Suggerimenti

Idroponica: cos’è e quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle colture idroponiche

Se sei interessato all’orticoltura, all’agricoltura e al giardinaggio, avrai sicuramente sentito parlare di idroponica. La visibilità delle colture idroponiche è aumentata negli ultimi anni e abbiamo voluto dedicare un post a questa tecnica di coltivazione.

Vi diciamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi che l’idroponica può presentare. Ma prima…

Cos’è l’idroponica?

Questo termine deriva dal greco antico: Hydor (acqua) e ponos (lavoro).

Si tratta di un tipo di tecnica agricola che viene svolta al di fuori del terreno di coltivazione e, sebbene inizialmente fosse limitata al solo utilizzo dell’acqua come substrato, attualmente vengono utilizzati anche substrati inerti (lana di roccia, ghiaia, fibra di cocco, argilla, ecc.).

I nutrienti necessari vengono aggiunti all’acqua di irrigazione (fertirrigazione) per le piante e questa soluzione viaggerà attraverso un circuito. Questo circuito può essere aperto o chiuso. Nel caso dei circuiti aperti la soluzione nutritiva viene utilizzata una sola volta, mentre nei circuiti chiusi la pompa sposta più volte l’acqua di irrigazione lungo tutto il percorso prima di scartarla.

La coltura idroponica viene utilizzata principalmente per coltivare lattuga, pomodori, coriandolo, sedano e prezzemolo.

Forse la versione domestica più conosciuta della coltivazione idroponica è la NFT ( Nutrient Filter Technique o Nutrient Filtering Technique) che consiste in un sistema idroponico verticale a circuito chiuso. A questo sistema si aggiunge un serbatoio per l’acqua nutritiva e una pompa per far circolare l’acqua in tutto il sistema.

Vantaggi delle colture idroponiche

– Le piante coltivate con l’idroponica crescono più velocemente. In alcuni casi, possono anche crescere del 50% più velocemente rispetto alle colture convenzionali.

– Avendo tutti i nutrienti necessari nel contenitore in cui crescono le piante, le loro radici non crescono tanto quanto se fossero piantate in un substrato di terreno. Ciò significa che le colture idroponiche potrebbero richiedere meno spazio rispetto alle colture convenzionali.

– È possibile installare un sistema idroponico verticale per sfruttare i piccoli spazi.

– L’acqua utilizzata è in un circuito chiuso e può essere riutilizzata più volte, cosa che può aiutare a ridurre il consumo di acqua e fare un uso più sostenibile di questa risorsa naturale limitata. Sebbene ci siano anche sistemi idroponici aperti, in cui l’acqua viene utilizzata solo una volta.

– Essere in grado di produrre cibo in aree dove non potrebbe essere coltivato altrimenti. Ad esempio: aree con suoli aridi ed erosi in cui non c’è terreno coltivato.

Svantaggi dell’idroponica

– Dal punto di vista ambientale sono molto costosi a causa dell’elevato consumo di energia che richiedono e della grande quantità di rifiuti che vengono generati (dovuti principalmente a soluzioni nutritive e percolati).

– La pianta dipende al 100% dal giardiniere.

– Economicamente, richiedono anche una grande spesa per iniziare a crescere in questo modo.

– Per la produzione di cibo attraverso l’idroponica è fondamentale acquisire un altissimo livello di conoscenza e avere tempo e risorse da poter dedicare alle cure che richiede.

– È una coltura limitata agli ortaggi a foglia e ad alcuni ortaggi da frutto. Non è possibile coltivare tuberi a radice e gambo (patata o patata, jicama, rapa, tigernut, patata dolce, manioca, carota, topinambur, barbabietola, pastinaca, ravanello, chago) né ortaggi a bulbo (aglio, cipolla, finocchio …) .

– Le piante sono meno resistenti di quelle coltivate in un substrato di terreno. Sono più sensibili ai cambiamenti di pH, temperatura, parassiti e malattie, ecc. Ecco perché le colture idroponiche commerciali vengono effettuate in serra, dove è più possibile controllare tutti questi fattori.

– Hai l’obbligo di acquistare i nutrienti di cui hai bisogno per le piante e, a seconda di dove vivi, potresti avere difficoltà a trovarli e farteli spedire. Ad esempio, in Agroecologia puoi preparare tutti i tipi di fertilizzanti, compost, stimolatori, ecc. A casa. ma nel caso delle colture idroponiche si possono utilizzare solo prodotti commerciali.

– Affinché le radici non marciscano, le innaffiature devono essere controllate al millimetro. Se le radici rimangono completamente immerse nell’acqua, potrebbero diventare incapaci di respirare. Pertanto, quando si esegue l’irrigazione, l’acqua dovrebbe coprire solo la parte anaerobica della radice e lasciare la parte aeronica priva di acqua. Questo di solito è uno dei principali fattori che causa la morte delle piante, soprattutto all’inizio.

– È fondamentale controllare costantemente i livelli di nutrienti e acqua. Inoltre, l’aerazione e la circolazione dell’acqua sono due fattori molto importanti da monitorare costantemente. In alcuni casi, una vasca con pesci che aiutano ad aerare l’acqua può essere incorporata nel sistema idroponico (acquaponica).

Se vuoi approfondire le coltivazioni idroponiche, ti lascio questo link al Manuale FAOL’Orto Idroponico ” e ti lascio anche il link ai Manuali sull’Orto Biologico , nel caso possano interessarti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *