Suggerimenti

Ficus Benjamina: [Pianta, cura, irrigazione, substrato e caratteristiche]

Il Ficus Benjamina è una pianta conosciuta in tutto il mondo, che viene coltivata sia all’aperto che al chiuso .

Viene dal sud-est asiatico e appartiene alla famiglia delle Moraceae e in molti luoghi viene chiamato semplicemente Ficus.

Ha una grande corteccia marrone grigiastra e si adatta molto bene in una grande pentola.

   

Caratteristiche del ficus benjamina

  • Famiglia : è imparentato con la famiglia delle more ( Moracee ).
  • Genere : Ficus.
  • Nome della varietà : albero di ficus (Ficus benjamina).
  • Nome comune : Ficus, Ficus benjamina, Ficus a foglia piccola, Matapalo, Tree Benjamin.
  • Albero o arbusto : sempreverde .
  • Origine : localizzata in tutta la fascia tropicale, principalmente in India, Cina, Malesia e Australia.
  • Colore delle foglie : verde scuro, verde chiaro o bianco crema, foglie lucide.
  • Altezza di crescita indoor : da 200 a 300 cm, raramente più alto.
  • Forme delle foglie : ovali, obovate, ovale-lanceolate con margine liscio o arricciato.
  • Colore dei fiori : da bianco crema a giallastro in estate.
  • Frutto : fichi arancioni sferici, con un diametro da 2 a 2,5 cm.
  • Temperatura minima : 15 gradi Celsius.
  • Attenzione : tutte le parti di questa pianta sono tossiche!

Fuori casa la sua altezza può raggiungere anche i 30 metri e le sue foglie molto lucide sono lunghe solitamente dai 5 ai 12 centimetri, con una forma ovale e una goccia molto particolare che caratterizza la morfologia di tutta questa pianta .

Oggi ci sono molte varietà con foglie colorate in diversi colori e steli che si attorcigliano o si attorcigliano.

Ed è una delle migliori piante purificatrici dell’aria che possiamo avere, perché è in grado di filtrare le sostanze tossiche presenti nell’atmosfera terrestre .

Non richiede grandi cure, ma ci sono alcune chiavi che non dovrebbero essere ignorate quando lo si tiene in casa.

   

Temperatura: dove seminare il ficus benjamina?

Il primo grande fatto è che questo piccolo albero non tollera in nessun caso temperature basse ed estreme.

Le sue foglie sono molto sensibili al freddo, quindi non portarlo fuori di casa in inverno.

Ricorda che sono nati in climi tropicali e subtropicali , quindi sopportano molto caldo e umidità. Ciò consente di portarlo in terrazza o in giardino in estate, in modo che possa godersi le giornate di sole in tarda primavera .

Luz: Che bisogni hai?

Preferisce vivere in un ambiente indoor rilassato, con un po’ di luce solare, senza impatto diretto ma con abbastanza freschezza perché il suo sviluppo sia fluido. Questo non significa che devi posizionarlo in un luogo molto ombreggiato o buio. Non.

Ciò influenzerà la sua crescita, che non sarà la stessa, ma questa pianta crescerà nell’oscurità, solo con molta meno esuberanza.

   

Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?

Un terreno fertilizzato, con un’acidità ideale, mantiene un pH stimato tra 5 e 6, ma vale la pena dire che si adatta anche a terreni a pH alcalino o neutro.

Quando vive in un vaso, non essere negligente e credi che possa essere tenuto lì a tempo indeterminato. Prenditi cura dell’assorbimento dell’acqua nelle radici.

Metti un buon strato di argilla o ghiaia sul fondo del vaso per evitare che l’acqua di irrigazione si depositi.

Fatelo in primavera, circa due anni dopo che crescita e sviluppo si sono consolidati. Ma arricchisci il substrato con un compost arricchito con humus, torba o compost.

Nella stagione primaverile-estiva è inoltre indispensabile applicare un fertilizzante all’acqua di irrigazione in modo che possa ricevere i nutrienti necessari.

La semina del ficus benjamina passo dopo passo

  1. Scegli un ramoscello sano da tagliare .
  2. Rimuovere il taglio sotto un nodo nella foglia.
  3. Taglia il ramo della pianta.
  4. Rimuovere le foglie inferiori dal taglio.
  5. Trasferire il taglio in un bicchiere di acqua fredda.
  6. Dai al gambo tagliato molta luce e acqua fresca.
  7. Lascia radicare la talea per circa tre settimane.

   

Irrigazione: come e con che frequenza annaffiamo?

Va irrigato con una certa cautela nella stagione più calda, per evitare che il substrato si secchi. Non trasformarlo mai in un quartiere. Dovrebbe asciugarsi bene prima di iniziare la prossima irrigazione.

I funghi attaccano molto la pianta ed è per questo che l’eccesso di umidità è controproducente.

Se vuoi raggiungere un’umidità ideale di almeno l’80%, trova il piatto nella pentola e aggiungi dell’argilla espansa. Con quella semplice azione e una buona irrorazione dei rami e del tronco del Ficus puoi dargli molta salute.

Nel periodo autunno-inverno i servizi irrigui devono essere distanziati perché la pianta è entrata in uno stato dormiente o di riposo. Una volta ogni 15 giorni sarà sufficiente per rifornirti di acqua.

A volte comincerà a perdere le foglie, ma non bisogna spaventarsi: è normale, soprattutto quando arriva la primavera e il suo organismo si attiva. A meno che le sue foglie non cambino colore e ingialliscano, segno di acqua in eccesso o mancanza di sostanze nutritive presenti nel substrato.

E se le foglie diventano nere, è perché un fungo l’ha attaccata e bisogna agire molto velocemente per impedirne la diffusione, con l’applicazione di un buon fungicida .

Diventano così anche per eccesso di freddo, umidità o, semplicemente, scarsa ventilazione ambientale.

Il ficus può vivere per molti anni se gli dai la cura adeguata. E puoi fare un albero gigante.

Parassiti e malattie del ficus benjamina

Quando un Ficus benjamina viene attaccato da alcuni parassiti, lascia cadere le foglie come strategia di difesa. In precedenza, la pianta spoglia il fogliame dei nutrienti rimanenti, in modo che diventi giallo .

In questo caso si ha spesso a che fare con cocciniglie, che nella fragile corteccia trovano condizioni di vita perfette.

Se vengono identificati questi parassiti, un’alta percentuale di alcol può risolvere il problema almeno nella fase iniziale dell’infezione. Immergi i tamponi di cotone nell’alcol denaturato e spruzzali ripetutamente sulle squame degli insetti.

L’alcol rompe l’armatura protettiva e uccide i parassiti. Se l’infestazione è già avanzata, potrebbe essere necessario applicare insetticidi più severi come olio di neem o sapone di potassio .

   

Tossicità del ficus benjamina

Attenzione: tutti i sintomi di avvelenamento animale come nausea, vomito e diarrea.

Se pensi di essere stato avvelenato da ficus benjamina, vai immediatamente dal medico.


Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.