Piante

Coltivare la lattuga d’agnello in un piccolo giardino

La lattuga di agnello è una delle verdure preferite per le insalate , in quanto ha un sapore e una consistenza delicati, oltre all’alto valore nutritivo. Ma tenerli in frigorifero dopo poco tempo può essere pericoloso perché è un vegetale delicato. Per questo motivo è ideale coltivarli in giardino, anche se il giardino è piccolo.

Potresti essere interessato anche a : Consigli di base per il giardinaggio delle finestre

Semi di lattuga di agnello

La lattuga di agnello è una pianta annuale che fiorisce nel suo primo anno di vita. In primavera, la fioritura permette la raccolta. Tuttavia, se lasciamo che la pianta fiorisca, possiamo raccogliere i semi per poterli seminare la stagione successiva. Tuttavia, per conservare i semi, dobbiamo lasciarli asciugare all’aria e poi conservarli in un contenitore ermetico in un luogo asciutto e buio.

Coltivazione di lattuga d’agnello in giardino

La lattuga di agnello è composta da piccole foglie che contengono vitamina C, betacarotene e acido folico. Le sue proprietà includono la purificazione dei formaggi, i diuretici e i lassativi altamente nutrienti.

Il posto migliore per la pianta è in pieno sole, anche se può resistere a qualche ora di ombra. Si adatta molto bene a diversi tipi di terreno, ma preferisce il terreno sciolto. Un litro di substrato è più che sufficiente per contenere una specie.

I semi possono essere seminati direttamente nel terreno a fine estate o in autunno. Dovrebbero essere lasciati in ammollo per qualche ora prima della semina per permettere loro di germogliare.

Essendo una pianta molto resistente, è abbastanza resistente ai parassiti e richiede poche cure.

La crescita è lenta nei primi giorni, quindi queste erbacce possono competere per le risorse idriche, quindi il controllo è necessario.

Per quanto riguarda la sottoscrizione, i suoi requisiti sono bassi, cosicché solo una sottoscrizione iniziale è sufficiente affinché lo sviluppo sia al meglio. È quindi una buona idea preparare bene il terreno prima di seminare o piantare le piante.

Al termine dei 60 giorni di semina, è possibile iniziare a raccogliere le foglie su richiesta. Tenete presente che queste dovrebbero essere solo foglie esterne e lasciare che la pianta continui a produrre nuove foglie per sfruttare al meglio il raccolto autunnale e invernale.

Cosa ne pensi? È senza dubbio un ortaggio facile da coltivare e di buon gusto che merita di essere sfruttato.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.