Decorazione

Dove posizionare un bonsai secondo il Feng Shui

Il Feng Shui è un’antica filosofia originaria della Cina che molti applicano alla casa per migliorare le influenze e le energie che gli oggetti nel nostro ambiente esercitano su noi stessi. Tra l’enorme spettro di varianti che il Feng Shui contempla, ce n’è una in particolare che anche tra gli esperti è difficile classificare: il bonsai.

Avere un bonsai in casa è buono o cattivo secondo il Feng Shui? Dove dovrebbe essere messo un bonsai? Queste sono domande senza una risposta semplice, ma se vuoi svelarlo o scoprire qualcosa in più, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde su dove posizionare un bonsai secondo il Feng Shui.

Cosa significa avere un bonsai in casa secondo il Feng Shui

La disciplina del Feng Shui è antica e ha origine nell’impero cinese, dove veniva applicata esclusivamente agli edifici e alle case di nobili e governanti. Attualmente, la sua applicazione più semplice nelle case si basa sull’attrazione di energie positive con la distribuzione e l’orientamento dei mobili e degli elementi di una casa.

Ma quali sono le energie dei bonsai? Il Feng Shui stabilisce linee guida molto chiare e dirette in alcuni aspetti, ma è più libero e soggettivo in altri; bonsai è uno di questi ultimi. Se torniamo all’origine e alla storia dei bonsai arriveremo a un periodo di circa 2.000 mila anni fa, sempre in Cina. Lì i monaci taoisti applicarono tecniche molto laboriose per far crescere alcuni alberi molto più piccoli del naturale, conferendo loro anche le forme che la rigida disciplina del bonsai ha segnato. Il significato spirituale del bonsai, quindi, era quello di ponte tra il divino e il terreno e in Giappone fu adottato come parte dell’estetica e della filosofia Zen.

Pertanto, l’ importanza del bonsai nel Feng Shui risiede principalmente in ciò che la sua presenza e la sua cura suscitano negli abitanti della casa. È vero che la coltivazione del bonsai è inevitabilmente associata al controllo artificiale e alla limitazione della crescita, quindi è comune sconsigliare di avere un bonsai al lavoro o in azienda, dove si cerca proprio il contrario: la crescita. Si consiglia, invece, di avere un bonsai in casa per le persone che soffrono di malattie degenerative o di quelle che si diffondono in tutto il corpo, proprio per l’idea che queste energie di costrizione e di impedimento della crescita agiscano sulla malattia stessa.

Alla fine, come abbiamo già detto, la cosa più importante è ciò che il bonsai provoca in te. Se quando vedi un bonsai rimani stupito dalla sua ordinata bellezza e provi rispetto e ammirazione per la disciplina e la perseveranza che il suo lavoro richiede, oltre che per il contatto con la natura, sarà per te un’influenza positiva. Se, invece, vedete una pianta a cui non è stato permesso di crescere naturalmente o trovate sgradevole la mano umana sull’albero, non dovreste assolutamente avere un bonsai in casa.

Dove individuare un bonsai secondo il Feng Shui

Se il tuo intuito ti dice che il bonsai sarà un elemento di energia positiva per la tua casa e per te, è tempo di decidere l’ ubicazione del bonsai. Come è evidente, si tratta di un oggetto strettamente legato all’elemento legno, quindi è necessario collocarlo in una zona Bagua di questo elemento, cioè situata ad est o sud-est, con alimentazione da sud. Ben posizionato, potrai godere di tutti i vantaggi della cura di un bonsai nella tua casa, lavorando sulla pazienza e sulla disciplina e imparando a coltivare l’armonia.

Se ti piace e vuoi saperne di più sul Feng Shui e sulle piante, non esitare a consultare le nostre altre guide:

Come prendersi cura di un bonsai in casa

Coltivare un bonsai non è facile, poiché la tecnica che riesce a modellare un bonsai è quella che richiede molta pazienza e disciplina, soprattutto quando si lavora con determinate specie di alberi. Tuttavia, qui indichiamo la cura principale di un bonsai:

  • Ubicazione: al riparo dal vento e dalle correnti d’aria, in una zona illuminata al mattino ma riparata dall’incidenza diretta delle ore più intense di luce solare.
  • Clima: molti bonsai sono alberi subtropicali, quindi avranno bisogno di temperature relativamente costanti durante tutto l’anno. Nessun freddo o caldo estremo.
  • Irrigazione: come si annaffia un bonsai da interno? Solo quando il supporto si asciuga. Poiché l’albero ha pochissimo terreno, è fondamentale prestare attenzione alle condizioni del substrato e della pianta piuttosto che fare affidamento su annaffiature periodiche prestabilite. Qui puoi saperne di più su Come innaffiare un bonsai.
  • Substrato: la maggior parte andrà bene in un mix di due parti di akadama, una parte di pomice e una parte di roccia vulcanica, o tre parti di akadama se non sarai in grado di annaffiare spesso.
  • Fertilizzante: in ogni stagione vegetativa dell’albero, generalmente durante i mesi caldi.
  • Potare e pizzicare il bonsai: questa è una delle parti più importanti, e quella che richiede più lavoro. I bonsai devono essere pizzicati e potati spesso per mantenerlo tale, e ogni albero ha le sue esigenze a questo punto.

Tutte queste sono indicazioni generali per la maggior parte dei bonsai, ma non possono essere automaticamente estese a tutti. Consulta la tua specie specifica di bonsai e scopri le sue esigenze specifiche e le tecniche utilizzate nella sua coltivazione. Per saperne di più su come prendersi cura di un bonsai, vi consigliamo queste due guide sulla cura di due specie molto comuni in casa:

Se desideri leggere altri articoli simili a Dove posizionare un bonsai secondo il Feng Shui, ti consigliamo di visitare la nostra categoria >Decorazione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.