Orti di cura generale

Come coltivare il basilico

Il basilico è una pianta aromatica che appartiene alla famiglia delle mentine e può essere coltivata tutto l’anno. È una pianta originaria dell’Asia tropicale, ma si pensa che abbia origine in India. Le foglie sono utilizzate come erba culinaria, soprattutto nei piatti mediterranei.

Uno dei motivi per cui il basilico è un’erba popolare in molti piatti nazionali è la sua versatilità, in quanto può essere coltivato in una serra, in una casa calda o su un davanzale. Finché c’è una posizione soleggiata ma riparata, non c’è il gelo e il terreno ricco di sostanze nutritive che scorre liberamente, il basilico può essere coltivato ovunque da chiunque.

Coltivare un piccolo raccolto personale di basilico per la vostra cucina non potrebbe essere più facile e può essere fatto all’interno o all’esterno. Il processo per ognuno di essi è praticamente lo stesso e può anche essere combinato, iniziando a coltivarlo in un contenitore all’interno e poi spostandolo in una posizione soleggiata all’esterno quando il tempo lo permette. Continuate a leggere la nostra breve guida su come coltivare il basilico in casa o in giardino.


Quando coltivare il basilico

Tra marzo e aprile è un buon momento per iniziare a coltivare il basilico. Seminare i semi di basilico prima al chiuso in vasi di compost. Aggiungere uno strato di vermiculite e acqua. Questo fornirà un eccellente isolamento, nonché la ritenzione idrica, che è essenziale per condizioni di germinazione perfette.


Piantare e coltivare basilico

Il periodo migliore per piantare il basilico è a giugno. Mettete circa 5 semi in vasi di 5-7 cm di diametro in una miscela umida, assicuratevi che i vasi abbiano abbastanza fori di drenaggio sul fondo. Coprire leggermente i semi con un composto in polvere, che può essere fatto con un setaccio di farina per dare consistenza, quindi metterli in un luogo caldo.

Un pezzo di pellicola trasparente può essere utilizzato per coprire il vaso, fissato con un elastico, per creare un microclima che favorisce una germinazione più rapida. Una volta che le piantine sono emerse, la pellicola di plastica deve essere rimossa per permettere all’aria fresca di circolare per alcuni giorni prima di essere completamente rimossa.

Mettete il vaso in un piatto d’acqua poco profondo per fornire umidità alle piantine senza danneggiarle, facendo attenzione che il fertilizzante sopra il vaso sia sufficientemente umido ma non bagnato. Dopo circa 2 settimane tutte le piantine dovrebbero essere emerse, e dopo circa 3 settimane le piantine più piccole e deboli dovrebbero essere rimosse, lasciando le 3 piante più forti nel vaso.


Le ultime fasi di crescita

Una volta che ciascuno degli steli è cresciuto più di cinque foglie “vere”, possono essere trasferiti in un vaso più grande o, se preferite, in un vaso esterno per le ultime fasi di crescita. Se il processo continua all’interno, il vaso deve avere un diametro di almeno 10 cm e deve essere posizionato su un davanzale soleggiato o su un banco da serra.

Se vi muovete all’aperto, avrete bisogno di una posizione calda e soleggiata, lontano da forti venti e dopo che il rischio di gelo è passato. Ogni seme deve essere accuratamente rimosso e posto in un foro di 1 cm di diametro con una separazione di circa 10 cm. Il terreno deve essere delicatamente imballato intorno alla base del basilico e annaffiato bene. Possono poi essere lasciati crescere, controllando regolarmente il livello di umidità.


Raccogliere le piante di basilico

Una volta che il basilico ha raggiunto un’altezza di circa 10 cm con molte foglie verdi fresche, è pronto per essere raccolto. Questo può essere fatto pizzicando o tagliando le foglie come richiesto. Il basilico ricresce le foglie e continua a produrle per alcuni mesi dopo il primo raccolto. È quindi meglio evitare di tagliare l’intero fusto della pianta, in quanto ciò può indebolire la pianta e impedirne la crescita.


Conservazione del basilico

Poiché il basilico è più difficile da coltivare in inverno a causa delle cattive condizioni di luce, alcune delle foglie che crescono durante il raccolto estivo possono essere essiccate per un uso successivo. Per fare questo, tagliate la base degli steli, impacchettateli e appendeteli a testa in giù in un luogo caldo e buio fino a quando non saranno asciutti. Poi possono essere semplicemente triturati in un barattolo a tenuta d’aria. Potete anche mettere una manciata di foglie in un sacchetto e conservarla nel congelatore.

Ecco quindi il modo più semplice per coltivare il proprio basilico e creare deliziosi sapori extra da includere in tutti i vostri piatti preferiti!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *