Apocynaceae

La palma del Madagascar


Palma del Madagascar

Palma del Madagascar, Pachypodium lamerei

La palma del Madagascar è una succulenta pianta di caudex, ampiamente venduta per la coltivazione in vaso, come pianta verde, soprattutto nella fascia dei cactus.


Botanica

Nome latino: Pachypodium lamerei

.
Famiglia: Apocynaceae
Origine : Madagascar

Tempo di fioritura: stagione calda

.
Colore del fiore: bianco
.
Tipo di impianto: impianto di casa, impianto di caudex, paquicála, pianta succulenta

.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
da deciduo a semi-persistente

.
Altezza:
6m al centro, 1,50m in coltivazione


Piantagione e coltivazione

Forza: non troppo forte, fino a -4°C
.
Esposizione: da soleggiato a mezz’ombra

.
Tipo di terreno :
molto poroso
.
Acidità del suolo:
da leggermente acido a leggermente alcalino
.
Umidità del suolo:
normale ad asciugare
.
Utilizzo:
serra, veranda, all’aperto in un clima molto mite

.
Piantare, reimpiantare:
molla

Metodo di propagazione: seminare ” Inviare un’immagine


Generale

Pachypodium lameiri , la palma del Madagascar è un arbusto vivente appartenente alla famiglia delle Apocynaceae. È originaria del Madagascar, ma è comunemente coltivata da molto tempo. La palma del Madagascar è una succulenta in fiore, ampiamente venduta per la coltivazione in vaso, come pianta verde, più spesso nella fascia dei cactus. Nelle regioni meno fredde del Mediterraneo, si può provare la sua coltivazione in pieno campo, dove la palma malgascia prende la bella forma di un albero di bottiglia e diventa più imponente.


Descrizione della palma del Madagascar

Il Pachypodium lameiri è una pianta succulenta il cui serbatoio d’acqua è il fusto. Piccolo, produce rapidamente uno stelo spesso diversi centimetri, pieno di spine accoppiate, coronato da una foglia lunga, stretta, piena, verde scuro e lucida. Rapidamente, come Pachypodium lameirise defogliato alla base, solo la parte superiore del gambo rimane frondoso, da cui la sagoma di una piccola palma.

La crescita di questa pianta è relativamente veloce e il fusto si alza e alla fine si ramifica. Con la sua maturazione, il Pachypodim lameiris si addensa e si gonfia, assumendo la forma di un albero di bottiglia. Nel suo ambiente naturale, raggiunge un’altezza di 6 m, con foglie lunghe fino a 30 cm.

Una volta matura, la palma del Madagascar è in grado di fiorire. Fiori corona ogni stelo fogliare. Si raggruppano in un breve periodo di tempo. I boccioli della turbina si aprono in una corolla bianco crema con cinque petali. La fioritura avviene durante i mesi caldi, e può essere interessante giocare con il pennello per ottenere frutta. I frutti crescono in coppia, come i cetrioli. Sono utilizzati per raccogliere i semi per seminare questa specie da semi freschi.


Come coltivare la palma del Madagascar?

Il Pachypodium lameirise cresce facilmente in vaso se gli viene dato il giusto substrato e ha una buona luce. Può essere acquistato molto piccolo, ma il più delle volte deve essere rinvasato immediatamente rimuovendo il muschio di torba utilizzato per produrlo e sostituendolo con una miscela contenente terriccio di buona qualità, ghiaia fine e vermiculite, che lo rende più poroso.

I mesi caldi corrispondono al periodo di crescita: dalla primavera alla fine dell’estate la palma del Madagascar viene annaffiata abbondantemente, ma lasciando scorrere liberamente l’acqua. Il vaso viene poi lasciato asciugare completamente prima di annaffiarlo di nuovo. Durante questo periodo, il Pachypodium lameiripe può essere installato dietro una finestra soleggiata, o al tramonto (gradualmente), in giardino o sul balcone.

L’inverno è un periodo di riposo, piuttosto secco. L’irrigazione è ridotta a 1 al mese se la palma del Madagascar viene mantenuta tra i 10 e i 15°C e viene quasi completamente soppressa se si trova all’esterno o ad una temperatura vicina a 0°C. Per evitare un’improvvisa caduta di tutte le foglie in inverno durante la stagione più secca, il Pachypodium lameiripe può essere spruzzato una volta alla settimana, in acqua dolce, in una piacevole giornata.

Troppa acqua nel substrato o troppa umidità in inverno fa marcire la pianta molto rapidamente.


Come moltiplicare Pachypodium lameiri ?

Le radici delle talee sono difficili ed è meglio evitare di tagliare le ferite, che sono soggette a infezioni fungine. Pachypodium lameirise riprodotto da piantagione. I semi freschi, appena tolti dal frutto, germinano in 3 o 4 giorni. I semi “secchi” possono richiedere dai 3 ai 6 mesi.

I semi vengono seminati in una miscela di torba e ghiaia molto umida a oltre 25°C fino alla germinazione. Non appena la piantina è presente, il substrato deve essere asciugato tra un’annaffiatura e l’altra.


Specie e varietà di Pachypodium

Il genere è composto da 13 specie

  • Pachypodium brevicaule , una specie malgascia piccola e molto compatta
  • Pachypodium namaquanum , a forma di bottiglia
  • Bispino pachipodio , Africa meridionale

Mappe di piante dello stesso genere

  • Bispino pachipodio , Piedi spessi

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *