Suggerimenti

Le 8 migliori piante medicinali per prendersi cura del fegato

Quali piante medicinali sono utili per prendersi cura del fegato? Ci sono diversi e molto comuni disturbi che possono influenzare il fegato e la nostra salute generale. In questo articolo parliamo di argomenti di grande interesse come: cos’è il fegato, le sue principali funzioni nell’organismo, e quali sono le migliori piante medicinali per mantenere un fegato sano e aiutare a migliorare i disturbi del fegato.

Cos’è il fegato?

È un organismo multifunzionale e complesso che si distingue per le sue funzioni:

  • Vascolare (immagazzina fino al 10% del volume sanguigno circolante)
  • Metabolico (da proteine, grassi e carboidrati, tra gli altri)
  • Segreto ed escretore (responsabile della formazione della bile)

Il fegato ha funzioni molto importanti nella digestione, nonché nell’elaborazione e nella distribuzione dei nutrienti nel corpo.

Conosceremo maggiori dettagli su ciò che rende questo organo così importante nel nostro corpo.

Principali funzioni svolte dal fegato

In parole povere, il fegato trasforma lo zucchero in glicogeno e lo immagazzina fino a quando non è necessario nel corpo. Allo stesso modo con vitamine, minerali e ferro. La produzione di acidi biliari scompone il grasso negli alimenti in modo che il corpo assorba le vitamine A, D ed E.

Inoltre, il fegato trasforma le proteine ​​in amminoacidi, sintetizza amminoacidi non essenziali e produce proteine ​​essenziali.

Filtra il sangue inviando le tossine ai reni per essere eliminate attraverso l’urina.

Da qui l’importanza di prestare molta attenzione al fegato e di prevenirlo da agenti tossici che possono alterarne il metabolismo. Una dieta a base di frutta e verdura biologica, di stagione e locale, insieme ad abitudini di vita attive, è la migliore prevenzione.

Principali malattie che colpiscono il fegato

Quando le cellule del fegato sono danneggiate e non possono svolgere le loro funzioni, gli enzimi vengono rilasciati nel sangue.

Le malattie che possono avere una maggiore incidenza nel fegato e le sue funzioni si distinguono in:

  • Malattie virali ( epatite )
  • Lesioni a lungo termine e consumo eccessivo di sostanze tossiche come l’alcol ( cirrosi )
  • Condizioni che hanno un’origine metabolica o ereditaria (come ittero e fegato grasso ).

Tuttavia, ci sono anche disturbi epatici transitori che possono manifestarsi in modo acuto e puntuale.

In particolare, il fegato è estremamente resistente e ha la capacità di rigenerarsi dopo lesioni o infiammazioni dai depositi di nutrienti.

Quando il fegato non può rigenerarsi e compensare il danno, inizia a perdere la sua capacità di filtrare e immagazzinare i nutrienti, cosa che spesso si verifica in malattie come l’epatite e la cirrosi.

Cirrosi, epatite virale e diabete mellito alterano la fisiologia, il metabolismo e la composizione cellulare del fegato , casi in cui prevalgono i processi ossidativi e la lipoperossidazione delle membrane cellulari. Ecco perché possono verificarsi interazioni con diabete e steatoepatite .

Queste malattie possono o non possono avere chiari sintomi che il fegato non sta bene . La malattia del fegato più facile da rilevare è l’ittero, che conferisce ai tessuti del corpo una tonalità giallastra.

L’infiammazione del fegato provoca mal di testa, gonfiore e dolore acuto sul lato destro del corpo.

I disturbi che colpiscono il fegato possono essere rilevati e diagnosticati eseguendo esami del sangue e, in alcuni casi, ecografie e biopsie .

Le 8 migliori piante medicinali per il fegato

  • Boldo (Peumus boldus)

Pianta originaria del Sud America di cui le foglie e la corteccia vengono utilizzate a scopo terapeutico.

Contiene flavonoidi e alcaloidi, tannini e resina. Viene utilizzato nel trattamento di cefalee , reumatismi, dolori mestruali, infiammazioni delle vie urinarie e come sedativo. Il Boldo ha proprietà coleretiche, colagoghe, diuretiche e stomachiche.

Dosaggio: ESCOP ( European Scientific Cooperative on Phytotherapy ) consiglia da 2 a 5 g come infusione. Durata massima del trattamento 4 settimane.

Scegli sempre un Boldo ecologico .

Precauzioni: è controindicato in caso di ostruzione biliare.

  • Rosmarino ( Rosmarinus officinalis )

Arbusto tipico delle regioni secche e calde del Mar Mediterraneo. Le foglie e le sommità fiorite sono utilizzate per scopi medicinali.

Tra le sue molteplici proprietà si distingue come stimolante della colecisti, nonché stimolante del sistema nervoso, con azione antibatterica, antivirale, antitumorale, antispasmodica, antinfiammatoria, antiepatotossica, coleretica e colagoga, antiossidante ed emmenagoga .

Dosaggio: infusione con 2-3 g di foglie e fiori essiccati in 150 ml di acqua, tre volte al giorno.

Optate per un rosmarino biologico .

Precauzioni: Controindicato in caso di ostruzione delle vie biliari e predisposizione allergica.

  • Camomilla ( Matricaria chamonilla )

I suoi fiori vengono utilizzati per molteplici trattamenti. Contiene flavonoidi e tannini.

È ampiamente usato per l’ansia e l’insonnia e le sue proprietà hanno attività nel processo digestivo aumentando la produzione di succhi gastrointestinali, rilassamento muscolare e protettore dell’ulcera peptica. Ha effetti antinfiammatori e sedativi.

Dosaggio: ESCOP consiglia l’infusione di 3 g in 150 ml di acqua 3-4 volte al giorno.

Cerca una camomilla biologica .

Precauzioni: ha potenziale allergenico.

  • Tarassaco ( Taraxacum Officinale )

I principi attivi vengono estratti dalle foglie, raccolte prima della fioritura, e dalla radice.

Per le sue proprietà è depurativa o drenante epato-renale, stimolante dell’appetito e diuretica. È usato come tonico digestivo in caso di stitichezza, condizioni del fegato e della cistifellea.

Dosaggio: ESCOP consiglia l’infusione di radice in polvere da 3 a 5 g in tre dosi al giorno. Per le foglie secche in polvere, infondere da 4 a 10 g tre volte al giorno. Tempo massimo di trattamento 2 settimane.

Scegli un dente di leone biologico .

Precauzioni: è controindicato in caso di ostruzione del dotto biliare o del tratto intestinale, infiammazione acuta della colecisti o ulcera peptica.

  • Carciofo e carciofo ( Cynara scolymus e C. cardunculus L.)

È una pianta domestica di origine mediterranea, coltivata solo nelle regioni subtropicali.

Contiene acidi caffeilchinici e flavonoidi. Gli studi hanno dimostrato la sua efficacia nel trattamento delle condizioni epatobiliari e digestive , come dispepsia, sensazione di pienezza, flatulenza, nausea, mal di stomaco e vomito. Nella medicina tradizionale gli vengono attribuiti effetti antianemici, antidiabetici, antipiretici, antinfiammatori e antilitiasici.

Dosaggio: EMA (Agenzia Europea dei Medicinali) raccomanda: Sotto forma di infuso con foglie tritate o polverizzate, 6 g al giorno o 3 g due volte al giorno. Gli estratti secchi vengono utilizzati anche in dosi diverse. Tempo massimo di trattamento 2 settimane.

Trova carciofo biologico per infusione.

Precauzioni: È controindicato nei casi di ipersensibilità ai principi attivi della famiglia delle Asteraceae, casi di ostruzione delle vie biliari, colangite, calcoli biliari e altre alterazioni.

  • Curcuma o Zafferano Indiano ( Curcuma longa )

È una pianta originaria e coltivata nei paesi asiatici a clima tropicale, ampiamente utilizzata come parte dei condimenti tradizionali, come il curry, e come colorante.

Viene utilizzato per le malattie dell’apparato digerente per il suo effetto stimolante, antiulcera, epatoprotettivo e nelle malattie del fegato . È stato confermato che previene i danni al fegato indotti da agenti come alcol, ferro e tossine.

Dosaggio: sia EMA che ESCOP indicano: infusione da 0,5 a 1 g tre volte al giorno.

Curcuma macinata biologica e radice di curcuma intera.

Precauzioni: esiste la possibilità di ipersensibilità ad alcuni dei suoi componenti.

  • Liquirizia , liquore alla radice, bastoncino dolce o radice di liquirizia ( Glycyrrhiza galabra )

Questa radice è nota per essere un rimedio con azione antiulcera, espettorante e antitosse , utilizzata per la cura dell’epatite cronica e come antiallergico.

I principi attivi sono sia saponosidi triterpenici (glicirrizina) che flavonoidi, hanno un effetto inibitorio sulla citotossicità epatica come antiossidanti, antinfiammatori e antitumorali, nonché un effetto epatoprotettivo contro la tossicità indotta da agenti chimici.

Dosaggio: la dose giornaliera sicura accettata è da 0,015 a 0,229 mg di glicirrizina per kg di peso corporeo, da 1 a 4 grammi al giorno, per un massimo di 4 settimane. Si consiglia di seguire le istruzioni di un professionista.

Ecco la liquirizia biologica per infusione.

Possibili effetti avversi e precauzioni: la glicirrizina inibisce l’enzima responsabile dell’inattivazione del cortisolo e del progesterone, per cui l’esposizione continua a quantità elevate può causare mineralcorticoidi che scompaiono dopo l’interruzione del trattamento, ma il suo uso prolungato o eccessivo può causare edema, ipertensione e ipokaliemia. Non va consumato in caso di ipertensione, insufficienza renale o in associazione a trattamenti con glicosidi cardiaci.

  • Cardo mariano o cardo mariano ( Silybum marianum )

È una pianta comune in Europa, Africa e Asia. I suoi componenti principali sono di natura lipidica (20-30%), un olio costituito principalmente da acido linoleico e oleico. I principi attivi sono di natura fenolica.

Nella medicina tradizionale è stato utilizzato nel trattamento della dispepsia e dei calcoli renali , oltre che di amenorrea, stitichezza, diabete, raffreddore da fieno, vene varicose e malattie del fegato .

Le sue attività farmacologiche sono legate alle proprietà antiossidanti e inibitorie della perossidazione lipidica, nonché direttamente e indirettamente come modulatore dell’infiammazione, della fibriogenesi e dei processi metabolici intraepatici. ESCOP lo indica nei casi di tossicità epatica e come trattamento per l’infiammazione cronica del fegato e la cirrosi .

Dosaggio: Le dosi sono indicate per farmaci che vengono estratti dalla pianta (silimarina), da 154 a 324 mg suddivisi in 2 o 3 dosi giornaliere (metodo HPLC della Farmacopea Europea).

Precauzioni: Il suo uso in forma di infusione non è raccomandato a causa della bassa solubilità in acqua dei suoi componenti attivi. Ha effetti lassativi moderati e può causare disturbi gastrointestinali, mal di testa e vertigini.

Non dimenticare che si tratta di informazioni generali e in nessun caso sostituiscono il parere medico. L’uso delle piante medicinali non deve essere considerato sicuro, in quanto hanno componenti chimici e, quindi, devono essere somministrate dietro prescrizione di un professionista con conoscenza dei loro composti, della qualità degli estratti o dei componenti isolati che possono essere acquisiti, poiché la maggior parte delle ricerche viene svolta per uso farmaceutico, non per l’autosomministrazione domiciliare.

Nessuna delle piante medicinali può essere utilizzata nelle donne in gravidanza, nei bambini di età inferiore ai 12 anni e durante l’allattamento.

fonti

  • “Anatomia chirurgica e radiologica del fegato. Fondamenti per le resezioni epatiche ”, Carlos Manterola, Mariano del Sol, Nicolás Ottone e Tamara Otzen. Università di La Frontera, Temuco, Cile. Int. J. Morphol. 2017.
  • “Il fegato. Valutazione dell’evoluzione silente della malattia epatica”. Rapporto PKID sull’epatite pediatrica.
  • “Fitoterapia molecolare come parte della medicina alternativa complementare nelle malattie del fegato”, María de la Luz Miranda Beltrán, Luis Huacuja Ruiz, Alama Lorena López Velázquez, Arturo Panduro Cerda. Università di Guadalajara. 2005.
  • “Piante medicinali nel trattamento delle malattie epatobiliari (I), (II), (III), (V) e (VII)”, María Emilia Carretero Accame. Consiglio Generale degli Ordini Ufficiali dei Farmacisti.
  • “Piante medicinali. Quaderno degli esercizi ”, Laboratorio di farmacia naturale, Centro affari Loeches. UPA Madrid, giugno 2013.
  • Boldo. Indicazioni terapeutiche ”, Ángel M. Villar del Fresno e Pilar Gómez-Serranilllos. Dipartimento di Farmacologia, Facoltà di Farmacia, Università Complutense di Madrid. 2006.
  • “Più di 100 piante medicinali della medicina popolare delle Canarie”, Cruz Suárez, S. Jorge. Obra Social de La Caja de Canarias. 2007.
  • “Dispepsia funzionale. Piante medicinali per il loro trattamento ”, M. Tránsito López Luengo, Farmaceutico. OFFARM. 2007.

.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *