Suggerimenti

Scarabeo della patata: [Identificazione, eliminazione e prevenzione]

Cos’è lo scarabeo di patate?

Lo scarabeo della patata è scientificamente noto come Leptinotarsa ​​decemlineata .

È un insetto lungo un centimetro con un’ampia distribuzione mondiale che attacca le piantagioni di patate, causando notevoli danni alle colture.

È un coleottero della famiglia Chrysomelidae, la cui origine risale al XIX secolo in Messico e nelle Montagne Rocciose degli Stati Uniti.

In Europa è noto a causa dell’importazione di patate in questo continente, il che indica che lo scarabeo della patata si è espanso nella stessa misura della pianta.

Questa specie era inizialmente conosciuta come lo scarabeo del Colorado, ma in seguito fu ribattezzato scarabeo della patata. È considerato un formidabile nemico delle piantagioni e in Europa si ritiene che debba essere attaccato in tempo perché è in grado di provocare una grande carestia nel continente.

Nella campagna per sradicarlo è stata dispiegata un’offensiva gigantesca e molto ben organizzata di uomini e materiali, che ha permesso di contenerlo.

Come possiamo identificarlo?

Caratteristiche morfologiche

Ha una testa rossastra e il suo guscio è ricoperto di strisce gialle e nere .

Ha uno schema di posizionamento costituito da cinque strisce scure per elitre su uno sfondo giallastro, che lo rende identificabile grazie a questo dettaglio.

Si riproduce rapidamente, in quanto può deporre due o tremila uova sulla pagina inferiore delle foglie di patata. Tuttavia, non lo fa tutto in una volta, ma depone invece circa venti o trenta uova su ciascuna delle foglie.

Come il particolare colore del loro guscio, anche le loro uova hanno un colore arancione molto vistoso, mentre le larve sono di colore rossastro.

Modello di condotta

È particolarmente identificato dal modo in cui attacca le colture. Le larve, quando si schiudono, provocano notevoli danni, poiché le uova si nutrono delle foglie.

Pertanto, uno dei modi per rilevarlo è osservare il modo in cui le foglie vengono rosicchiate e arrotolate, sintomo inequivocabile di un attacco parassitario.

Tempo di attivazione

Il coleottero della patata sverna da adulto nel terreno e diventa attivo con l’arrivo della primavera ; Ha tre generazioni all’anno, a seconda del tempo e della regione.

La durata del suo sviluppo dipende dalla temperatura, poiché una larva colorata e due linee marroni emergono per lato dopo quindici giorni dalle uova.

Dopo un processo di quattro fasi viene prodotto, il primo dei quali è lungo quasi due millimetri e nel quarto può raggiungere gli otto millimetri; Già in questa fase la larva ha raggiunto il suo massimo sviluppo, raggiungendo una colorazione più chiara.

Quali colture colpisce lo scarabeo della patata?

Il coleottero è un insetto che colpisce principalmente la patata, ma colpisce anche altre piante di belladonna come la melanzana e il pomodoro .

Se non viene attaccata in tempo, provoca notevoli danni che possono portare anche al marciume delle piante .

Come possiamo combatterlo?

Trattandosi di un parassita in rapida evoluzione, bisogna ricorrere ad una prevenzione esaustiva per evitare che prenda il sopravvento sulla pianta, attuando rotazioni .

Non ripetere la coltivazione tra qualche anno ed effettuare il controllo delle infestanti. Una volta che il parassita si è impadronito della pianta, per controllare i danni, dobbiamo intraprendere una raccolta manuale degli insetti adulti.

Si consiglia inoltre di utilizzare prodotti specializzati. Poiché le patate sono esigenti in materia organica, sono ricche di azoto che le rende le preferite del coleottero, quindi dobbiamo concimare con compost abbondante e decomposto per stimolare l’assimilazione del calcio da parte della pianta.

Quali prodotti dobbiamo usare per eliminare lo scarabeo della patata?

Altre misure da prendere sono cospargere la parte inferiore delle foglie con polvere di roccia o alghe e cospargere le prime foglie con impasto di ortica per rafforzarle.

Allo stesso modo, possiamo applicare Bacillus thuringiensis, un batterio gram-positivo che appare naturalmente nell’intestino di falene e farfalle.

Appare anche sulla superficie delle piante, da cui si ricava la tossina Cry , usata come pesticida sulle foglie, dove dobbiamo fare un’applicazione accurata, azione che dobbiamo ripetere in 15 giorni.

In caso di parassiti incontrollati, gli specialisti consigliano trattamenti autorizzati sulle larve, come il Neem , che si applica al crepuscolo.

Esistono altri prodotti specializzati, ecologici, a cui possiamo rivolgerci per risolvere il problema o, in definitiva, consultare specialisti del settore. Tra questi prodotti c’è Sherpa 100 EC, un piretroide sintetico la cui virtù è l’effetto shock che ha e che produce buoni risultati a basse dosi.

Puoi anche usare Mopilan, un insetticida che paralizza gli insetti a morte.

Bibliografia e riferimenti

  • Kuhne, Stefan; Burth, Ulrich; Marx, Peggy. (2011). La cura delle colture biologiche all’aria aperta. Paraninfo editoriale. Madrid, Spagna.
  • Soria Carreras, Santiago; Soria Ruiz-Ogarrio, Santiago. (2017). Determinazione dello stato di salute di piante, suolo e strutture e scelta dei metodi di controllo. Edizioni Paraninfo. Madrid, Spagna.
  • Bardia Bardia, Ramón; Valle Arribas, José. (1943). Un nemico dello scarabeo della patata osservato ad Ametlla del Vallés (Barcellona). Rivista degli Annali della Scuola per Periti Agrari e Superiore di Agraria e dei Servizi Tecnici dell’Agricoltura. Barcellona, ​​Spagna. Riprodotto da: https://www.raco.cat/index.php/AnalesAgricultura/article/download/233982/316067
  • Giornale di tossicologia. (2007). Presenza di residui di pesticidi nelle patate e possibili ripercussioni sugli alimenti. Associazione spagnola di tossicologia. Pamplona, ​​Spagna. Ristampato da: http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=91924322

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.