Calendario agricolo

Calendario agricolo a giugno

Con l’arrivo del mese di giugno al nostro giardino urbano , comincia ad essere chiaro che i rischi di gelo sono lontani e che le alte temperature sono venute a rimanere.

Senza essere uno dei mesi più caldi dell’anno, è uno dei mesi più attivi nel nostro giardino urbano, sia esso un campo, un giardino o una terrazza e un balcone . Poiché gli ultimi frutti dell’orto vengono raccolti alla fine dell’inverno, il terreno deve essere preparato e le nuove piantine più tipiche dell’estate devono continuare.

Anche i parassiti e le malattie attivano la loro virulenza per cui i trattamenti fitosanitari devono essere effettuati regolarmente e alternando i prodotti per combattere efficacemente i principali nemici. L’uso di fungicidi, insetticidi e acaricidi deve essere controllato molto bene, utilizzandoli nel modo più efficiente possibile, se possono essere molto più ecologici e sempre nel rispetto delle scadenze di sicurezza. Afidi, mosca bianca, bruchi e ragnetto rosso sono le principali minacce dell’estate.

Con temperature elevate è necessaria anche un’irrigazione più frequente . È interessante farle al tramonto perché l’evaporazione è più bassa e le piante usano meglio l’acqua.

Se abbiamo coltivato piante ornamentali da fiore nel nostro giardino urbano … come margherite , rosai , garofani , garofani , lilium , statice , ecc. possiamo sicuramente portare a casa con noi un mazzo di fiori.

Per inciso, continuiamo ad interessarci in modo particolare alla semina e all’impianto di colture orticole in modo scaglionato per ottenere una produzione continua nel tempo.

Verdure nell’orto urbano a giugno

Gli ultimi raccolti di carciofi , piselli , fagioli o porri autunnali e invernali sono praticamente finiti. Le bietole , per esempio, entrano in fioritura e se non abbiamo bisogno di quello spazio per il momento, possiamo lasciarle fiorire in tutto il loro splendore affinché la fauna del luogo (api, coccinelle…) possa svilupparsi.

Pomodori, peperoni, cetrioli, melanzane, zucchine, fragole sono in pieno sviluppo e le prime piantagioni stanno già dando il loro raccolto. Sono piante molto vigorose e fino a quando il caldo estivo non sarà più intenso, produrranno in quantità. Si possono anche raccogliere le ultime cipolle primaverili.

I fagioli, le lattughe primaverili ed estive, i meloni, le angurie, le zucche, ecc. si sviluppano a grande velocità e soprattutto i meloni , le angurie e la zucca , coprendo una vasta area di terreno. Nei frutteti urbani con terrazze e balconi, possiamo usare le ringhiere come supporto per il tutoraggio. Tuttavia, dobbiamo controllare che i frutti rimangano nelle zone all’interno del balcone e a terra per evitare che si deteriorino con il loro peso.

Le patate sono pronte per essere raccolte , sono in fase di tuberizzazione … ingrassano i loro tuberi.

La semina di ortaggi effettuata direttamente sul terreno del nostro orto urbano non deve mancare di umidità, oltre a sorvegliare le erbacce che possono germogliare anche accanto alle specie seminate. Non appena li rileviamo, dobbiamo eliminarli manualmente per evitare una competizione in termini di umidità, fertilizzanti e spazio con la nostra coltivazione.

Ancora una volta sottolineiamo che le specie consigliate per la semina diretta sono quelle chiamate ‘ ortaggi a radice ‘ come pastinaca , rape , ravanelli , barbabietole , carote , ecc. Se vengono seminate in un semenzaio, si deformano e torcono le radici.

Altre specie di ” ortaggi a foglia ” come spinaci , lattuga primaverile , bietole , rucola ,… o ” ortaggi e legumi da frutta ” come pisello , fagiolo verde , cipolla , ecc. può essere seminato direttamente o può essere realizzato un letto di semina preliminare.

Le colture che necessitano di tutoraggio come pomodori (meno il tipo strisciante), fagioli e piante alte simili, così come cetrioli, dovrebbero essere guidate periodicamente.

Controlleremo aumentando la frequenza dell’irrigazione, anche se, rimuovendo il terreno in superficie o utilizzando una pacciamatura possiamo risparmiare molta acqua.

E non dimentichiamo di tenere pulito il giardino dalle erbacce che in questo periodo dell’anno emergono con forza.

Alberi da frutta nel giardino urbano a giugno

Albicocche , pesche , nettarine , ciliegie , ecc. a seconda che si tratti di varietà più o meno precoci sono già al momento ideale per la raccolta. Molte di queste specie hanno la caratteristica che i loro frutti non continuano a maturare una volta raccolti, quindi prenderli direttamente dall’albero al momento ottimale di maturazione è “un vero lusso” per apprezzare il loro grande gusto.

Gli alberi da frutto eccessivamente carichi di frutta , se questi sono ancora verdi in fase di ingrasso con rami di frutta eccessivamente variegati, possiamo eliminare selettivamente i piccoli frutti lungo i loro rami. Avremo meno produzione ma sarà di qualità superiore.

Le annaffieremo in modo che non attraversino periodi di siccità perché, se anche questo è estremo, c’è il rischio che la pianta risponda con un calo massiccio di frutti.

Come abbiamo accennato in altri calendari dell’anno, nei periodi non invernali, possiamo anche piantare alberi da frutto nel nostro giardino urbano durante la primavera, l’estate o l’autunno . Dobbiamo semplicemente ricorrere ad alberi da frutto coltivati in container, che anche se non ci daranno un raccolto quest’anno, accelereremo notevolmente la loro crescita per il prossimo anno. Se scegliamo di piantarli, dobbiamo fare attenzione a posizionare i pali vicino al tronco, facendo attenzione a non danneggiare le radici della zolla. Per fare questo metteremo i paletti sul lato del vento dominante e useremo dei nastri di gomma di fissaggio.

Eviteremo i fertilizzanti ricchi di azoto poiché un eccesso di esso può causare la caduta prematura dei frutti e un eccesso di vegetazione tenera, ideale per parassiti e malattie. Concimi ben bilanciati con un livello più elevato di fosforo e soprattutto di potassa favoriranno lo sviluppo e la qualità dei frutti.

Per quanto riguarda i parassiti, afidi e bruchi di solito si concentrano sui giovani germogli , mentre le cocciniglie si concentrano sui rami. Per il loro controllo si raccomanda di utilizzare trappole di cattura ecologiche . Con questi, la popolazione del parassita stesso è notevolmente ridotta e i trattamenti fitosanitari sono in gran parte evitati.

Come nel caso degli orticoltori, dobbiamo fare attenzione agli insetticidi , soprattutto se applicati agli alberi da frutto che raccoglieremo presto. È essenziale rispettare sempre i periodi di sicurezza consigliati dal produttore. E in caso di dubbio… è preferibile non effettuare alcun trattamento e aspettare fino a dopo il raccolto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *