Orti di cura generale

Come far crescere le rose

Le rose sono una delle nostre piante da giardino preferite, e per una buona ragione. Sono versatili, producono colori vivaci per tutta l’estate e fino all’autunno o anche all’inverno, e molti sono deliziosamente profumati.


Coltivazione di rose

La stragrande maggioranza delle rose ha bisogno di una buona luce, preferibilmente in pieno sole, e di un riparo da venti forti o freddi. Traggono vantaggio dall’abbondanza di spazio e di aria. Pertanto non piantare rose sotto gli alberi e generalmente a una distanza di almeno 60-90 cm per la maggior parte delle rose, e ad almeno 45 cm dalla base delle pareti per gli arrampicatori e gli escursionisti.

Le rose hanno radici molto profonde e sono mangiatori affamati. Pertanto, il terreno deve essere completamente scavato e migliorato prima di piantare. Scavate un sacco di materia organica ingombrante; molti coltivatori di rose tradizionali preferiscono usare letame ben marcio, ma qualsiasi materia organica contribuirà a garantire una crescita forte e sana.

Preferiscono un terreno argilloso ben preparato, ricco di materia organica. I terreni leggeri e sabbiosi tendono ad asciugarsi rapidamente, le sostanze nutritive vengono lavate via e spesso non forniscono il supporto fisico e l’ancoraggio necessario per resistere ai forti venti. Quindi, ancora una volta, incorporare un sacco di materia organica in più quando si semina.

La maggior parte delle rose non tollera gli estremi di acidità o alcalinità, preferendo in genere terreni neutri o leggermente acidi. Se il terreno è alcalino, il trattamento con trucioli di zolfo o solfato di ferro contribuirà a renderlo più acido.


Varietà di rose

Ci sono letteralmente migliaia di varietà e specie diverse di rose. Dovete prima decidere che tipo volete, e per cosa verrà utilizzato, e poi decidere il colore e la fragranza.

Rose in miniatura e rose da terrazza

Queste rose nane crescono tra i 15 e i 60 cm di altezza. Sono perfetti per il fronte di confine e per i piccoli e profondi contenitori.

Rose in cespuglio

Questo include gli ibridi di tè (a volte chiamati rose a fiore grande), floribunda (a volte chiamate rose a grappolo) e David Austin New English rose. Crescono tra i 90 cm e 1,8 piedi di altezza. Sono la scelta principale per le frontiere e i grandi contenitori.

Rose in cespuglio

Questo è il termine dato a un vasto gruppo di rose che comprende vecchie varietà, come i Borboni, le Centifoglie e gli Alberi. Gli arbusti possono essere nani o raggiungere un’altezza da 2,4 a 2,7 m. La maggior parte sono abbastanza vigorose e fioriscono solo per un breve periodo in estate.

Scalatori ed escursionisti

Sono tradizionalmente utilizzati per coprire muri, recinzioni, archi di rose e pergolati. La differenza principale tra arrampicatori ed escursionisti è che gli escursionisti sono più vigorosi degli arrampicatori e sono veramente adatti a coprire solo grandi superfici, tendono a fiorire una sola volta in estate e a produrre mazzi di fiori più piccoli. I rampicanti sono meno vigorosi, più compatti, producono fiori più grandi e tendono a sbocciare per tutta l’estate.

Rose di copertura a terra

Queste rose a bassa crescita sono utili per coprire aree abbastanza ampie. Poiché non producono un fitto tappeto di fogliame, non sono altrettanto utili per il controllo delle erbacce, ma sono brillanti per produrre un tappeto colorato.

Rose standard

Hanno una rosa a cespuglio o una varietà di rosa rampicante o strisciante (piangente standard) innestata sulla cima di un singolo fusto verticale. Sono disponibili in varie altezze, compreso il quarto, la metà e lo standard completo.


Acquista rose

Le rose si possono acquistare in tre modi diversi: a radice nuda, preconfezionate e coltivate in container o coltivate in container.

Rose a radice nuda e rose preconfezionate

Le rose preconfezionate sono essenzialmente le stesse delle rose a radice nuda, ma le loro radici sono tagliate e avvolte in plastica con un po’ di concime. Le rose Bareroot e le rose preconfezionate devono essere piantate tra metà autunno e l’inizio della primavera, quando le piante sono dormienti. Immergere le radici in un secchio d’acqua fredda per alcune ore prima di piantare, poiché potrebbero aver cominciato ad asciugarsi.

Rose in contenitore e scatola

Possono essere piantate in qualsiasi periodo dell’anno, purché il terreno non sia ghiacciato, non sia allagato o non soffra di siccità. La maggior parte delle rose sono in contenitori – essendo state coltivate in terra, poi cresciute e messe in vaso – quindi controllate che le piante abbiano sviluppato un buon sistema radicale prima di acquistarle e piantarle.

Controllate sempre foglie, steli e fiori prima dell’acquisto e comprate solo piante forti e sane. In questo modo si eviteranno molti potenziali problemi fin dall’inizio.


Piantare rose

Per le rose a radice nuda e preconfezionate, scavare una buca abbastanza grande e profonda per accogliere facilmente le radici sparse alla giusta profondità.

Per le rose coltivate in vaso o in contenitore, scavare una buca di piantagione larga il doppio e profonda da 2 a 3 cm rispetto al vaso.

Preparare una miscela di 5050 terriccio da giardino mescolato a materiale più organico, come fertilizzante per alberi e arbusti, e mescolarlo con cibo granulato di rose.

