Suggerimenti

Una guida introduttiva alla coltivazione dei funghi per i principianti

Crescere i funghi a casa ti sembra divertente? State pensando di coltivare funghi per la vostra famiglia o per un piccolo profitto? Potete sentirvi sopraffatti, ma non abbiate paura. Non è così difficile come sembra.

La coltivazione dei funghi sta diventando sempre più popolare man mano che la gente comincia ad apprezzare le delicate differenze di gusto tra le varietà di funghi. Dato che il mercato dei funghi è alto, alcuni tipi possono essere ottenuti ad un prezzo molto alto sul mercato locale.

Inoltre, imparare a coltivare i funghi è un’esperienza che arricchisce. Potrete vedere questi misteriosi funghi crescere dalla spora al piatto. Più si pratica, più si impara, e si trovano nuove tecniche e modi di sperimentare.

La coltivazione dei funghi solleva molti interrogativi; non è così familiare come la coltivazione di zucchine o fagioli. Questa guida intende rispondere a tutte le domande cruciali che devono essere prese in considerazione prima di coltivare i funghi.


Tipi di funghi da coltivare

Avete molte possibilità di scelta per quanto riguarda i tipi di funghi che coltivate. Coltivare un solo tipo di pianta significa che generalmente si hanno meno complicazioni e si possono trovare le condizioni ambientali perfette per quel tipo di pianta. Sperimentare con diversi tipi permette di scoprire ciò che funziona meglio per voi.


Ostriche blu

L’ostrica blu è una varietà facile da coltivare che funziona bene all’aperto o su tronchi di paglia all’interno. È un fungo ben noto, ma di solito non si trova nei negozi di alimentari, quindi può essere ottenuto ad un prezzo decente. Sono la scelta ideale per un principiante perché sono indulgenti.

Hanno un sapore delicato e una consistenza tenera che si presta bene alla cottura.


Il Re delle Ostriche

I funghi ostrica d’oro sono un’altra opzione facile da coltivare, ma danno i migliori risultati quando vengono coltivati su segatura extra invece che su paglia. Sono un po’ più difficili da coltivare delle ostriche blu. Tuttavia, il gusto vale la pena. Le ostriche reali hanno un gusto ricco e carnoso.

Hanno una lunga durata di conservazione; è possibile venderli fino a due settimane dopo che sono stati correttamente raccolti. Tuttavia, poiché hanno una lunga durata di conservazione, significa anche che possono essere spediti su lunghe distanze. Dovranno affrontare la concorrenza dei produttori stranieri.


Chanterelle

Sia chiaro: i galletti non sono facili da coltivare. Sono più per il contadino che cerca una sfida o che ha spazio per giocare e vedere cosa può produrre. Ma se riesci a farli germogliare, avrai un sacco di acquirenti.


La criniera del leone

Lion’s Mane Mushrooms vi distinguerà perché la maggior parte dei consumatori non trova questi bellissimi funghi. Si può raccogliere e consegnare direttamente al cliente, ma bisogna fare attenzione perché hanno denti delicati.

La criniera del leone è deliziosa, con un gusto burroso e lobato, e la sua cultura produrrà grandi raccolti.


Tappo da vino

Il tappo del vino è un’ottima opzione se siete alla ricerca di un fungo che può crescere nel terreno all’esterno. Ha un bel cappellino rosso che sembra buono sullo scaffale e il suo sapore di nocciola lo rende uno dei preferiti dai compratori.


Shiitake

I funghi Shiitake sono i preferiti dagli acquirenti, ma sono un po’ più difficili da coltivare per i nuovi coltivatori. Se si riesce a capire come farli crescere, c’è una forte domanda. Sono molto conosciuti e apprezzati, quindi vendere i vostri funghi non sarà un problema.


Parti di una casa di funghi

Come la coltivazione di qualsiasi ortaggio, anche la coltivazione dei funghi richiede diversi passaggi da effettuare nel giusto ordine per ottenere i risultati desiderati. I componenti di un fungaio lavorano insieme e tutti gli elementi devono essere in armonia. Naturalmente, la creazione di queste parti può essere semplice o complessa a piacere. Diamo un’occhiata.


1. Il laboratorio

Il laboratorio è il luogo dove inizia il processo di coltivazione dei funghi. In realtà, è anche la parte più difficile del ciclo di crescita per i nuovi coltivatori. Può essere difficile creare un ambiente favorevole alla crescita del micelio dei funghi; per la sua crescita è necessario un ambiente umido e ricco di sostanze nutritive, come ad esempio un barattolo di cereali o una capsula di Petri riempita di agar.

Come il seme è cresciuto, è necessario avere un laboratorio o un luogo sicuro per la crescita del micelio. Idealmente, si vuole che questo spazio sia isolato da tutto il resto e che le pareti e i pavimenti siano puliti. Assicurarsi di poter lavare la zona con la candeggina. Avrete bisogno di un tavolo e di uno scaffale.

Quando si entra in laboratorio, è necessario avere anche una buona igiene in quanto non si vuole introdurre batteri che possono competere con il micelio. La maggior parte dei laboratori dispone addirittura di un filtro HEPA e di un ventilatore per garantire un flusso d’aria pulito.

I piccoli coltivatori di funghi possono cavarsela utilizzando spazi temporanei per lavori di laboratorio. Potrebbero creare uno spazio in una stanza pulita e fare molta attenzione a non esporre le capsule di Petri ai germi.

Se si decide di acquistare semi di cereali precotti, si può evitare la creazione di un laboratorio. Tuttavia, tenete presente che l’acquisto dei semi è un costo, e per i grandi coltivatori di funghi, a lungo andare perderete dei soldi.


2. L’area di preparazione

Questa è un’area di preparazione che dovrebbe essere pulita ma non un laboratorio. Un capanno o un garage è eccellente per questo. Qui è dove si preparano i fagioli per la sterilizzazione. Per i coltivatori più grandi, vorrete un’area dove far bollire a fuoco lento i fagioli e scolarli. Ha senso avere uno spazio per questo al posto della cucina.


3. La camera di crescita

La grow room è il luogo dove tutto si riunisce e dove tutto il lavoro che hai fatto prima comincia a dare i suoi frutti. In questo spazio sarete ricompensati con i funghi. Una grow room può essere di qualsiasi dimensione, a seconda della quantità di funghi che si desidera produrre.

Se si cresce in tronchi, è necessaria una barra rigida per appendere i tronchi. Se si sceglie di utilizzare i sacchetti da coltivazione, si possono utilizzare gli scaffali. L’unica cosa è che bisogna essere in grado di controllare questa zona – i livelli di CO2, l’umidità e la temperatura.

Potete anche utilizzare un’area del vostro giardino come “grow room” se coltivate i funghi all’aperto.


Capire la deposizione delle uova e i substrati


Riproduzione

Quando si è pronti per iniziare, si deve decidere che tipo di riproduzione si vuole utilizzare per iniziare la cultura. Si può creare il proprio seme utilizzando una coltura sterile, oppure si può acquistare il seme pronto per essere inoculato.

Iniziare a deporre le uova a casa è un processo abbastanza complicato e più difficile per i principianti. Richiede un costo di avviamento più elevato perché bisogna creare l’area di laboratorio di cui abbiamo parlato prima. Tuttavia, a lungo termine e nel tempo, è la via più economica.

L’acquisto di uova pronte per essere vaccinate è perfetto per i principianti. Non c’è bisogno di un laboratorio sterile. Lo svantaggio è che bisogna acquistare questi semi dai fornitori e costa di più se si gestisce un’azienda agricola di funghi su larga scala.


Substrato

Dopo la deposizione delle uova, è necessario scegliere un substrato sul quale i funghi cresceranno. Questo è uno degli aspetti più importanti della coltivazione dei funghi.

Non dimenticate che la coltivazione dei funghi è molto diversa da quella delle piante. Il modo in cui i funghi usano un substrato non è il modo in cui le piante usano il suolo. Il substrato viene utilizzato per l’energia e la nutrizione, ed è necessario per la crescita e la fruttificazione dei funghi. Funghi diversi richiedono substrati diversi.

Ecco alcuni comuni substrati a fungo

Paglia

La paglia pastorizzata è comunemente usata per coltivare i funghi ostrica. È economico ed efficace, ma è un disastro.

Segatura di legno duro

Utilizzare segatura di legni duri come la quercia, il faggio e l’acero. Funziona molto bene per molti tipi di funghi.

Letame

I funghi bottone crescono bene nel concime compostato, soprattutto se preparato con un processo di compostaggio e sterilizzazione in due fasi.

Corero di vermiculite di cocco

La noce di cocco è una miscela di gusci di noce di cocco e gusci di cocco schiacciati. I coltivatori di funghi lo mescolano poi con la vermiculite per creare un substrato.

Piante di caffè

Potreste rimanere sorpresi nell’apprendere che i funghi crescono sui fondi di caffè e su altri rifiuti urbani. Le foglie di banana sono un’altra opzione.


Inizia la coltivazione dei funghi


1. Preparare il substrato

Prima di fare qualsiasi altra cosa, il substrato deve essere preparato. Tagliate la cannuccia o qualsiasi cosa vogliate usare in pezzi corti. Poi bagnare il substrato.

Riscaldare il materiale in acqua bollente e farlo bollire per mezz’ora. Quindi toglierlo dall’acqua bollente, scolarlo e stenderlo su una superficie pulita per raffreddarlo.

Questo processo è chiamato sterilizzazione o pastorizzazione. Muffe e batteri possono anche crescere in zone umide, quindi questi processi rimuovono qualsiasi batterio o microrganismo che potrebbe danneggiare o uccidere la vostra covata.

Questo processo può variare a seconda del substrato, ma è generalmente abbastanza simile.


2. Mettere il substrato in sacchetti di plastica

Una volta che il materiale si è raffreddato, avvolgerlo in sacchetti di plastica. Mettete due o tre cm di substrato nel sacchetto di plastica e poi cospargete i semi. Continuare questo processo fino a quando il sacchetto è pieno. Chiudere la parte superiore del contenitore e praticare dei fori.


3. Incubazione

Il passo successivo è l’incubazione. Il sacchetto di plastica contenente le uova deve essere conservato in un luogo vicino a 78℉. È meglio conservarli su uno scaffale che non riceva luce naturale. Idealmente, le finestre e le crepe dovrebbero essere coperte e si dovrebbe usare una luce rossa da camera oscura quando i bagagli devono essere controllati.

Lasciateli incubare fino a quando non vedrete dei piccoli funghi con la punta a spillo vicino ai fori di ventilazione nel sacchetto. Poi è il momento di passare al passo successivo nella coltivazione dei funghi. Anche in questo caso, questo processo può variare a seconda dei vostri funghi.


4. Iniziare la fase di fruttificazione

Ora si può passare alla fase di fruttificazione. In questo spazio, sia che si tratti di una stanza o di un piccolo angolo creato per la frutticoltura, è necessario un alto livello di umidità. La temperatura dovrebbe essere di circa 65 gradi su 70℉. A differenza della fase di incubazione, la fruttificazione richiede molta luce naturale, circa 12 ore al giorno.

Per iniziare la fase di fruttificazione, il micelio deve essere scaricato, il che costringe i giovani a dare frutti. Per fare questo, spostare le borse in un luogo fresco per un giorno. Gli scantinati sono di solito una buona opzione, poi spostarli nella sala di fruttificazione. Quando li spostate nella sala di fruttificazione, tagliate il sacchetto in modo che i funghi possano iniziare a crescere.


5. Per raccogliere e preparare per la vendita

Prima che i tappi dei funghi comincino a svitare, questo è il momento migliore per raccogliere i funghi. La raccolta dei funghi è uno dei passi più semplici. Per la maggior parte dei funghi, basta girare il gambo vicino al blocco di coltivazione. Alcuni hanno bisogno di un coltello affilato per tagliare il fungo alla base.

È essenziale che i coltivatori utilizzino solo strumenti e attrezzature pulite per la raccolta. Indossare i guanti e considerare l’idea di indossare una maschera. Alcuni coltivatori sviluppano un’allergia alle spore dei funghi che coltivano.

Fate del vostro meglio per raccogliere correttamente per ottenere il prezzo migliore. Assicuratevi di rimuovere tutto il materiale del substrato in modo che i vostri clienti siano soddisfatti dei vostri funghi di alta qualità.


Inizia la tua azienda di funghi

Naturalmente, la coltivazione di funghi non si limita a questo. Non dimenticate che dovete tenere conto delle normative locali e comunali se crescete fuori casa. Anche le leggi sulla zonizzazione svolgono un ruolo importante. È quindi essenziale che chiunque voglia iniziare a coltivare funghi si prenda il tempo necessario per condurre un’indagine approfondita. Non si vuole investire in attrezzature solo per scoprire che si sta violando la normativa locale.

Ricordate che la coltivazione dei funghi è ancora un’attività agricola, anche se su scala ridotta. Richiede molto lavoro, ma è molto gratificante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *