raccogliere i nostri primi baccelli pieni di piselli.

PARASSITI E MALATTIE DEL PISELLO

Come vedremo nel prossimo articolo, il pisello non elimina alcuni parassiti e malattie. I più comuni per questa coltura sono:

  • Parassiti: falena del pisello, sitona, pisello, afidi verdi, uccelli e roditori.
  • Malattie: oidio, antracnosi

ASSOCIAZIONE DEI PISELLI CON ALTRE COLTURE

I piselli tendono ad associarsi bene alla maggior parte delle colture. Inoltre, si consiglia di piantare ravanelli o lattughe tra le file dei piselli per sfruttare al meglio tutto lo spazio. Le rotazioni avverranno ogni 2 o 3 anni.

  • Benefico: cavolfiore, cavolo, mais, ravanello, carota, broccoli, melanzane
  • Cattivo: aglio, cipolla, fava, fagiolo, patata, pepe, porro o pomodoro

COLTIVARE PISELLI IN VASO 

È possibile coltivare anche i piselli in vaso, ma questi devono avere una dimensione minima di 20 litri affinché la pianta si sviluppi bene. Inoltre, è molto importante posizionare alcuni supporti nel vaso in modo che la pianta possa arrampicarsi senza crollare.

Per questo vi lascio un video dove vi spiegano passo passo come coltivare i piselli in vaso e come posizionare la struttura di sostegno. Anche se lo chiamano piselli, ricorda che è lo stesso dei piselli.

Per oggi è tutto, spero che l’articolo ti sia piaciuto e che inizi a coltivare tu stesso i piselli in giardino. Puoi raccontarci le tue esperienze nei commenti. Ci vediamo al prossimo articolo!

Buona giornata!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *