Suggerimenti

Coltivazione e semina di anacardi: come piantare un albero di anacardio

 anacardi ( Anacardium occidentale ) è un albero originario della regione nord-orientale del Brasile, le sue dimensioni variano da 1,5 a 15 metri di altezza nel suo habitat naturale, con un diametro fino a 40 cm .

Ha una chioma ampia, densa e di forma irregolare. Anche se può non sembrare, è della famiglia dei mango .

Per me personalmente l’anacardio è  una delle mie noci preferite.  La sua versatilità fa sì che venga inserito in molti piatti (insalate) o come aperitivo. 

Anche se sono un po’ costosi… Cosa c’è di meglio di  pianta il tuo albero di anacardi  e poi cucinarli per te o per la tua famiglia?

Punti importanti quando si piantano anacardi:
  • Quando? Nei mesi di maggio e giugno, preferibilmente.
  • Dove? Ha bisogno di molta luce solare (almeno 6 ore al giorno). I climi piuttosto caldi lo favoriscono e può crescere ad altitudini elevate. I terreni sabbiosi lo favoriscono.
  • Quanto tempo ci vuole per crescere? 3 a 5 anni. È un albero a crescita rapida .
  • Come prepariamo il terreno? Il pH da 6,5 ​​a 7. Includiamo una buona manciata di materia organica e compost . Il terreno deve essere sciolto.
  • È necessario concimare? Concima annualmente il terreno con azoto ( legumi ), zinco e fosforo .
  • Quando darà i primi frutti? Probabilmente a 3 anni, se il terreno è stato fertilizzato e dato abbastanza acqua.
  • Come innaffiamo? Ideale, irrigazione a goccia . Hai bisogno di molta acqua. Anche se senza allagamenti. È una pianta di tipo tropicale .
  • Come seminiamo? Qui passo dopo passo.
  • Piaghe e malattie? Uccelli, tripidi, pulcinella fitofagi, antracnosi , peronospora, gommose, muffa nera, macchia angolare e macchia prodotta dall’alga.

Quando piantiamo gli anacardi?

La semina va effettuata preferibilmente all’inizio della stagione delle piogge.

Nell’emisfero nord tra i mesi di maggio o giugno.  Se effettuata nei mesi successivi, va considerato il regime piovoso stagionale di ciascuna zona, garantendo almeno 800 millimetri di precipitazioni.

In caso di impianto in mesi prossimi alla stagione secca, deve disporre di un sistema di irrigazione per evitare stress e perdite di piante.

Dove farlo?

La coltivazione degli anacardi prospera in luoghi bassi vicino alla costa,  in climi caldi piuttosto secchi , e cresce meglio ad altitudini comprese tra 0 e 1.500 metri  sopra il livello del mare.

Luoghi dove la velocità dei venti supera i 10 km orari ed è permanente può causare la caduta di foglie, fiori e frutti , che ne pregiudica lo sviluppo e la produzione . Se vivi in ​​una zona come questa puoi piantarla dietro un muro per proteggerla un po’.

anacardi  richiede una buona luminosità, distribuito uniformemente sul bicchiere durante la giornata.

La mancanza di luminosità influisce sulla formazione dei fiori e sullo sviluppo dei frutti . Ciò significa che deve crescere libero e senza la concorrenza della luce . L’anacardio cresce in modo ottimale con temperature medie comprese tra 21 e 28°C. 

Prospera facilmente in terreni costieri sabbiosi, salini e persino rocciosi. Richiede suoli con profondità superiori a 4 metri, che garantiscano la crescita delle radici (che possono arrivare fino a 10 m) e un corretto sviluppo delle piante .

Si consiglia di valutare il profilo del sito in cui si intende realizzare la piantagione , individuando torrenti, fiumi, frane, pozzi artigianali e pendii per definirne la piantumazione.

L’intervallo di pH ottimale del terreno è da 6.5 a 7.0. 

Nei terreni con pH più basso , la disponibilità e l’assorbimento dei nutrienti delle piante è limitato , questo può essere corretto aggiungendo al terreno calce agricola . Si sconsiglia di piantare in terreni di tipo podsol e latosol rosso-giallo o sabbie di quarzo .

Come preparare il terreno per piantare anacardi?

L’impianto non richiede terreno o condizioni speciali per la semina.

I terreni piani e semipiani si preparano semplicemente allentando il terreno .

Mentre per terreni ondulati e pendii si consiglia di realizzare una buca ampia e profonda che offra migliori condizioni per lo sviluppo delle radici . Puoi migliorare i terreni aggiungendo materia organica o compost

Come innaffiamo le colture di anacardi?

 L’anacardio è un albero robustotuttavia, ha bisogno di almeno una stagione delle piogge moderate . I terreni profondi con una buona ritenzione di umidità e un’adeguata piovosità consentono all’anacardio di resistere a periodi di siccità prolungati.

Tra i sistemi di irrigazione , la più conveniente è l’irrigazione localizzata (irrigazione a goccia)  oppure gli erogatori consigliati sono i microirrigatori , prevalentemente su terreni sabbiosi.

Dopo la stagione delle piogge si consiglia di annaffiare l’albero quando è nel suo periodo di fioritura . Le precipitazioni nella fase di produzione inibiscono il processo di fioritura.

Piantagione semplice di anacardi

I semi possono essere seminati direttamente in campo a 1 cm di profondità e separati l’uno dall’altro di almeno 10 metri poiché quando cresceranno si contenderanno i nutrienti.

La selezione della pianta in vivaio è migliore, poiché vengono selezionate le caratteristiche della pianta.

Successivamente, pota l’albero almeno una volta all’anno e forniscigli materia organica se cresce in terreni sabbiosi o rocciosi.

Quali associazioni favorevoli ha?

Nelle sue aree naturali di distribuzione, è una pianta appartenente alla vegetazione primaria, essendo dominante nella vegetazione di tipo savana del Brasile . Nelle aree in cui questa specie si è naturalizzata può agire come invasiva.

Ha molti benefici per l’ambiente, oltre ad un effetto riparatore , nel controllo dell’erosione e nel recupero dei terreni degradati.

La sua caratteristica peculiare è quella di essere una specie utilizzata per la rigenerazione del suolo . Questo impianto è stato utilizzato per riabilitare siti dove c’era lo sfruttamento minerario . È anche usato come barriera antivento per la sua capacità di affrontare i venti.

Quali parassiti e malattie ha?

Nella coltivazione degli anacardi, i parassiti differiscono a seconda delle regioni di impianto e ha a che fare con temperatura, precipitazioni, umidità  relativo e terreno.

Diverse malattie causate da diversi funghi sono identificate come eziologia; Queste malattie sono l’ antracnosi , la muffa, le gommose, la muffa nera, la macchia angolare e la macchia prodotta da Alga.

Gli insetti fitofagi sono i più comuni nelle piantagioni di anacardi, diventando il principale parassita economico.

I tripidi sono un altro parassita di importanza economica. Si trovano nella pianta durante tutto l’anno.

La termite è un parassita che non è considerato importante al momento della sua comparsa, il che fa sì che in un tempo medio di 5 anni si abbia un’invasione del 40% della piantagione . Le colonie di termiti si trovano sia sul terreno che sulla chioma e sui rami degli alberi.

Benefici degli anacardi

Le foglie dell’anacardio sono semplici e alterne , di colore verde-bluastro opaco , mentre il tronco è grosso e contorto .

Il tronco si ramifica quasi dalla base con rami molto contorti e abbondanti con corteccia esterna morbida, bruna o grigia e fessurata . La corteccia interna è di colore da biancastro a marrone , spessa, amara e astringente, oltre a contenere una linfa lattiginosa.

I fiori sono piccoli e piuttosto aromatici , di colore verdastro o grigio con una leggera sfumatura dal rosa al rossastro, che hanno sia i fiori maschili che quelli femminili.

Ha un falso frutto di colore dal giallo al rosso vivo che alla sua estremità sostiene il frutto che è di colore verde grigiastro lungo da 2,5 a 3 cm . Al suo interno ha semi a forma di rene, che contengono una mandorla .

La sua distribuzione geografica naturale è nelle aree tropicali con un’altitudine da 500 a 1.500 metri . È originario della zona tropicale del Brasile , ma è diffuso nei tropici di tutto il mondo.

Gli anacardi, come la stragrande maggioranza delle noci , hanno  enormi benefici nutrizionali. 

  • Previene i problemi cardiaci .
  • Previene i problemi di sangue .
  • Può fare bene alla pelle .
  • È una risorsa ricca di fibre (quindi previene il diabete di tipo 2).
  • Sono una delle noci più ricche di proteine .
  • Sono molto ricchi di antiossidanti .

Potrebbe interessarti anche

Pianta un melo

Pianta un avocado

Pianta un mango

Pianta un ulivo

Piantare un Ciliegio

Semina bambù

Pianta un mandorlo

Pianta un cactus

Pianta una papaya

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.