ericacee

Rododendro


Rododendro

Rododendro, azalea


Botanica

Nome latino: Rhododendron

.
Famiglia: Ericaceae
Origine : Asia, America del Nord

Tempo di fioritura: da febbraio a luglio, a seconda della specie

.
Colore del fiore: giallo, arancione, rosso, carminio

.
Tipo di impianto :
cespuglio fiorito

.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
perenne

.
Altezza:
da 60 a più di 10 m a seconda della specie Tossicità : Il rododendro è una pianta velenosa che contiene un glicoside molto emetico (sostanza vomitante) nelle sue foglie. Sembra che il miele ottenuto dai fiori di alcuni rododendri asiatici possa causare disturbi intestinali.


Piantagione e coltivazione

Resistenza: molto resistente, i rododendri ibridi offerti nel settore del giardinaggio, possono resistere a temperature molto basse, evitare di metterli in correnti d’aria
.
Esposizione: con nuvolosità diurna”> mezza ombra, orientamento ideale verso nord-ovest, sole diretto al mattino e ombra nel pomeriggio

.
Tipo di terreno:
terreno di erica, portare fertilizzante ogni anno, ben drenato < br>.
Acidità del suolo:
acido, non sopporta il calcare, ad eccezione del Rhododendron hirsutum, originario dell’Europa centrale, arbusto dai fiori rosa chiaro, accetta terreni neutri o anche molto leggermente calcarei.

Umidità del suolo: fresco, non annaffiare con acqua di calce Uso: isolato, pianta del suolo a letto d’erica, possibili vasche per il primo, spesso più piccole
.
Piantumazione, reimpianto: fine estate, primavera Pacciame di foglie morte o corteccia di pino che è un materiale acidificante. Taglio, in quanto lo sviluppo delle radici è estremamente lungo o stratificato. Potatura: Poiché la crescita dei rododendri è armoniosa ed equilibrata, la potatura non è necessaria.

Malattie e parassiti : Macchie fogliari, clorosi, sistematica quando le radici incontrano il calcare. Per quanto riguarda il famoso “rododendro tigre”, è un piccolo insetto che becca le foglie e raramente causa danni molto spiacevoli” Suggerisce una foto di Pinterest su Facebook Twitter


Generale

I rododendri sono un’opportunità per tutti i giardini all’ombra e le aiuole esposte a nord, poiché tollerano molto bene la poca luce del sole. Pensate a loro per vestire il timpano di una casa o per decorare aree oscurate dal fogliame di alberi ad alto fusto. Sono generalmente raggruppati in letti, in associazione con altre piante acidofile (Kalmia, Pieris, Vaccinium, Cassiopea, Cassiopea, Pernettya…).

Le varietà precoci sono spesso più piccole e devono quindi essere collocate sul bordo del letto. È interessante associare i rododendri alle felci, che porteranno un po’ di leggerezza. Sempre sul lato del fogliame, giocate con il colore con gli hostas. Ai piedi, mescolate allegramente le lampadine offerte per i vostri balconi o optate per un tappeto di erica, avendo cura di scegliere varietà a fioritura prolungata.


Il mio rododendro ha delle macchie marroni, cosa devo fare?

Le macchie fogliari (macchie marroni sul fogliame) sono molto comuni nei rododendri e sono causate da un fungo. Se non è troppo importante, rimuovere le foglie malate, altrimenti trattarle con un fungicida.


Perché il fogliame del mio rododendro è scolorito?

La decolorazione del fogliame è dovuta alla clorosi del terreno calcareo o all’irrigazione con acqua calcarea. Innaffiateli con acqua piovana, date loro acidità con le piante del terreno speciale di erica in primavera (a base di chelato di ferro).


Perché il mio rododendro non è in fiore?

Non annaffiare in estate, o annaffiare troppo poco, perché è quando i boccioli si formeranno e produrranno fiori. Altrimenti, si può ottenere solo fogliame. Utilizzare anche un concime appropriato, senza eccesso di azoto, che favorisce lo sviluppo del fogliame.


Come si taglia il rododendro?

Questo è raramente necessario, e persino sconsigliato, in quanto un ramo reciso non fiorisce per due anni. Gli ibridi precoci sono un’eccezione, in quanto le piante di grandi dimensioni che sono diventate troppo compatte o ingombranti possono piegarsi a più di 30 – 50 cm dal suolo dopo la fioritura.


Quando spostare il mio rododendro?

Il momento migliore per un trapianto è, naturalmente, il periodo di riposo vegetativo (da fine ottobre a fine febbraio), ma i rododendri (soprattutto i piccoli soggetti) hanno la particolarità di poter sopportare un trapianto in qualsiasi periodo dell’anno, purché non sia troppo caldo.


Quando piantare i rododendri?

Praticamente tutto l’anno, in quanto vengono offerti in container. Il periodo più favorevole va da fine settembre a fine ottobre e da fine marzo a fine aprile. Un buon consiglio, non seppellirli troppo in profondità.


I rododendri devono sempre essere piantati all’ombra?

Contrariamente a quanto si crede, i rododendri non dovrebbero essere esposti a una densa ombra, altrimenti non fioriranno affatto. Questa è la metà dell’ombra che ricevono, o meglio ancora il sole diretto al mattino e l’ombra nel pomeriggio. I primi ibridi sono addirittura un’eccezione, apprezzando l’esposizione alla luce piena, soprattutto nella metà settentrionale del paese.


Quando devo fertilizzare i miei rododendri?

Il momento migliore per fertilizzare il rododendro è all’inizio dell’inverno, alla fine di novembre. Mettete un po’ di concime organico (preferibilmente letame di cavallo, sangue secco o corno schiacciato) intorno ai vostri piedi, la composizione lenta vi fornirà gli elementi essenziali per il buon sviluppo delle vostre piante.

Durante il periodo di fioritura, assicurarsi che i rododendri non finiscano l’acqua. Utilizzate l’acqua piovana che avete raccolto.


L’angolo curioso e botanico

  • Il genere Rhododendron appartiene alla famiglia delle Ericaceae, che comprende anche l’erica e molti arbusti che si trovano nello stesso letto. Poiché questi arbusti sono tutti acidofili, sono spesso chiamati “piante di erica”.
  • Il rododendro auriculatumet sierotico proveniente dalla Cina è probabilmente la specie più tardiva, poiché i fiori a forma di tromba, a forma di tromba, bianchi o rosa profumati, lunghi e larghi 10 cm, iniziano ad aprirsi solo alla fine di luglio, e gli ultimi continuano a fiorire all’inizio di settembre.
  • I rododendri sono giustamente considerati le piante più acidofile del giardino. Ma come sempre, l’eccezione conferma la regola e il rododendro hirsutum, originario dell’Europa centrale, un arbusto dai fiori rosa chiaro, accetta terreni neutri o anche leggermente calcarei.
  • Il Rododendro sutchuense , che raggiunge più di 3 m di altezza, è uno dei primi, con una magnifica fioritura a marzo, rosa lilla, macchiato di viola. Alcune varietà ibride, come il Christmas Cheer (rosa salmone), fioriscono nel periodo gennaio-febbraio.
  • Il rododendro è una pianta velenosa che contiene un glicoside altamente emetico (sostanza vomitante) nelle sue foglie. Sembra che il miele ottenuto dai fiori di alcuni rododendri asiatici possa causare disturbi intestinali. Ma gli effetti sono stati esagerati a lungo, a causa di un testo di Senofonte (dal 430 al 355 a.C.), che descriveva lo strano comportamento dei soldati greci che consumavano miele in un villaggio circondato da rododendri. Si trattava di Rhododendron ponticum (azalea pontica, azalea di Pont Euxin) i cui effetti leggermente allucinogeni e lassativi sono stati successivamente riconosciuti quando il miele è stato consumato in grandi quantità. D’altra parte, il miele di rododendro (soprattutto specie di montagna, come Rhododendron ferrugineum è perfettamente commestibile e anche molto dolce).
  • Il rododendro ponticumrenfarming e la rodotossina, il rododendro alpino (Rhododendron ferrugineum), l’arbutina, l’aricolina e la rodoxantina sono considerati piante di media tossicità, ma che causano vomito, vertigini e delirio.
  • Nel linguaggio dei fiori, l’azalea è il simbolo della temperanza. È probabilmente a causa della sua reputazione di pianta velenosa che il rododendro è usato nel linguaggio dei fiori per esprimere il pericolo.
  • Le azalee, il cui nome deriva dal greco azaleos, che significa secco, arido, per l’aspetto nudo delle forme decidue in inverno, sono state a lungo considerate un genere distinto. Oggi sono botanicamente legati ai rododendri, ma il commercio fa ancora la differenza mantenendo entrambi i nomi.
  • Il primo rododendro fu introdotto in coltivazione nel 1656 da John Tradescant, che portò un rododendro hirsutum dalle Alpi in Inghilterra. Ma lo sviluppo orticolo di queste piante iniziò intorno al 1850, con la scoperta dei rododendri dell’Himalaya e della Cina.
  • Letteralmente significa “rosa” (Rhodon = rosa, dendro = albero), il nome Rhododendron evoca tutta la magia di questo cespuglio cosmopolita. Per lo più resistenti, i rododendri prosperano nelle regioni montuose, poiché forme selvagge si trovano nelle Alpi, nei Pirenei e anche sull’Himalaya. Molti rododendri provengono dalla Cina e dal Giappone, alcuni si sono addirittura stabiliti in Lapponia e Siberia. Nel Medioevo il rododendro era chiamato “Rosage”, termine rimasto fino al XVIII secolo, quando Joseph Piton de Tournefort introdusse il “Rosage del Mar Nero” nel 1702, dopo un viaggio in Asia Minore. Dobbiamo il nome Rhododendron al naturalista svedese Linné (1707-1778).
  • La maggior parte dei rododendri non emana alcun profumo. Tuttavia, alcune forme botaniche (Rhododendron auriculatum, bullatum, crassum, decorum, fortunei, grifithianum, polyandrum, ecc.) sono deliziosamente profumate. Rari nella coltivazione, questi rododendri sono piuttosto freddi. Gli ibridi di Rhododendron griffithianum x R. fortunei sono i più comuni, in particolare le varietà Loderi Game Chick (rosa chiaro), King George, White Venus e Dark Pink, che emanano un profumo delizioso.


Specie e varietà di rododendri

Il genere Rhododendron comprende più di 1000 specie selvatiche. Le azalee sono rododendri con piccoli fiori e fogliame a volte deciduo

  • Il rododendro yakushimanum è una delle specie più conosciute, ampiamente utilizzata come allevatore

Molti ibridi, attendere la fioritura per fare la vostra scelta al momento dell’acquisto

  • Ibridi di rododendri (grandi fiori sempreverdi) Cary Ann, fiori rosso corallo molto grandi, da aprile, possono tollerare il sole.
  • Rododendri nani (fiori grandi, portamento compatto, perenne) Elisabetta, fiori rotondi, rosso sangue, raggruppati 6-8, in marzo-aprile
  • Rododendri primitivi botanici (specie naturale) Rododendro dauricum semi-persista

Mappe di piante dello stesso genere

  • Rododendro auricolare , Rododendro auricolare
  • Rododendro ferruginoso , Rododendro ferruginoso, Rosa alpina, Rosa
  • Rododendro pontico , Rododendro del Mar Nero, Rododendro Pontico
  • , Su-Chuen Rhododendron, Sichuan Rhododendron

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *