Suggerimenti

Come coltivare il fiore di loto

Il loto è una delle piante più apprezzate per la sua bellezza e il suo alto valore simbolico. Per buddisti e indù, rappresenta il processo di illuminazione, poiché il loto cresce dal fango degli stagni e si erge sopra tutto per fiorire di un bianco quasi incontaminato. In questo modo è una pianta ricca di significato e bellezza, che illuminerà qualsiasi giardino o area in cui si trova. Se vuoi scoprire come coltivare il fiore di loto in modo semplice e facile, continua a leggere Green Ecology e te lo raccontiamo.

Come coltivare il fiore di loto dal seme

Uno dei modi più semplici per ottenere una pianta di loto è acquistare semi in un negozio di giardinaggio. Per piantarli, di solito è consigliabile aprire leggermente il guscio esterno, facendo attenzione a non danneggiare la parte interna. Ciò può essere ottenuto semplicemente raschiando via questo guscio con una lima di metallo morbido, ad esempio quella usata per le unghie.

Una volta che il seme è pronto, va messo in un contenitore con acqua e aspetta qualche giorno finché non germoglia. È meglio far germogliare diversi semi e quindi scegliere quelli che sono nelle migliori condizioni.

Una volta che i semi saranno germogliati e avranno raggiunto una dimensione di circa 8 cm, sarà il momento di trapiantarli nel loro vaso finale. Poiché il loto è un fiore d’acqua, avremo bisogno di un contenitore adatto per questo tipo di pianta. La prima cosa da tenere a mente è che sarà necessario avere una pentola senza foro di drenaggio.. In questo vaso collocheremo una quantità di terriccio speciale per piante acquatiche (se usassimo il solito galleggerebbe per l’elevata quantità di materiale organico che ha) e riempiremo il 30% del vaso. Il resto della pentola sarà lo spazio dedicato all’acqua. Successivamente, metteremo i semi germinati sul fondo del vaso, senza seppellirli troppo, anche se possiamo aiutarci con un po’ di terriccio per fissarli sul fondo del vaso.

Dopo alcuni mesi, la pianta del fiore di loto si sarà trasformata in una pianta adulta. Tuttavia, è abbastanza comune che le piante di loto non fioriscano per il primo anno. Trascorso tale tempo, appariranno le caratteristiche e i fiori di loto molto apprezzati.

Come far crescere il fiore di loto dai rizomi

Un’altra opzione per avere un fiore di loto in casa è coltivarlo da un rizoma, o radice sotterranea, che può essere acquistata anche in molti negozi di giardinaggio. In questo caso sarà necessario mettere il rizoma in acqua per alcuni giorni fino a quando non germoglierà. È importante cambiare l’acqua frequentemente, in modo da evitare che il rizoma marcisca.

Una volta che il rizoma sarà germogliato, sarà il momento di spostarlo nel vaso. In questo caso sarà necessario avere un vaso con le stesse caratteristiche di quando si pianta il loto da seme. Vale a dire, sarà necessario avere un vaso senza drenaggio, che abbia una parte di terra fluviale e, in più, che abbia anche una capacità sufficiente per avere abbastanza acqua.

In questo caso , posizioneremo il rizoma direttamente a terra e lo fisseremo in superficie con il terriccio stesso o, se si preferisce, con delle pietre leggere che impediscano al rizoma di galleggiare. A poco a poco il rizoma crescerà e, in pochi mesi, avrete una pianta di loto adulta che, inoltre, potrà dare fiori fin dal primo anno.

Alcune importanti cure del fiore di loto

Uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione quando si prende cura di una pianta di loto è che si tratta di una pianta che non tollera bene il freddo. Pertanto, è importante che l’acqua non scenda mai sotto i 21 gradi, altrimenti la pianta potrebbe morire. Allo stesso modo, un altro degli aspetti più importanti da tenere in considerazione è che si tratta di una pianta che necessita di almeno 5 ore di luce diretta quando è adulta. In questo modo, è importante che sia in luoghi esterni o interni ben illuminati, come vicino a una finestra con luce diretta.

Infine, un altro aspetto che deve essere preso in considerazione sarà la conservazione dell’acqua e farlo nelle migliori condizioni possibili. In questo senso è fondamentale cambiare l’acqua con una certa frequenza, che eviterà che la pianta di loto si ammali o la comparsa di insetti o parassiti che influiscano negativamente sul loto. Inoltre, nel seguente articolo di Green Ecology spieghiamo come realizzare insetticidi naturali per le piante.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come coltivare il fiore di loto, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.