Suggerimenti

Irrigazione del gelsomino: [necessità, frequenza e procedura]

Innaffiare il gelsomino è una delle cure essenziali se cerchi una bella fioritura che profumi anche tutto l’ambiente.

Le esigenze di umidità del gelsomino sono equilibrate. Saranno più grandi nel loro tempo di fioritura e meno a riposo.

Tuttavia, ci sono ancora molte complicazioni quando si tratta di godersi questa specie perché si crede ancora che l’irrigazione dovrebbe essere giornaliera.

Nelle righe seguenti ci occuperemo di lavorare su tutto ciò che questo argomento implica e che sarà abbastanza utile per te, quindi non perdere nulla.

Punti importanti quando si innaffia un gelsomino:
  • Frequenza di irrigazione: 3-4 volte a settimana durante i mesi primaverili ed estivi ,quando è in fiore. Durante il periodo di riposo, ridurre a 1 irrigazione a settimana se necessario.
  • Metodo di irrigazione: con annaffiatoio.
  • Momento della giornata ottimale per l’irrigazione: al mattino, evitando di bagnare il fogliame esposto alla luce diretta per evitare scottature.
  • Identificare l’eccesso di acqua: le foglie gialle, impianto di decadimento, defogliazione.
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie che ingialliscono o ingialliscono ai bordi, fiori piccoli o che cadono velocemente.

Che esigenze di irrigazione ha il gelsomino?

Il gelsomino è una pianta floreale che necessita di umidità costante nel substrato durante il periodo di fioritura. Ciò implica che devi fornire la quantità appropriata di acqua in modo da poterne sfruttare ed eseguire i tuoi processi senza inconvenienti.

Oltre a ciò, è anche fondamentale che le radici siano idratate per distribuire i nutrienti e la vitalità a tutta la struttura.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nel gelsomino?

La mancanza di irrigazione causerà debolezza nel gelsomino, anche se per accorgersene ci vorrà molto tempo poiché è una specie che resiste bene agli episodi di siccità .

Il modo più semplice per mostrare un deficit di irrigazione sarà nelle foglie, che inizieranno ad apparire gialle o marroni nell’area esterna.

Se la pianta è in piena fioritura, ovvero quando richiede più acqua, i fiori potrebbero non svilupparsi bene o cadere prematuramente.

Il deficit di irrigazione è solitamente più frequente nei gelsomini piantati in vaso, poiché non avranno accesso a più umidità.

Tuttavia, quelli che vengono piantati in giardino potrebbero sfruttare l’umidità dell’ambiente per resistere al periodo di siccità. In ogni caso, se notate problemi legati ad un deficit idrico, applicate una buona annaffiatura e poi mantenete la frequenza consigliata.

Quanto spesso dovremmo innaffiare il gelsomino?

Quando la pianta del gelsomino è in piena fioritura, è normale che sia il periodo primaverile o estivo, quindi il fabbisogno idrico aumenta. In questi casi l’approvvigionamento idrico sarà compreso tra 2 e 3 volte a settimana, valutando sempre lo stato del terreno.

Un modo per determinare se l’irrigazione è vantaggiosa a un certo punto è toccare il terreno e notare se è secco o meno. Da lì sarà necessario regolare la quantità di liquido che si aggiungerà. Il resto dell’anno, quando il gelsomino è a riposo in autunno e in inverno, puoi ridurre l’approvvigionamento idrico a circa una settimana .

Qual è il modo migliore per innaffiare il gelsomino?

Innaffiare attraverso un annaffiatoio è il modo più semplice e sicuro per applicare l’acqua al gelsomino . Il primo motivo è che impedisce al fogliame di bagnarsi e, quindi, impedisce la comparsa di funghi o bruciature su di esso.

Un altro punto che deve essere salvato ha a che fare con la posizione dell’acqua, poiché farlo attraverso una doccia è molto più facile da orientare. In questo modo, il tuo gelsomino non soffrirà di carenze di umidità alle radici.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nel gelsomino?

L’eccesso di acqua è uno dei problemi più frequenti che esistono nella cura del gelsomino e che, di conseguenza, provoca la morte degli esemplari. I sintomi che mostrano che questo problema si sta verificando hanno a che fare con la debolezza della struttura, che provoca una possibile defogliazione .

Inoltre, le foglie ingialliscono, le più giovani iniziano prima a impallidire e in seguito occupano il resto della struttura . Molti appassionati di giardinaggio affermano che il gelsomino è tra le specie più facili da curare e che in cambio offrono un beneficio molto sorprendente intorno ai loro fiori.

Questa è una realtà che puoi vedere di persona, tenendo conto di tutte le linee guida per l’irrigazione del gelsomino. Ricorda che le piante sono organismi viventi e, quindi, l’acqua è una parte vitale della loro struttura, quindi assicurati di farlo con saggezza.

Fonti e riferimenti bibliografici

  • https://books.google.es/books?hl=es&lr=lang_es&id=k1w_mc6NLOQC&oi=fnd&pg=PA8&dq=grego+care+del+Jasminum+officinale&ots=PYFxn9xl0s&sig=HjA6APFFKBkpFdOGn
  • https://books.google.es/books?hl=es&lr=lang_es&id=n90WEAAAQBAJ&oi=fnd&pg=PT2&dq=rigation+care+del+Jasminum+officinale&ots=vcGXBPq-f5&sig=mSGPMY-pvZNWQlCPMA4QGOal
Forse ti interessano anche:
  • Cura del gelsomino rampicante: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Cura del gelsomino: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Potare un gelsomino: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.