Funghi

Tarzetta cupularis

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Carpoforo a forma di ciotola o coppa senza piede, di dimensioni ridotte, nel migliore dei casi raggiunge i 2 o 3 cm di diametro e la stessa altezza. La sua superficie esterna è di colore giallastro o ocra oliva, a volte con sfumature grigiastre, ed è solitamente furfuracea. Il bordo è seghettato o seghettato.

Imenio completamente liscio, copre la parte interna del carpoforo, che è bianco sporco con sfumature giallastre.

Piede praticamente inesistente, a volte presenta un piccolo piede ma totalmente sepolto e appena percettibile.

Carne scarsa e fragile, senza nulla di notevole per quanto riguarda l’odore e il gusto.

Habitat:

È una specie che di solito germoglia in primavera, anche se si può trovare anche in autunno. Porta i suoi frutti nei parchi o nei giardini e sotto vari alberi, nel nostro caso è stato trovato in primavera sotto i tigli.

Commenti:

Questo fungo ha una certa somiglianza con la Tarzetta catinus, ci sono anche autori che tendono a sinonimizzarli, tuttavia, a parte le loro spore più ampie, ci risulta che differiscono anche macroscopicamente. La specie qui descritta è più piccola, presenta tonalità giallastre o olivastre che l’altra non ha, e inoltre il piede dell’altra è più apprezzabile a prima vista.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Pesce pallido.
  • Sinonimo:
    Pustularia cupularis (L.) Fuckel

Tassonomia:

  • Divisione:
    Ascomycota
  • Suddivisione:
    Ascomicotina
  • Classe:
    Himenoascomiceti
  • Sottoclasse:
    Pezizomycetidae
  • Ordine:
    Pezizales
  • La famiglia:
    Pezizaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.