Suggerimenti

Ortaggi a radice: [Pianta, cura e tipi]

Cosa sono gli ortaggi a radice?

Sono piante con radici commestibili .

Questi sono intesi come organi ramificati e vegetativi che crescono nel sottosuolo , e assolvono alla funzione di assorbire l’acqua e i nutrienti presenti nel terreno , per poi trasportarli al resto della pianta. 

È fondamentale notare che le persone spesso confondono gli ortaggi a radice con i tuberi . Vi è però una marcata differenza tra i due termini , perché i tuberi sono fusti globosi sotterranei , non radici.

Le piante con radici commestibili racchiudono un numero considerevole di specie che non appartengono alla stessa famiglia botanica , questo perché non hanno le stesse caratteristiche esterne.

Tuttavia, all’interno del gruppo degli ortaggi a radice , possiamo trovare: piante con radici tuberose adattate e ispessite per immagazzinare sostanze nutritive prodotte da organi esterni; e piante bulbose , i cui organi di accumulo sotterraneo sono prodotti dall’ispessimento della base delle foglie (Horticultura.tv, 2011).           

Lo sapevate…
Sapevi che Allium è il genere delle cipolle, dell’aglio, dei porri e dell’erba cipollina e che il suo caratteristico aroma funge anche da repellente per le zanzare ?

Tipi di ortaggi a radice

Aglio (Allium sativum)

Non si sa con certezza se classificare queste piante all’interno della famiglia delle Liliaceae o all’interno delle Amaryllidaceae, per le loro complesse caratteristiche.

È una pianta perenne con foglie piatte lunghe fino a 30 cm e un bulbo bianco , che forma un capolino diviso in spicchi (denti).

Attualmente, aglio viene utilizzato come un potente antibiotico naturale ed è un’importante fonte di fosforo vitamine, calcio e B .   

 Per saperne di più: Come seminare l’aglio. 

Sedano rapa (Apium graveolens)

Appartiene alla famiglia delle Apiaceae .

Viene coltivato per la sua radice spessa e sferica , con dimensioni comprese tra 10 e 20 cm di diametro. Le sue foglie sono più piccole di quelle del sedano comune, e ugualmente pennate.   

 Per saperne di più: Come piantare il sedano

Barba di capra o scorzonera (Tragopogon porrifolius)

Appartiene alla famiglia delle Asteraceae.

È una specie di pianta erbacea annuale o biennale, con fusto eretto che può raggiungere fino a 1,5 metri di altezza; foglie basali semilanceolate; e robusta radice, lunga conica e commestibile.

Patata dolce (Ipomea batatas)

Conosciuto anche come patata dolce, patata dolce o patata dolce.

Appartiene alla famiglia delle Convolvulaceae. Sono piante rampicanti ; con fusti sottili ed erbacei; foglie intere o seghettate; e spesse radici tuberose commestibili.

Il suo valore nutritivo è superiore a quello della patata e si distingue per il contenuto di provitamina A, vitamina B1 e vitamina E.

 Per saperne di più: Come coltivare le patate dolci. 

Cipolla (Allium cepa)

Appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae .

Pianta erbacea biennale, le cui foglie formano guaine fogliari che avvolgono un bulbo bianco, giallo o porpora (a seconda della specie coltivata).

La cipolla è usata per combattere i reumatismi, scioglie l’acido urico e alcalinizza il sangue.

 Per saperne di più: Come seminare le cipolle. 

Pastinaca (Pastinaca sativa)

Appartiene alla famiglia delle Apiaceae.

È una specie biennale con radice principale carnosa, spessa, color avorio; il suo corto stelo dà origine a foglie che formano una rosetta, e ombrelle con piccoli fiori .

Sebbene il suo aspetto sia simile a quello delle carote, nell’antichità serviva come sostituto delle patate .   

Porri (Allium ampeloprasum var. Porrum)

Chiamato anche porro, poro, ajoporro o cipolla lunga , appartiene alla famiglia delle liliacee . È una pianta biennale coltivata per le foglie, il bulbo e i fiori commestibili.

Un porro può essere alto fino a mezzo metro e spesso da 3 a 5 cm.

Ha un sapore simile a quello della cipolla ed è ricco di vitamine del gruppo B ; Inoltre, è un’importante fonte di inulina (un componente con diverse applicazioni industriali). 

 Per saperne di più: Come seminare i porri

Ravanelli (Raphanus sativus)

Appartiene alla famiglia delle Brassicaceae . È una pianta annuale con una radice commestibile; il suo fusto può essere alto fino a 1 m e presenta poche ramificazioni; le sue foglie sono picciolate.

I ravanelli sono ricchi di potassio .

Barbabietola (Beta vulgaris)

Conosciuto anche come barbabietola e barbabietola, appartiene alla famiglia delle Amaranthaceae .

È una pianta erbacea annuale, ramificata e frondosa, di colore verde o viola. Le sue foglie sono picciolate e il suo fusto può raggiungere i 2 metri di altezza.

Produce radici tuberose spesse, carnose , commestibili, di colore rosso o viola (a seconda della varietà utilizzata). È ricco di potassio ed è talvolta usato come colorante naturale.

 Per saperne di più: Come seminare le barbabietole

Carota (Daucus carota)

Appartiene alla famiglia delle Apiaceae .

È una pianta biennale con foglie che formano una rosetta ; fusto alto fino a 10 cm; e una radice arancione, gialla o viola (a seconda della specie) che si sviluppa immagazzinando una grande quantità di zuccheri.

Le radici possono essere consumate crude, cotte, fritte o al vapore ; ha più carboidrati delle altre verdure e sono ricche di betacarotene, provitamina A, vitamina E e minerali come fosforo, magnesio, iodio e calcio

 Per saperne di più: Come piantare le carote

Semina ortaggi a radice

Sebbene gli ortaggi a radice non appartengano alla stessa famiglia botanica, presentano esigenze simili in termini di semina, irrigazione e manutenzione.

In questo ordine di idee, ad eccezione delle bulbose, la maggior parte si riproduce per seme , quindi si possono realizzare aiuole (con una profondità di 2 o 3 cm) per il successivo trapianto al terreno definitivo.

Dal canto loro, sia per le bulbose che per quelle trapiantate dalle aiuole, la messa a dimora deve essere lineare, con interfila di 20 cm per alcune varietà di ravanelli e carote, 30 cm per le barbabietole, 90 cm per le patate dolci. e così via, a seconda delle dimensioni della radice e della specie.

Lo stesso vale per lo spazio tra i piani.

Gli ortaggi a radice prediligono terreni leggeri e fertili, preparati o concimati fino a un anno in anticipo e privi di letame umido, poiché questo può marcire le radici.

Per quanto riguarda il clima , le piante con radici commestibili richiedono climi caldi o freschi, essendo poco tolleranti al freddo.

Come si innaffiano?

Le innaffiature di queste piante devono essere regolari, in modo da garantire un’umidità costante ed evitare ristagni d’acqua al terreno.

Che si tratti di irrigazione a solco oa goccia , l’importante è non dimenticare che questi ortaggi sono suscettibili sia alla mancanza che all’eccesso di acqua . Per quanto riguarda la periodicità dell’irrigazione , essa dipenderà dalle specie coltivate .

A volte si consiglia di effettuare una pacciamatura per modificare le condizioni climatiche esterne , garantire la necessaria quantità di acqua nei solchi e proteggere la coltura dall’aridità del terreno. 

 Si consiglia l’irrigazione a goccia. 

Principali parassiti e malattie degli ortaggi a radice

Tra i parassiti e le malattie che colpiscono gli ortaggi a radice troviamo i seguenti (principalmente):

  • vermi grigi (Agrotis) : Durante le notti, i bruchi divorano le parti aeree delle piante, e quando finiscono iniziano a divorare i colli delle radici commestibili.
  • Muffa (Pernospora) : è una malattia causata da funghi del gruppo degli oomiceti. I sintomi si presentano come macchie giallo-brune sulla parte superiore delle foglie, che le soffocano fino a quando non si seccano.   
  • Mosche : Ditteri le cui larve producono gallerie nelle radici e nelle foglie della pianta. Per ogni varietà di ortaggi a radice esiste un tipo di dittero. I più popolari sono la moka di carota (Psila rosae), la moka di barbabietola (Pegomya betae) e la mosca bianca (Aleyrodidae), che attaccano specie come il ravanello. 
  • Nematodi del suolo (Heterodera) : è un parassita che parassita le radici, provocando l’ ingiallimento delle fogliee la paralisi dello sviluppo della pianta. Ci sono molte specie, come Heterodera carotae, con una preferenza speciale per le carote, o Heterodera schachtii, che preferisce le barbabietole o le bietole.   
  • Afidi (Aphididae) : Producono arricciamento delle foglie e indebolimento delle piante; inoltre, sono vettori di malattie virali, soprattutto se depositano le loro larve. 
  • Rizoctonia : è una malattia trasmessa da funghi alla radice della pianta, producendone una grave decomposizione. I primi sintomi visibili sono l’ingiallimento del fogliame e il marciume nero dei piccioli.   

Storia degli ortaggi a radice

La nascita degli ortaggi è legata alle prime civiltà del Neolitico , quando cioè l’uomo iniziò per la prima volta a lavorare la terra, come attività complementare alla caccia.

Da quanto documentato nelle tombe egizie e sui giardini di Babilonia , si può pensare che la maggior parte dei vegetali in Europa provenga dall’Asia, essendo stata introdotta dagli Arabi durante la loro conquista del Mediterraneo .

Per quanto riguarda ortaggi a radice , v’è la prova che le carote sono stati coltivati in odierni Afghanistan migliaia di anni fa.

A quel tempo, il vegetale era una radice di colore viola , bianco o giallo e aveva un sapore amaro (Arnetta, 2014).

È stato introdotto in Europa tra l’VIII e il X secolo , ea poco a poco si è risvegliato l’interesse per la varietà di arance , soprattutto nei Paesi Bassi , poiché serviva come tributo alla Casa d’Orange , a metà del XVII secolo. 

Anche la pastinaca , un’altra pianta commestibile con radici , era molto popolare nel Medioevo . Queste radici hanno sostituito le patate negli stufati europei prima dell’incontro con l’America (Azcoytia, 2008).

Troviamo , d’altra parte, anche polemiche sulla storia di questi ortaggi. Ad esempio, le patate dolci risalgono ad almeno 10.000 anni fa e fino ad oggi si pensava che fossero originarie dell’America .

Tuttavia, diverse indagini hanno rivelato la possibilità che siano state introdotte in quel continente dai polinesiani , il che farebbe dubitare che le prime navi ad arrivare nel continente siano state quelle di Colón (BBC Mundo, 2013).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.