Piante

Lithops o pietra di cactus.

Le piante di cactus Lithops sono spesso chiamate “pietre vive”, ma assomigliano anche a zoccoli fessi.

Queste piccole piante grasse divise sono originarie dei deserti del Sud Africa, ma sono comunemente vendute nei vivai e nei vivai.

  • Lithops prospera in terreni sabbiosi compatti con poca acqua e temperature calde. Sebbene sia relativamente facile da coltivare, alcune informazioni sui lithops ti aiuteranno a imparare come coltivare piante di pietra viva in modo che prosperino nella tua casa.

Lithops o stone Cactus, sono un tipo di piante succulente o succulente, che ha più di 100 specie.

Appartengono alla famiglia delle Aizoaceae, originaria dell’Africa meridionale e meridionale, in particolare Namibia, Botswana, ecc.

  1. I nomi più comuni o volgari dei Lithops sono Pietre viventi, Pietre viventi, Pietra di cactus, Pietre vegetali o Pietre fiorite.

Il nome di pietre vive o pianta di pietra, deriva dal suo nome, “lithos” in greco, che significa, pietra e “ops” che significa, forma o simile.

Dato il loro mimetismo con le pietre o ciottoli che li circondano nel loro ambiente, sono quasi invisibili, soprattutto ai loro predatori.

Delle oltre 100 specie di Lithops esistenti, le più conosciute e apprezzate sono Lithops bella, Lithops lesliei, Lithops schwantesii, Lithops insularis, Lithops karasmontana, Lithops aucampiae.

Come sono la Lithops o la pietra Cactus.

Le Lithops sono piante piccole, molto carnose, formate da 2 foglie unite in lunghezza e che presentano disegni sulla loro superficie.

I fiori emergono tra le due foglie e sono grandi fiori gialli o bianchi che daranno i semi.

 

Come abbiamo detto, sono costituiti da due foglie, con un’altezza di circa 5 cm. e un diametro esterno compreso tra 1 e 3 cm, a seconda delle varietà.

Di solito non hanno una dimensione maggiore di 8 cm di larghezza e circa 20 cm di lunghezza, nell’emivita di 10 anni che hanno.

Possono apparire come esemplari isolati o in gruppi. Sono a crescita lenta.

I fiori sono profumati e hanno un diametro compreso tra 2 e 4 cm. Il frutto contiene numerosi semi, che si aprono al momento delle piogge.

Nella zona arrotondata delle foglie hanno una zona, più o meno traslucida, dall’aspetto venato. La pianta raccoglie lì la luce, per sviluppare la funzione clorofilla.

 

Alla fine dell’inverno, un paio di nuove foglie nascono al centro e crescono a scapito dei nutrienti presenti nelle foglie della stagione precedente. A poco a poco si irrigidiscono e muoiono.

Come prendersi cura e coltivare Lithops.

La crescita del Lithops o Cactus di pietra dura da luglio a novembre, cioè dall’estate al tardo autunno.

In primavera, ciò che resta del vecchio gambo è una specie di carta, che avvolge quello nuovo. Non appena cade umidità, rugiada o pioggia, il nuovo gambo emerge da quello vecchio.

 

La pietra Lithops o Cactus, può vivere a lungo, la sua longevità permette di avere la pianta nello stesso vaso, per circa 10 o 20 anni.

Queste piante, provenienti da regioni molto calde e secche, sono ottime per la coltivazione indoor.

Dobbiamo impedire loro di essere fuori per due motivi, il primo, perché possono bagnarsi di pioggia e rugiada, che potrebbe causare loro grandi danni e persino scoppiarli, se assorbono troppa acqua e il secondo, perché uccelli e insetti Potrebbero pungerti e morderti.

L’illuminazione non dovrebbe essere la luce solare diretta. Sì, molto illuminate, anche se preferiscono zone molto illuminate, ma all’ombra del sole diretto.

La sua coltivazione è relativamente facile.

La pentola dovrebbe essere un po ‘grande, poiché hanno un grande fittone. Inoltre, puoi raggruppare diversi Lithops in una pentola e coprire il substrato superficiale con ciottoli.

Sarebbe necessario mettere più drenaggio nel sottofondo, poiché l’umidità si conserverebbe più a lungo. La temperatura minima ideale sarebbe compresa tra, circa 5 ° e 10 ° C. e tollera temperature estreme fino a 35-45 ° C.

Come innaffiare e concimare Lithops o Stone Cactus.

In questo caso, è meglio seguire le indicazioni di uno specialista, come www.manolithops.es

Questo specialista di Lithops indica chiaramente i seguenti 5 passaggi:

1.- Utilizzare un supporto minerale, con un buon drenaggio

2- Innaffia una volta ogni 15-20 giorni, tra i mesi di aprile e novembre

3- Non annaffiare affatto tra i mesi di dicembre e marzo

4- Tienili ben ventilati e dove ricevano un minimo di 5 ore di sole al giorno

5- In estate evitare il sole diretto, nelle ore centrali della giornata

È necessario che il supporto si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra. Il particolare ciclo vegetativo di queste piante deve essere scrupolosamente rispettato, poiché un’irrigazione fuori stagione le uccide.

Cioè, l’irrigazione nelle stagioni fredde (periodo di latenza) è mortale.

 

Nel tempo di crescita del Lithops o della pietra di Cactus va annaffiato solo quando le foglie sono leggermente rugose e si ammorbidiscono quando le premiamo delicatamente.

In questo modo non marciranno mai. Dovrebbero essere annaffiati la sera, in modo che il substrato e la temperatura ambiente siano più bassi, poiché le radici potrebbero essere bruciate.

Controllare l’umidità ambientale, in modo che sia sempre inferiore al 55% e quindi evitare marciumi improvvisi.

Non spruzzare mai direttamente queste piante, nemmeno nelle giornate più calde.

Non necessitano di fertilizzanti particolari, diluire un buon fertilizzante liquido nell’acqua di irrigazione (metà di quanto indicato), solo una volta al mese.

Sono piante molto resistenti a parassiti e malattie, essendo loro nemiche innaffiature e freddo eccessivi.

Di quale substrato ha bisogno Lithops?

Il supporto di cui Lithops necessita deve essere quasi completamente minerale.

Non tollerano un’alta concentrazione di materia organica nel substrato, perché trattiene a lungo l’umidità, che potrebbe causare la morte per marciume.

 

Di solito si usa una miscela di sabbia di fiume grossolana, ghiaia molto fine, pacciame di foglie e pochissima materia organica mescolata con carbone, <10%.

Potatura, trapianto e impollinazione di Lithops.

La pietra Lithops o Cactus, non viene potata. Eliminando le foglie che seccano, per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Il trapianto, generalmente il trapianto di Lithops, viene effettuato ogni 2-3 anni e il periodo ottimale sarà, quando le foglie vecchie saranno già completamente rugose e saranno emerse le nuove foglie.

Impollinazione. I Lithops di solito fioriscono durante il periodo estivo, anche se può essere anche in autunno.

 

I fiori durano circa una settimana e se vengono impollinati (sono piante autosterili, quindi meglio in grandi gruppi) i semi maturano in circa quattro giorni.

I Lithops possono essere impollinati con una spazzola morbida con setole naturali che passeranno prima sulle antere del fiore di una pianta e poi sullo stigma di un’altra pianta, facendo attenzione a non bagnare i fiori per non danneggiare il polline.

Dopo circa sette mesi di impollinazione, i semi saranno maturi.

Dopo alcuni giorni, se sono stati impollinati correttamente, vedremo svilupparsi la capsula che contiene i semi, che dovrà essere lasciata sulla pianta fino a quando non sarà completamente asciutta. Guarda l’immagine

Per questo e dopo circa sette mesi, i semi saranno pronti per la stagione delle piogge. La primavera successiva, prelevate la capsula dalla pianta e adagiatela su un foglio di carta umido o spruzzandola con acqua nebulizzata.

Dopo qualche ora, se i semi sono già maturi, la capsula si aprirà da sola rilasciando i semi. Se non si apre, ripetere l’operazione qualche giorno dopo.

Moltiplicazione della pietra Lithops o Cactus.

La moltiplicazione di Lithops è per seme.

 

Il periodo migliore può essere sia la primavera che l’autunno, periodi in cui non fa troppo caldo che potrebbero danneggiare le giovani piante.

Usa vasi piccoli, circa 10 cm, e ognuno può contenere da 20 a 80 semi.

Utilizzare la stessa miscela di substrato indicata, ben setacciata e ben tesa in modo che ricopra la superficie con uno strato sottile di sabbia grossolana.

Inoltre, puoi posizionare i semi di Lithops sulla superficie e poi mettere uno strato sottile di sabbia fine sopra.

Quindi la pentola viene coperta con pellicola di plastica trasparente, senza sigillarla. Ciò consentirà una temperatura costante e manterrà il substrato umido.

Spruzzare il substrato, non bagnarlo.

Posiziona la pentola in una zona ben illuminata senza sole diretto. Controlla l’umidità.

Una settimana dopo, le nuove piante dovrebbero iniziare a emergere. Rimuovere ora la pellicola di plastica, mantenere il terreno umido e con una buona ventilazione.

Un mese dopo, le piante dovrebbero essere sufficientemente sviluppate.

A 3-4 mesi le Lithops dovrebbero avere foglie sufficientemente carnose e più simili a piante adulte.

Quindi applicare un po ‘di fertilizzante, metà o un quarto di quanto indicato, una volta al mese.

È stato riscontrato che i semi germinano in proporzione maggiore se attendono alcuni mesi, tra i 4 ei 6 mesi, dopo la raccolta.

I semi della Lithops o Cactus stone, possono essere conservati per circa 7 anni, senza perdere la capacità di germinare.

Parassiti e malattie di Lithops.

Sintomo: Se il Lithops si presenta senza colore abituale, come appassito e si sviluppa poco.
Questo sintomo è attribuito ad un’annaffiatura eccessiva, nei periodi in cui la pianta è a riposo.

Rimedio, regolare bene le annaffiature.

Sintomo: se il Lithops perde vigore, la pianta appare poco vigorosa e le rughe potrebbero essere dovute a temperature troppo basse.
Rimedio, metti la pianta in una zona più calda.
Sintomo: se sulle piante compaiono piccole macchie bianche di tessuto cicatriziale, il sintomo è tipico di un attacco di acari, acari o acari.
Rimedio, applicare insetticidi appropriati all’effetto.

Cocciniglie, acari, tripidi, mosca Sciara, cicaline o cicaline.

Da quanto sopra indicato come effetti che vediamo sulla pianta, i principali parassiti e malattie sono, cocciniglie, acari e altri.

Cocciniglie e acari

Un trattamento con un insetticida sistemico è probabilmente la soluzione migliore, quando si verifica una massiccia invasione di cocciniglie.
Di solito è indicato il trattamento a spruzzo con pesticidi, contenenti imidacloprid.
Se invece si tratta di piccoli attacchi, può essere sufficiente pulire con alcol denaturato.
Le altre patologie che possono manifestarsi in queste piante sono associate al 100% ad errori di coltivazione.

Tripidi

Dobbiamo anche considerare insetti nocivi, tripidi e popolazioni di grilli. Questi insetti sono responsabili di danni di tipo epidermico. (dopo S. A. Hammer)
Questi tripidi attaccano anche i nuovi corpi morbidi dei Lithops in formazione.
Di solito entrano nella pianta, attraverso le fessure appena aperte tra le foglie nel periodo di fioritura.
I fiori stessi sono il tuo primo obiettivo, ma i tripidi tendono ad ammassarsi, causando un bel po ‘di problemi durante questo processo. Possono anche diffondere virus.

Sciara fly

Le giovani piantine sono molto sensibili alla “mosca Sciara”. Le loro larve attaccano la base delle piantine, dopodiché l’intera pianta decade.
Per evitare gli attacchi della mosca Sciara si può utilizzare una specie di zanzariera per le piantine oppure utilizzare un ventilatore nella speranza che la brezza artificiale porti via le mosche.

Chicharritas o cicaline

Assomigliano a una specie di zanzare, molto piccole e quasi trasparenti, che aderiscono al corpo di Lithops e danno piccoli voli.

Sono insetti emitteri, principalmente della famiglia Cicadellidae, che attaccano il Lithops o Stone Catus. Sono piccoli, tra 3 e 6 mm. di lunghezza e di solito sono sottili.

Il suo colore è variabile, verde chiaro, verde giallastro, giallo arancio o verde grigiastro. Le ali sono trasparenti con diverse macchie scure. A quanto pare sono distribuiti in tutto il mondo e ci sono circa 20.000 specie.
Si nutrono della linfa di un’ampia varietà di piante, a cui possono trasmettere virus e batteri, che possono causare gravi malattie.

Al trattamento, applicare un prodotto commerciale a tripla azione, insetticida – fungicida – acaricida.
La componente insetticida era necessaria per ovvie ragioni. La componente fungicida era necessaria anche perché questi insetti sono trasmettitori di funghi e / o batteri. È anche acaricida, con il quale preveniamo il ragno rosso.

Inoltre, possono anche essere esposti a ustioni, dal sole diretto e dalle alte temperature.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *