Piante

3 piante rizomatose

I rizomi sono steli sotterranei che crescono a tempo indeterminato con varie gemme che crescono orizzontalmente, emettendo germogli e radici erbacee dai loro nodi. In questo post condividerò con voi 3 piante rizomatose .

Agapanto

L’agapanto è una pianta rizomatosa senza stelo appartenente alla famiglia delle Liliaceae e di origine sudafricana. Ha foglie piatte, oblunghe, lunghe 40-60 cm, di colore verde scuro, disposte in gran numero. I suoi fiori sono lunghi 5 cm, raggruppati in un’infiorescenza blu. La varietà albidus ha fiori bianchi. Si sviluppa alla fine della primavera o in estate.

Dare un terreno profondo e fertile, un substrato con una sbornia fluviale, un sito con luce solare diretta o semi-ombra, un’atmosfera asciutta, e l’irrigazione ogni 45 giorni in estate e ogni 15 giorni in inverno.

Proporzione di 20-50 grammi di farina d’ossa in primavera e in autunno, distribuita dividendo il cespuglio in autunno. Proteggerlo dal gelo intenso e rinnovare il terreno ogni 4 anni. agapanto africano è resistente alle cause parassitarie.

Sansevieria

La sanseviera è una pianta con rizomi e fogliame eretto appartenente alla famiglia dei gigli e di origine sudafricana, resistente e perfetta per uso interno.

Le sue foglie sono lineari, verticali, di colore verde scuro, con ciuffi trasversali di colore verde grigiastro. La varietà laurentii ha una banda gialla lungo il bordo. I suoi fiori sono bianco-verdastri, poco appariscenti e si sviluppano in primavera.

Dategli un terreno nero mescolato ugualmente con sabbia, una situazione soleggiata o semi ombreggiata, un ambiente asciutto e innaffiatelo una volta ogni due settimane in inverno, una volta alla settimana in primavera e in estate. Non richiede fertilizzante, è molto resistente alle cause parassitarie e tollera fino a 3°C.

Si diffonde dividendo i cespugli, separando la prole e le talee di foglie in primavera. Evitate di innaffiare troppo e cambiate i vasi ogni tre anni in primavera.

Ceropegia

La Ceropegia è una pianta erbacea rizoma, tuberosa, con steli lunghi e pendoli deboli, appartenente alla famiglia delle Asclepiadaceae e di origine africana.

Le sue foglie sono carnose, lunghe 1,5 cm, a forma di cuore e con venature biancastre. I suoi fiori sono tubolari, rossastri e violacei, disposti in infiorescenze in estate. Ha un terreno fertile, leggermente sabbioso, luce intensa con luce solare diretta, atmosfera a bassa umidità e annaffiature moderate ogni settimana in estate e ogni quindici giorni in inverno.

Fornite 10 g di farina d’ossa e propagatela con talee e bulbilli in primavera. È resistente alle cause parassitarie. Non tollera temperature inferiori a 4°C o irrigazioni eccessive.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.