Vantaggi e svantaggi

Vantaggi e svantaggi della piantagione complementare

Ci sono così tanti buoni motivi per piantare e così tanti benefici per il vostro giardino che è difficile immaginare perché non lo fareste. Dal controllo naturale dei parassiti al miglioramento della qualità del terreno e dell’aspetto delle vostre aiuole, la risposta è la piantagione supplementare. E anche se tutto questo è bello, a volte sorgono problemi di piantagione. Ecco perché è importante conoscere gli svantaggi della piantagione complementare e i suoi vantaggi prima di praticare questa comune tecnica di giardinaggio.

I pro della piantagione complementare

Disinfestazione naturale . La pratica di piantare piante compagne per ridurre i danni causati dai parassiti, chiamata “crop trapping”, è vecchia di secoli. Tra tutti i vantaggi della piantagione, è uno dei più pratici e redditizi. Ne sono un esempio le calendule, che aiutano a sopprimere i nematodi, e i nasturzi, che tengono lontani gli afidi dalle piante di pomodoro. È inoltre possibile utilizzare i compagni per attirare gli insetti benefici, come l’aneto o il finocchio per attirare le coccinelle, predatori che si nutrono di parassiti.
Fiori per tutta la stagione . I vantaggi aggiuntivi della piantagione possono anche essere puramente estetici. Piantate le piante perenni con una corretta fioritura in un’aiuola e otterrete fiori continui dalla primavera all’autunno.
Un’impalcatura naturale . Alcune piante vanno bene insieme perché una pianta è alta, forte e dritta, mentre l’altra ha bisogno di un’impalcatura per sostenersi da sola. Ad esempio, si pianta il mais accanto ai fagioli, e i fagioli hanno un sistema di supporto naturale.
Migliore fertilità del suolo . Alcune piante da compagnia lavorano per arricchire il loro terreno. Ad esempio, includendo legumi come il trifoglio o i piselli in un letto, si aggiunge azoto al suolo per arricchirlo e favorire le altre piante del letto.
Rifilatura infermiera . Coltivare due colture insieme che vanno a beneficio l’una dell’altra si chiama coltivazione da infermiera. Un esempio è la coltivazione della lattuga con i broccoli. Il broccolo cresce precocemente e rapidamente, e fornisce foglie in ombra per la lattuga a crescita più lenta. L’ombra protegge la lattuga e le impedisce di traboccare.

Contrasti di impianto complementare

Non è una scienza esatta . Come già detto in precedenza, l’impianto complementare non è supportato da alcun fatto scientifico comprovato. La maggior parte delle richieste sono proprio queste, sulla base delle informazioni trasmesse nel corso degli anni. Per questo motivo i risultati differiscono da luogo a luogo e da giardiniere a giardiniere. Mentre alcuni sostengono che alcune piante sono buone e utili, per altri queste stesse piante possono rivelarsi incubi sacri. Prendete questi nasturzi, per esempio. Si dice che proteggano da molti insetti parassiti, ma attirano gli afidi. Quindi, se avete intenzione di aggiungerli al giardino contemporaneamente ai vostri raccolti, pianificate di perdere il vostro raccolto a causa delle infestazioni di afidi. Anche le calendule non sono sempre una cosa sicura. Le ho piantate per anni con i miei pomodori e altre colture di ortaggi nella speranza di evitare potenziali criminali, ma le piante sono cadute vittime degli stessi insetti che i fiori avrebbero dovuto ricrescere.
Variabili ambientali . La temperatura, l’umidità del suolo, il pH, il pH, la luce del sole e la disponibilità di sostanze nutritive differiscono per ogni pianta e queste variabili possono cambiare continuamente anche in giardino. Pertanto, anche se pensate che le vostre piante possano crescere insieme, le specie meno adatte potrebbero non sopravvivere. Queste variabili possono anche influenzare la crescita di altre piante che sono meglio attrezzate per crescere in aree dove prima non lo erano – note anche come erbacce.
Non tutti gli impianti sono compatibili . La maggior parte delle piante che condividono condizioni di crescita simili sono considerate buone compagne. Quando si prende il compagno di piantagione, le piante devono essere compatibili e, francamente, ci sono un certo numero di piante che non si piacciono. Dovrebbero avere condizioni di crescita simili e condividere le stesse esigenze nutrizionali. Non tutti lo fanno. Senza prendersi il tempo di indagare in anticipo, può essere difficile sapere quali piante lavorano bene insieme prima che sia troppo tardi.
Ci sono anche altri fattori da considerare. Ad esempio, alcune piante, come i girasoli, rilasciano composti tossici che possono influenzare altre piante che crescono nelle vicinanze. Queste tossine allelopatiche possono inibire la germinazione e la crescita dei semi, il che può essere un bene per ridurre le erbacce iperattive, ma non è un bene se si prevede di far crescere semi o piantine.

Come va la piantagione del compagno?

Perché piantare insieme certe piante? Perché no? Ci sono molti motivi per accompagnare le piante in giardino, e questi superano di gran lunga gli eventuali svantaggi che si possono incontrare. Detto questo, bisogna tenere presente che può funzionare o meno per tutti. Potrebbe richiedere un po’ più di tempo e di riflessione, ma una piantagione in più vi aiuterà ad ottenere il massimo dal vostro giardino se farete i compiti a casa per assicurarvi che ogni pianta del giardino “giochi bene” con i suoi vicini. Finché non vi aspettate risultati perfetti ogni volta, lasciate che le piante facciano quello che fanno e sperate di dare benefici ai loro partner in giardino.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *