Funghi

Ganoderma applanatum

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Carpoforo di dimensioni straordinarie, è comune che raggiunga i 50 cm di larghezza, con una sporgenza di oltre 25 cm, e uno spessore di 10 cm. Ha la forma di una console o semicircolare, ed è piatta, ma la sua superficie è attraversata da una specie di scanalature concentriche, e sporge o ammacca in modo irregolare. Ha anche un rivestimento laccato che può essere spesso fino a mezzo centimetro, che gli conferisce un colore bruno-rossastro, e con il tempo diventa marrone scuro. Durante la fase di crescita il bordo del cappello è biancastro, ma quando smette di crescere diventa dello stesso colore del resto.

Imenio formato da diversi strati di tubi disposti a strati, perché il carpoforo è perenne, ma i tubi si rinnovano annualmente, formando uno strato di carne che separa esattamente i tubi di ogni anno. Questi tubi sono lunghi, più di 1 cm, rimanendo di colore bruno rossastro, mentre i pori sono molto piccoli e arrotondati, da 5 a 7 per mm, bianchi da giovani, poi colorati.

Piede inesistente.

La carne di suberosa, di consistenza simile al sughero o al legno stesso, meno spessa di quanto possa sembrare, di colore bruno, presenta solitamente incrostazioni biancastre tipiche di questa specie.

Habitat:

Frutta sul legno di latifoglie, soprattutto querce e faggi, e può comportarsi in modo parassitario o saprofita. Trattandosi di carpofori perenni, è ovvio che si possono trovare in qualsiasi periodo dell’anno, essendo una specie frequente nelle nostre foreste.

Commenti:

Questo fungo si caratterizza, tra l’altro, per le sue grandi dimensioni, la forma appiattita e le incrostazioni bianche nella carne. Per darvi un’idea delle sue dimensioni, negli anni ’90, quando andavamo ai concorsi micologici avevamo un applanatum di Ganoderma che dovevamo mettere nel furgone tra più persone. Il Ganoderma adpersum è molto simile, ma la sua corteccia è due volte più spessa di questa, non avendo una forma così appiattita, il Ganoderma pfeifferi si differenzia perché non ha uno strato di separazione tra i vari strati di tubi.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Stuccatore appiattito, ardagai zapal.
  • Sinonimo:
    Ganoderma incrassatum (Berk.) Bres.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Aphyllophoromycetidae
  • Ordine:
    Ganodermatals
  • La famiglia:
    Ganodermataceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.