Allineare la base del foro di piantagione con 5 cm (2 cm) di miscela di piantagione, posizionare la rosa nel foro, assicurandosi che sia alla giusta profondità, e riempire il foro con il resto della miscela di piantagione. Indurire delicatamente il mix di piante intorno alle radici. Poi annaffiare bene e coprire il terreno con pacciame.

Coltivazione di rose in contenitori

La maggior parte delle rose può essere coltivata in contenitori di buone dimensioni – comprese le rose rampicanti – a condizione che siano abbastanza profonde da accogliere le radici profonde della rosa. Ovviamente, come per tutte le piante coltivate in contenitore, richiederanno più cura e attenzione rispetto a quelle coltivate in terra. Piantare sempre utilizzando il fertilizzante John Innes n. 3.


Come prendersi cura delle rose

Poiché le rose sono piante con radici profonde, raramente hanno bisogno di essere annaffiate una volta stabilite, soprattutto nei terreni argillosi più pesanti. Anche le rose stabilite possono aver bisogno di essere annaffiate durante la siccità prolungata.

È meglio immergere a fondo le radici utilizzando un sistema di gocciolamento, un “tubo che perde”, o semplicemente un tubo che si trasforma in gocciolamento in modo che l’acqua venga applicata gradualmente per un lungo periodo di tempo. L’irrigazione di notte piuttosto che al caldo del giorno riduce al minimo la perdita d’acqua per evaporazione.

Le rose sono mangiatori di fame. Per nutrire le rose affermate, utilizzare un alimento granulare per rose all’inizio della primavera, o dopo la potatura, e di nuovo a metà estate. È anche possibile alimentare le rose con un cibo per rose a rilascio continuo una volta in primavera. Questo vi permetterà di alimentare le vostre piante per tutta la stagione con una sola applicazione.

Finché il terreno è stato ben preparato prima di piantare e le rose sono adeguatamente nutrite, non dovrebbero verificarsi carenze di nutrienti. Se si sviluppano foglie gialle, la rosa può soffrire di carenze di ferro e manganese.

Inoltre, le macchie chiare verso il centro delle foglie e le aree di tessuto morto vicino alla vena principale indicano una mancanza di magnesio. Applicare un adeguato tonico vegetale, solfato di ferro e sali di Epsom per compensare queste carenze.

Le pacciamature sono estremamente preziose per contribuire a mantenere condizioni favorevoli del suolo, oltre a ridurre il livello di manutenzione richiesto, contribuendo a trattenere l’umidità del suolo, a sopprimere le erbacce e a mantenere uniforme la temperatura del suolo.

Quando si applica la pacciamatura per la prima volta, è meglio farlo quando il terreno è caldo e umido; non applicarla su terreno asciutto. Prima di applicare pacciamatura, rimuovere o uccidere le erbacce, in particolare le erbacce perenni profondamente radicate. La maggior parte dei materiali da pacciamatura dovrebbe avere uno spessore di almeno 3 o 4 pollici per controllare efficacemente le erbacce e conservare l’umidità del suolo.


Potatura e rose a testa morta

Le rose vengono potate per mantenerle entro i limiti, rimuovere i germogli vecchi e improduttivi e farle sbocciare bene. Il metodo tradizionale di potatura, la potatura dura fino a circa un quarto di cm (6 mm) sopra un germoglio, allontanandosi da esso con una leggera angolazione, non è generalmente necessaria.

Infatti, più fogliame ha una rosa, più fiori sboccia. Pertanto, di solito è sufficiente rimuovere circa la metà della lunghezza dei vecchi rami delle rose ad arbusto e non è necessario rimuovere i ramoscelli o i germogli non fioriti, ad eccezione delle ventose e dei germogli morti.

La crescita di aspirazione, che proviene dall’apparato radicale in cui la varietà di rosa è innestata, è rapida e prende possesso della pianta, e deve essere eliminata tirando delicatamente il portainnesto, piuttosto che tagliarlo.

Non importa se la potatura viene effettuata all’inizio dell’autunno o in primavera, purché non si preveda un forte gelo, poiché questo può causare la morte dei germogli appena tagliati. In generale, tuttavia, si raccomanda di potare le rose alte circa un terzo più piccole in autunno per evitare danni causati dal vento.

In generale, le rose a cespuglio, le rose a copertura del terreno e le rose standard dovrebbero essere potate solo per mantenerle in ordine ed entro certi limiti. Gli scalatori e gli escursionisti, purché ben sostenuti e addestrati, dovrebbero avere i loro tralci laterali potati a circa un dito. I rami delle rose ad arbusto possono essere tagliati a circa la metà della loro lunghezza precedente. In tutti i casi, il legno morto, malato, danneggiato e soprattutto il legno vecchio deve essere rimosso.

Topping è la rimozione dei fiori consumati prima che la pianta possa andare a seminare. Questo incoraggia la pianta a produrre più fiori in un nuovo tentativo di riproduzione, che è dopo tutto il motivo per cui la pianta fiorisce in primo luogo. La potatura morta è una forma di potatura estiva leggera.

Il metodo tradizionale era quello di tagliare il germoglio, circa 3-5 foglie sotto il fiore consumato. Più recentemente, è stato dimostrato che le rose funzionano meglio quando hanno più fogliame. La raccomandazione attuale per i “fiori morti” è semplicemente quella di tagliare con cura le teste dei fiori morti nello strato di ascissione. Si tratta di una parte rigonfia dello stelo sotto il fiore, dove i rosai cadono naturalmente e dove normalmente si trovano le prime foglioline.

Hai delle rose di cui puoi essere orgoglioso? O forse vorresti farci vedere come te la cavi con la tua fioritura. Contattateci attraverso i nostri siti di social media.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *