Piante

Scopriamo la cura di Tecoma capensis o di Capo Bignonia

Tecomacapensis noto anche come Tecomaria, Capo Bignonia, Capo Caprifoglio, Caprifoglio, Caprifoglio o Bignonia Rossa . Appartiene alla famiglia Bignoniáceas, genere Tecoma, che è composta da circa 14 specie di arbusti e alberi. È originario del Sudafrica e delle Americhe.

Il genere Tecomaria prende il nome dalla sua somiglianza con il genere Tecoma del Nuovo Mondo. La specie capensis significa “da o intorno al capo”.

Caratteristiche di Tecoma capensis

Arbusto rampicante a crescita rapida con fusti legnosi alti fino a 3 m.

Le foglie sono perenni (fintanto che non c’è un clima freddo), invece, un po’ frastagliate, verdi.

I fiori sono tubolari e appaiono in mazzi di diversi colori, dal rosso all’arancio all’albicocca. Fiorisce in diversi periodi dell’anno.

Il frutto è una capsula allungata, quasi lineare, con molti semi.

Cura di Tecoma capensis

Viene utilizzato nei giardini come esemplare isolato con l’aiuto di supporti, come scalatore a parete o a pergola.

Ha bisogno di pieno sole, ma può vivere in penombra. Non può tollerare il gelo perché può perdere le foglie.

È una specie che si adatta a qualsiasi tipo di terreno, purché non sia alcalino (che può essere corretto con chelati di ferro) e ben drenato.

L’irrigazione deve essere moderata per evitare malattie fungine. Anche se resiste ai periodi di siccità quando si adatta al terreno.

La potatura viene effettuata alla fine dell’inverno per rafforzare la pianta e guidarne la crescita.

Il fertilizzante deve essere sotto forma di letame dopo la potatura.

Per quanto riguarda i parassiti e le malattie che potrebbero danneggiarla, ci sono mosche bianche e cocciniglie, marciume bortridiano o grigio e nematodi Meloidogyne nelle radici.

Si moltiplica per semi e talee in qualsiasi periodo dell’anno.

Cosa ne pensi di questa copia, la conosci? Se è così, vi preghiamo di darci qualche consiglio per mantenerlo sempre bello e sano.

Dati

È una specie che attira e viene impollinata dagli uccelli che si nutrono del suo nettare.

Il fiore è visitato anche da api e farfalle.

Le foglie forniscono anche cibo per la selvaggina e gli animali da caccia.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *