Suggerimenti

Come sfruttare i benefici nutrizionali di semi e noci

L’attivazione è il processo che il seme sviluppa quando viene messo in acqua per diverse ore. Se idratiamo i semi, in condizioni il più simili possibile alla loro semina – poca luce, acqua, bassa temperatura e tranquillità – ricevono il messaggio che è tempo di far nascere la vita che portano dentro.

Ed essendo così, subiscono diverse trasformazioni:

Rilasciano nell’acqua vari antinutrienti che sono serviti a proteggere quella vita potenziale per lungo tempo.

– Rilasciano «inibitori enzimatici» , che se li mangiassimo, ci porterebbero a perdere i nostri enzimi per poter digerire quel cibo.

– I suoi nutrienti vengono attivati ​​in modo che la nuova pianta germogli.

– Gran parte dell’amido (zucchero complesso) nel seme viene convertito in glucosio assorbibile .

Riducono le calorie nei cereali.

Tutti questi cambiamenti che si generano nel seme quando lo si lascia in acqua ci portano molti benefici, se lo mangeremo. Ho diversi amici e studenti che mi hanno detto che siccome mangiano mandorle attivate, noci o legumi, li digeriscono molto bene, non si sentono “pesanti” come prima, e non generano il tipico fastidio in bocca.

Mangiare una manciata di mandorle per molti è proibitivo, sia per il suo alto apporto calorico, sia perché può causare mal di pancia o gonfiore. Quando vengono attivati, i cereali diventano molto più facili da digerire e possiamo assorbire i loro nutrienti in modo più efficace.

Ricorda che questo processo funzionerà solo se i grani che scegliamo sono crudi o vivi . I fagioli che sono stati arrostiti sono già morti e le loro sostanze nutritive sono state distrutte, quindi è inutile idratarli. E riscaldando i cereali ad alte temperature, molti dei loro nutrienti, come i grassi essenziali, possono rompersi e diventare dannosi.

Non vediamo questa nuova informazione come un problema, ma piuttosto come un’opportunità : attivare i grani è molto semplice, porta molti benefici, e una volta che inizi a praticare, ti ci abitui velocemente. Il procedimento è bellissimo! In genere necessitano tra le 8 e le 12 ore di idratazione in acqua calda-fredda, anche se le mandorle richiedono tra le 12 e le 24 ore, e la quinoa, a volte in 6 ore, è pronta. Dopo averle idratate (durante la notte), quell’acqua dove hanno riposato viene buttata, poiché contiene gli antinutrienti già citati, poi vengono lavate per qualche secondo in acqua idealmente pura, ed è pronta per essere consumata. Se volessimo lasciarli più a lungo, dopo l’attivazione e l’involo,Si possono conservare in uno scolapasta o in una rete ventilata per un paio di giorni, annaffiandole 1 o 2 volte al giorno. Se lo facciamo, alla fine germoglieranno, il che è noto come ” germinazione “. Proprio quando germoglia, nasce la pianticella. Quel momento è quando il seme ha l’energia più vitale , e quando germoglia, i nutrienti che possiede sono notevolmente potenziati (ho letto che possono essere 10 o più volte maggiori di quelli del seme secco).

Tra l’attivazione e la germinazione, il grano dovrebbe rimanere in condizioni di scarsa illuminazione e calore, ben idratato.

Mentre i germogli sono molto nutrienti , non dobbiamo aspettare che i chicchi germoglino prima di poterli mangiare. È sufficiente che siano attivati. E una volta germinati, fate attenzione a non conservarli per molti giorni, poiché possono ammuffire e causare indigestione. Se vogliono mantenersi più a lungo, devono essere asciugati e disidratati nuovamente.

Esempi di cereali che attivo: mandorle, noci, lenticchie, ceci, chia, semi di lino, avena (in grani), calendule, sesamo, quinoa, miglio, canapa, zucca o semi di zucca, …

Vedete, molte volte vivere in modo più sano e connesso è SEMPLICE, mentre da anni crediamo il contrario.

Ti incoraggio a provare i tuoi semi attivati! E che tanta vita germogli in te, dalla stessa terra.

nutrire la vita

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *