Colfiori

Problemi nella coltivazione del cavolfiore – Per saperne di più sulle malattie del cavolfiore

Il cavolfiore è un membro della famiglia delle Brassica e viene coltivato per la sua testa commestibile, che in realtà è un gruppo di fiori abortivi. Il cavolfiore può essere un po’ difficile da coltivare. Possono verificarsi problemi nella crescita del cavolfiore a causa delle condizioni atmosferiche, delle carenze di nutrienti e delle malattie del cavolfiore. Sapere quali tipi di malattie del cavolfiore possono colpire la verdura e risolvere questi problemi del cavolfiore aiuterà la produzione sana e la resa della pianta.

Malattie del cavolfiore

Conoscere le malattie dei cavolfiori può anche aiutarvi con le altre colture delle crocifere, come il cavolo cappuccio e il cavolo rapa. Le malattie possono essere causate da virus, batteri e funghi.

  • La macchia di foglia Alternaria, o macchia nera, è causata da Alternaria brassicae . Questo fungo appare come macchie ad anello da marrone a nero sulle foglie inferiori del cavolfiore. In uno stadio avanzato, questa malattia fungina provoca l’ingiallimento e la caduta delle foglie. Anche se la macchia di foglie di Alternaria si verifica principalmente sulle foglie, la cagliata può anche essere infettata. La malattia è diffusa dagli sport del vento, dagli spruzzi d’acqua, dalle persone e dalle attrezzature.
  • La peronospora è anche causata da un fungo, Peronospora parasitica , che attacca sia le piante giovani che quelle mature. Appare sulla superficie superiore della foglia come piccole macchie gialle che alla fine diventano marroni. Sul lato inferiore della foglia appare una muffa bianca e pelosa. Può anche verificarsi una decolorazione vascolare. L’oidio funge anche da vettore per il marciume molle batterico.
  • Il marciume molle batterico è una malattia odorosa che si presenta sotto forma di piccole aree bagnate d’acqua che si diffondono e fanno sì che i tessuti vegetali diventino morbidi e pastosi. Penetra attraverso ferite di insetti o danni ai macchinari. L’umidità e le condizioni di umidità favoriscono la malattia. Piante spaziali per consentire la circolazione dell’aria ed evitare di spruzzare. Fare attenzione quando si lavora intorno agli impianti con utensili o macchine. I semi possono anche essere trattati con acqua calda per uccidere il marciume nero e altre infezioni batteriche. Utilizzare anche semi resistenti alle malattie, ove possibile.
  • La gamba nera è causata da Phoma lingam ( Leptosphaeria macutans ) ed è un importante parassita delle verdure delle crocifere. Il fungo rimane nei detriti delle crocifere, nelle erbacce e nei semi. Anche in questo caso, il clima umido è un fattore importante nella diffusione delle spore delle zampe nere. Le piantine colpite muoiono a causa di questa malattia, che appare come macchie gialle o marroni con centri grigi sulle foglie della pianta. L’acqua calda o i fungicidi possono controllare il blackleg, così come limitare il giardinaggio durante i periodi umidi. Se l’infezione è grave, non piantare alcuna coltura di crocifere nella zona per almeno 4 anni.

Altre malattie da cavolfiore

  • Lo smorzamento è causato da funghi del suolo Pythium e Rhizoctonia . I semi e le piantine vengono attaccati e marciscono nel giro di pochi giorni. Le piante più vecchie affette da rizoctonia alla fine sviluppano uno stelo metallico, una condizione in cui lo stelo inferiore si stringe e diventa marrone scuro alla superficie del terreno. Utilizzare sementi trattate, terreno pastorizzato e attrezzature disinfettate per evitare di bagnare la malattia. Non affollare o traboccare le piantine. Seme in un ambiente ben drenante.
  • Un’altra malattia del cavolfiore è la clubroot, causata da Plasmodiophora brassicae . Questa malattia distruttiva del suolo colpisce molti membri della famiglia dei cavoli selvatici e delle erbacce. L’ingresso del fungo attraverso i peli delle radici e le radici danneggiate è rapidamente accelerato. Provoca radici primarie e secondarie anormalmente grandi, che poi si decompongono e rilasciano spore che possono vivere nel terreno fino a un decennio.
  • I sintomi dell’ingiallimento o dell’appassimento del Fusarium sono simili a quelli del marciume nero, anche se possono essere distinti perché la morte delle foglie progredisce verso l’esterno dal picciolo. Inoltre, le foglie colpite di solito si arricciano lateralmente, i margini delle foglie mostrano spesso una striscia rosso-violacea, e le aree vascolari scure non sono rappresentative dei gialli di Fusarium.
  • La sclerotinia sclerotiorum blight è causata da Scierotinia sclerotiorum . Non solo le colture delle crocifere sono suscettibili, ma anche molte altre colture come il pomodoro. Le spore trasportate dal vento attaccano sia le piantine che le piante mature. Lesioni intrise d’acqua compaiono sulla pianta e il tessuto colpito diventa grigio, spesso accompagnato da una muffa bianca lanuginosa spruzzata con un fungo duro e nero chiamato sclerotia. Nelle fasi successive, la pianta viene spruzzata con macchie grigie chiare, marciume del fusto, atrofia della crescita ed eventuale morte.

Risoluzione dei problemi del cavolfiore

  • Se possibile, semi resistenti alle malattie delle piante. Se questo non è possibile, pretrattare i semi con acqua calda per uccidere le infezioni batteriche.
  • Non utilizzare semi vecchi o semi conservati male, che producono piante deboli e soggette a malattie.
  • Evitare di danneggiare le piante di cavolfiore.
  • Praticare la rotazione delle colture per prevenire le comuni malattie dei cavolfiori. In particolare, evitare di piantare piante di cavolfiore (come broccoli, cavoli, cavoli di Bruxelles o cavoli ricci) per almeno tre anni.
  • Mettere la calce nel terreno per prevenire le infezioni fungine.
  • Utilizzare solo pavimenti e strumenti nuovi o sterili.
  • Lasciare spazio sufficiente tra le piantine per consentire una buona circolazione dell’aria.
  • Evitare di innaffiare dall’alto, in quanto ciò contribuirà a disperdere più facilmente le potenziali spore.
  • Rimuovere e distruggere le piantine che mostrano segni di infezione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Cerrar