Suggerimenti

Cura della pianta Grevillea lanigera o Grevillea lanosa

Tra le 400 e 500 specie di arbusti e alberi per lo più distribuiti in Australia costituiscono il genere botanico Grevillea della famiglia Proteaceae . Alcune specie sono : Grevillea lanigera, Grevillea johnsonii, Grevillea brachystachya, Grevillea robusta, Grevillea juniperina, Grevillea alpina, Grevillea rosmarinifolia, Grevillea sulphurea, Grevillea thyrsoides, Grevillea olivacea.

È conosciuto con il nome comune di Fiore di ragno o Grevillea lanosa.

Si tratta di arbusti sempreverdi dall’aspetto strisciante (crescita orizzontale) che generalmente non superano 1 metro di altezza. La varietà Grevillea lanigera Mount Tamboritha, più comune nel giardinaggio, è ancora più piccola e raggiunge appena 40 cm di altezza. I suoi rami e le sue foglie sono pelosi, quest’ultimo di colore verde brillante. I curiosi e attraenti fiori rossi possono sbocciare tutto l’anno ma più abbondantemente in inverno e in primavera.

Questi arbusti a crescita lenta sono utilizzati in giardini rocciosi, bordure, gruppi di arbusti o in vasi e fioriere.

La Grevillea lanosa può essere coltivata in pieno sole o in ombra . Resistono molto bene al caldo intenso dell’estate mediterranea e a qualche sporadica gelata fino a circa -6ºC.

Anche se possono prosperare in terreni poveri , preferiscono un terreno da giardino leggero con sabbia grossolana e un po’ di compost. Il drenaggio deve essere perfetto in quanto sensibile all’accumulo di acqua nelle radici.

Per la sua elevata resistenza alla siccità, è importante irrigare moderatamente in attesa che il terreno sia asciutto; una o due volte al massimo una o due volte al mese, riducendo l’irrigazione supplementare in inverno.

Un fertilizzante con un concime minerale può aiutare la fioritura in inverno, anche se di solito non è necessario.

Accettano la potatura in formazione leggera (in autunno) per dare loro un aspetto più compatto.

Sono piante resistenti ai soliti parassiti ma sensibili all’acqua in eccesso .

Anche se è possibile moltiplicare per mezzo di talee, è meglio farlo dai semi, poiché le talee non sempre attecchiscono.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.