Suggerimenti

Come seminare l’erba passo dopo passo: [Guida + immagini]

Lo sapevate  erba (Cynodon dactylon)  è simile all’erba, ma è molto più resistente?

Naturalmente ci sono differenze importanti. Ma in molte occasioni si scopre che tu

I giardini verdi e belli sono un accessorio che cambia completamente l’aspetto di qualsiasi edificio, tuttavia la loro manutenzione a volte può essere costosa.

La buona notizia è che puoi farlo da solo imparando a selezionare, curare e piantare l’erba.

Per ottenere un bellissimo spazio all’aperto, devi solo seguire i seguenti passaggi che ti diciamo e otterrai  semina l’erba con successo. 

Puoi venire con noi?

Punti importanti durante la semina dell’erba:
  • Quando? All’inizio dell’autunno o all’inizio della primavera.
  • Che varietà piantiamo? La più resistente è solitamente l’erba giapponese.
  • Dove seminiamo? In terreno umido, il terreno girava (arato), avendo la luce del sole per la maggior parte del tempo.
  • Come prepariamo il terreno? Concimiamo con il compost.
  • Come seminiamo? Qui passo dopo passo.
  • Come innaffiamo? Ideale per spolverare.
  • Piaghe e malattie? Macchia bruna, macchia dollaro, bruciatura pithyum, macchia foglia grigia, nematodi, funghi gelatinosi.

Quando seminare l’erba?

Non tutti i periodi dell’anno sono favorevoli alla semina dell’erba,  L’ estate e l’ inverno dovrebbero essere scartati perché sono stagioni inclementi che non permetteranno alle tue piante di progredire .

Ma il contrario accade con l’autunno e la primavera .

Gli esperti assicurano che  l’inizio dell’autunno è il periodo migliore dell’anno in modo che l’erba e altre erbe (come i prati ) crescano e si diffondano più velocemente a causa delle condizioni calde dei terreni in quel momento in cui la calda estate è appena terminata .

Dopo 15 giorni vedrai ottimi risultati .

Anche la primavera è un buon momento , ma la crescita delle piante richiederà un’altra settimana o due.

Dove seminare l’erba e di che tipo?

Vogliamo seminare erba in grass  un luogo con una buona esposizione al sole.  L’erba ha bisogno di luce solare.

Sebbene sia molto più resistente dell’erba, non resisterà a lunghi periodi di temperature molto fredde (inferiori a 0º), né al gelo.

Ora che sai quali sono i mesi migliori dell’anno per piantare l’erba, devi scegliere  il giusto tipo di erba  a seconda della manutenzione che si intende fornire o dell’uso che se ne farà.

Zoysia erba

Se è per un giardino che non sarà calpestato, l all’erba di zoysia. 

Chi decide di piantare questo tipo di erba deve essere disposto a dedicare molte ore  alla settimana alla manutenzione in quanto richiede annaffiature giornaliere , tagliando tre volte a settimana, eliminando le erbe cattive e annaffiando con diserbante per evitare infezioni batteriche.

Cienpiés Grass

 millepiedi  È per chi cerca un tipo intermedio in quanto ha bisogno di un po’ di manutenzione ma non tanto quanto lo zoysia . Le sue radici non sono molto profonde ed è molto piacevole al tatto.

Grama Petate

 L’erba petate  al contrario, è per chi non ha tanto tempo da dedicare al proprio giardino.

Si diffonde facilmente in tutta l’area e può crescere all’ombra.

Erba giapponese

Il più resistente di tutti è  erba giapponese  che è l’ideale per i campi sportivi , uccide le erbacce , resiste alle stagioni più forti ed è a bassa manutenzione.

Grama San Agustín

Ma se vivi in paesi caldi come il Sud America o il Mediterraneo l’erba di San Agustín  È una buona opzione per la sua resistenza sebbene sia molto ruvida al tatto, quindi è più utilizzata nei parchi poiché non richiede molta manutenzione.

Come preparo il terreno?

Già nella giusta stagione dell’anno e avendo ben chiaro il tipo di erba che si vuole seminare, procedere alla preparazione del terreno.

La prima cosa è  cerca qualche strumento per arare l’intero campo  dove avverrà la semina.

È importante eseguire questo lavoro quando il terreno ha un livello di umidità adeguato , cioè non è né troppo secco né troppo umido per non danneggiare la capacità di ritenzione idrica e aerea dello stesso.

Quindi rimuovere tutte le erbacce , il terreno dovrebbe essere veramente privo di questi tipi di erbe. Questo lavoro può essere fatto a mano o con l’uso di un erbicida chimico o organico.

È inoltre importante che il terreno sia nutrito , soprattutto se molto argilloso con materiali come: letame , compost , torba.

L’uso della sabbia è sconsigliato su terreni argillosi.

 È importante che tu studi il PH del tuo tipo di terreno. I terreni molto acidi devono essere alcalinizzati , ma se, al contrario, è molto alcalinizzato, si deve aggiungere zolfo per renderlo più acido.

Se necessario, dovrebbero aggiungere fertilizzanti starter per incorporare il livello di fosforo ( acido fosforico ), potassio e azoto richiesto ai terreni .

Questi risultati possono essere conosciuti con lo studio dei suoli.

 Il drenaggio è un altro aspetto importante Nella preparazione del terreno, questo può essere ottenuto lasciando una goccia di almeno il 2% . Le quote devono essere rimosse. Se le tue possibilità lo consentono, installa un sistema di irrigazione interrato.

Infine sarebbe l’ideale, anche se non indispensabile , compattare il terreno.  Per questo puoi ottenere un compattatore.

Come seminare l’erba passo dopo passo?

Dopo aver svolto il lavoro precedente è ora di iniziare la semina.

Ci sono due modi, il primo è per semi e il secondo per piatti .

Per piantare i semi è necessario che  usa una seminatrice manuale e iniziare a posizionarli uniformemente su tutto il terreno .

Alcuni fornitori indicano la quantità consigliata di semi per metro quadrato, se questi vengono superati possono marcire.

Idealmente, potrebbero essere  3-4 kg per 100 mq. 

La semina può essere effettuata a spaglio o sparsa a mano in tutto il campo, anche se questo metodo non funzionerà se il seme è molto piccolo , in questo caso il terreno va inumidito un po’ in modo che il seme non voli via.

Se l’area da piantare è molto grande, è meglio servirsi dell’aiuto di una seminatrice . Vengono eseguite due passate , una in senso longitudinale e una in larghezza.

Una volta eseguita questa procedura, viene passato un rastrello per coprire i semi di terra. In questo momento è anche ideale aggiungere uno strato di supporto di circa 1-2 cm di spessore .

Lo spessore non deve essere superiore a 0,60 centimetri di altezza . È importante concimare l’intero campo . Successivamente si procede ad annaffiare una o due volte al giorno , il terreno deve essere umido senza eccedere per ottenere la germinazione, che può richiedere fino a 4 settimane a seconda delle condizioni.

La seconda opzione è piantare piatti d’erba, questi sono pezzi d’erba che sono già stati germinati.

La precedente preparazione del terreno è altrettanto importante affinché questa erba possa progredire. Una volta acquistato, non ci vuole così tanto tempo per piantarlo per evitare danni. Il terreno va annaffiato almeno un giorno prima, per raggiungere un livello di umidità intermedio.

I blocchi devono essere disposti parallelamente come i mattoni di un muro.

Dovrebbero essere sparsi in tutto il terreno, non importa se ci sono spazi vuoti tra ogni blocco , perché questi verranno riempiti man mano che l’erba cresce . Evita di calpestare i piatti mentre li pianti. Per finire, passa un rullo in modo che tutto sia ben sistemato. Tra una settimana o due l’erba sarà cresciuta.

Come innaffiamo?

L’erba è già seminata, ora dobbiamo annaffiarla.

 Innaffiare troppo può causare alcune malattie,  ma non farlo fa male anche a lei.

Se l’erba è appena seminata, è necessario aggiungere acqua 2 o 3 volte al giorno , questa va aggiunta sotto forma di pioggia ( aspersione ).

Quando l’erba raggiunge almeno 2 centimetri di altezza , il numero di annaffiature va ridotto ma aggiungendo più abbondanza di acqua in modo che raggiunga una profondità maggiore.

Quando ha raggiunto la dimensione ideale, l’erba stessa ti dirà quando ha bisogno di acqua, se il tono diventa verde spento e le tracce sono segnate, sarà necessaria l’irrigazione . Evita di farlo nelle ore molto calde come quelle che si verificano tra le 11:00 e le 15:00.

Se vivi in ​​un clima freddo, l’ideale è annaffiare tra le 8:00 e le 10:00.

Se preferisci farlo nel pomeriggio, cerca di essere tra le 16:00 e le 19:00 per evitare la proliferazione di funghi.

Ma se vivi in ​​un clima caldo, l’irrigazione notturna è efficace. In questo modo aumenterai l’efficienza del consumo di acqua ed eviterai l’evaporazione dell’acqua.

Quando l’erba è stata tagliata la frequenza sarà diminuita, ma la profondità sarà aumentata per aiutare le radici a crescere.

Malattie e parassiti che colpiscono l’erba

Quando tutto il lavoro è terminato, bisogna stare attenti agli elementi esterni che possono danneggiare l’erba come malattie e parassiti .

La macchia marrone

È uno di questi, i suoi sintomi sono le macchie che escono sulle foglie che causano bruciore o marciume . Questi Sono prodotti dall’umidità in eccesso. 

Dollaro della Mancia

Di solito provoca cambiamenti di colore simili a quelli della Macchia Marrone , la sua causa è la siccità, l’umidità prolungata nelle foglie e bassi livelli di azoto . Questo fungo provoca l’ appassimento sulle punte delle foglie.

Pythium che brucia

L’eccessiva pioggia provoca questa malattia che di solito si manifesta con macchie verde oliva.

Se non viene trattato in tempo, l’erba può morire rapidamente. La macchia fogliare di Helminthosporium è causata da bassi livelli di potassio, umidità prolungata e bassi livelli di azoto. I sintomi sono macchie scure vicino alla corona dell’erba.

Macchia foglia grigia Gray

Questa malattia è causata da elevata umidità, alte temperature e alti livelli di azoto . È caratterizzato dalla comparsa di piccole macchie marroni che colpiscono le foglie, appassiscono e muoiono.

L’ Anello Fatato cresce in climi umidi e temperature elevate, ma anche in climi freschi e umidi.

Take-all o marciume radicale di Gaeumannomyces

Appare maggiormente in terreni sabbiosi e poco fertili e si accentua se c’è eccesso di umidità fino a marcire le radici .

La ruggine produce sintomi che ingialliscono le foglie, questa malattia di solito compare all’inizio della primavera o nella prima metà dell’estate.

Nematodi

Producono avvizzimento e non hanno una condizione specifica per apparire, anche se di solito è in condizioni di estrema siccità.

Funghi Gelatina

Infine, le Jelly Funghi che attaccano in climi umidi e piovosi , queste possono essere eliminate con attrezzi da giardino o con forti annaffiature.

Ma queste malattie non sono le uniche che possono attaccare l’erba poiché ci sono anche parassiti come formiche , grilli, lumache, vermi , cocciniglie, scorpioni, vermi e persino cani e gatti che possono danneggiare l’erba.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.