Suggerimenti

6 fatti e miti sulle aree di coltivazione che ogni giardiniere dovrebbe conoscere

Ha mai sentito parlare del termine “area di impianto” ? Non sai cosa significa?

Quando ho iniziato a lavorare in giardino anni fa, non avevo mai sentito parlare di questo termine. Ho iniziato a notarlo mentre navigavo su Internet cercando di imparare a coltivare piante specifiche.

L’ho visto anche sulle confezioni delle piante nei vivai locali, ma non avevo idea di cosa significasse o di come mi colpisse.

Se la pensi così, sei venuto nel posto giusto. Vi guiderò attraverso ciò che è una zona di semina, ciò che non è, come capire la mappa della zona di resistenza e molto altro ancora.

Cominciamo!

>


Cos’è un’area di semina?

Le aree di impianto sono indicate su una mappa nota come mappa delle zone di resistenza dell’USDA. È suddiviso in aree che vanno dalla zona di semina 1A alla zona di semina 13B. Si tratta di aree con temperature minime che vanno da -60 gradi Fahrenheit a 70 gradi Fahrenheit.

Questo sistema è stato progettato per l’industria del giardinaggio e dell’agricoltura. Era un modo per le aziende di dimostrare quali impianti avrebbero funzionato meglio in quali regioni, a seconda del clima. Si tratta di informazioni importanti per i paesaggisti professionisti e per gli agricoltori.

Tuttavia, è stato trasferito ai giardinieri del cortile e ha reso molto più facile scoprire quali piante funzionano meglio nel giardino di ciascuno.

L’idea è quella di abbinare le piante e i climi da cui provengono, con altri ambienti simili sulla mappa. Capendo in quale zona vi trovate, saprete quali piante cresceranno meglio nella vostra zona e quali no.

Inoltre, quali perenni funzioneranno come vere perenni e quali dovranno essere trattate come annuali. Sapere in quale area di coltivazione vi trovate può avere un impatto significativo sul successo del giardinaggio.


Cosa non è un’area di impianto

È comune che la gente guardi la mappa delle zone di resistenza e supponga che sia divisa per regione. È comune vedere che alcuni stati condividono condizioni climatiche simili.

Non è questa la realtà. Vi dirò di più nella prossima sezione su come viene determinata la mappa della resistenza dell’USDA.

Per il momento, comprendete che non potete decidere quale pianta deve essere piantata nella vostra zona basandovi esclusivamente sul luogo in cui vivete.

È più preciso utilizzare le aree di piantagione perché sono misurate in base al clima, che può essere diverso nelle zone vicine tra loro.


Come utilizzare la mappa della zona di resistenza USDA

La mappa delle zone di resistenza dell’USDA viene creata raccogliendo i dati dalle stazioni di informazione di tutta la Spagna.

Una volta inseriti i dati, il processo inizia con la determinazione della temperatura media minima per zona. Sulla base di queste medie sono state create diverse zone.

1A è la zona più fredda con una temperatura media minima di -60 gradi Fahrenheit. 13B è la zona più calda con una temperatura media minima di 70 gradi Fahrenheit.

Quando si decide cosa piantare in ogni regione, la pianta deve essere in grado di crescere in un clima con una temperatura minima.

Ad esempio, se piantata nella zona 9A, la pianta deve essere in grado di sopravvivere ad una temperatura minima di 20 gradi Fahrenheit come pianta perenne.

Tuttavia, se volessi piantare qualcosa come un annuale, potrei controllare le date del gelo e ottenere un calendario per vedere quando sarebbe sicuro piantare nella mia zona.

L’uso della scheda è semplice. È possibile individuare la mappa della zona di resistenza USDA e trovare la vostra posizione su di essa. Da lì, usa il codice colore per scoprire in quale zona ti trovi.

È inoltre possibile utilizzare uno strumento numerico per localizzare le aree di impianto. Inserite il vostro codice postale e verrà visualizzata l’area di impianto.


Perché le aree di impianto sono importanti

>

Se avete mai avuto problemi a far partire le vostre piante da seme, o se avete speso i soldi per piantare un giardino da piantine che qualcun altro ha iniziato, potete capire perché le aree di semina sono importanti.

Piantare un giardino è un investimento di tempo e denaro. Se piantate qualcosa nel momento sbagliato per la vostra zona, avete sprecato tempo, denaro e fatica.

Quando si comprende il proprio territorio, si sa quanto tempo si ha a disposizione per far crescere le cose. Allora sapete che prima o poi sarete in grado di iniziare a coltivare qualcosa.

Per esempio, in alcune zone dell’Alaska è comune che la gente abbia solo una stagione di crescita di tre mesi. Mentre le persone nelle aree da sette a dieci possono produrre una varietà di piante praticamente tutto l’anno.

Se non sapete come determinare quale pianta cresce in quale zona e quando, utilizzate un programma di semina basato sulla vostra regione.

Questo vi dirà quando iniziare a piantare i semi all’interno, quando piantarli all’esterno e se possono essere coltivati una seconda volta nella vostra zona.

Potete anche leggere sul contenitore nei vivai la scritta “Resistente alla Zona ___” o “Crescerà in Zona _____ e inferiori durante la stagione _______”.

Le aree di coltivazione sono l’inizio della crescita di un giardino di successo.


Altri fattori che influenzeranno il vostro giardino

>

Le aree di piantagione sono essenziali per il vostro giardino, ma non sono sapientoni. Ci sono altri pezzi del puzzle del giardinaggio.

È importante capire ogni pezzo perché conoscere la propria regione e piantare al momento giusto per la propria regione non significa avere successo senza questi elementi essenziali:


1. qualità del suolo

È importante piantare in un terreno di qualità. Dovete testare il pH del terreno e assicurarvi che sia al giusto livello per le piante del vostro giardino.

Assicuratevi anche di modificare il terreno con compost e altri materiali organici in modo che sia ben drenato.


2. Acqua

Tutto ha bisogno di acqua. Se non ce l’hai, morirai. Piuttosto semplice da capire, vero? Bene, ci sono ancora alcune cose che dovete capire per capire come innaffiare correttamente il vostro giardino.

La regola generale è quella di dare alle vostre piante un cm d’acqua alla settimana. Assicuratevi di applicare l’acqua in una o due sessioni di irrigazione profonda a settimana invece di quattro o cinque sessioni di irrigazione a bassa profondità per tutta la settimana.


3. Luce solare

Come tutto ha bisogno di acqua, anche tutto ha bisogno di sole. Assicuratevi che il vostro giardino sia situato in un luogo soleggiato e con un terreno ben drenato.

Si consiglia di collocare il giardino in un luogo che riceva almeno sei ore di sole al giorno. Se questo non è possibile nella vostra proprietà, prendete in considerazione la possibilità di realizzare un giardino in vaso dove spostare il vostro giardino per avere abbastanza sole.


4. Fattori regionali

Come ho detto, le zone possono variare nella vostra regione. Alcuni stati possono avere due o più zone solo nel vostro stato.

Questo porta a temperature e periodi di semina diversi, ma tutti devono far fronte a determinate condizioni climatiche comuni alla loro regione.

Ad esempio, la zona otto è una zona ampia. Si estende dalla costa orientale della Spagna alla costa occidentale.

Con quello che una persona della zona 8 può trattare sulla costa orientale, una persona della costa occidentale della zona 8 può non dover trattare affatto.

Alcune zone della Zona 8 sono molto più calde di altre. Alcune zone devono affrontare uragani e tornado, mentre altre no.

Se vivete in una zona dove sapete di dover affrontare temperature estreme o siccità ad un certo punto durante la stagione del giardinaggio, potreste voler pianificare in anticipo creando un giardino orticolo. Capire quali sono le minacce meteorologiche comuni nella vostra zona può aiutarvi a preparare meglio il vostro giardino.

Tutti questi fattori possono essere presi in considerazione e pianificati per dare al vostro giardino le migliori possibilità di successo.


Come lavorare intorno alle aree di impianto

>

Se si vive in una zona dove si ha una finestra relativamente piccola per il giardinaggio, ci sono modi per lavorare. Ecco le vostre opzioni:


1. non coltivare alcune piante

Alcune piante impiegano troppo tempo a crescere in alcune zone. Se avete una finestra di crescita di tre mesi e una pianta impiega più di 100 giorni per produrre, avete perso.

In questo caso, potreste dover decidere che non potete coltivare determinate varietà di colture a causa della vostra posizione. Può essere straziante prendere questa decisione, ma a volte non vale la pena di preoccuparsi di piantare qualcosa al di fuori della propria area di piantagione.


2. Piante perenni e annuali

Alcune piante non sopravvivranno nella loro area di piantagione perché la temperatura minima diventa troppo fredda.

Se vi piace una pianta specifica e la volete ancora, purché siate disposti a investire e a piantare una nuova pianta annuale anno dopo anno, potete comunque coltivarla.


3. Praticare metodi di coltivazione alternativi

La vostra ultima opzione è quella di praticare metodi di coltivazione alternativi. Molte persone che vivono in luoghi più freddi usano le serre per prolungare la stagione della crescita.

Questo è un modo eccellente per iniziare a seminare prima e produrre le colture più tardi. Anche se non vivo in una zona insolitamente fredda, uso una serra per coltivare gli ortaggi durante l’inverno per evitare il gelo.

Si può anche praticare il giardinaggio con balle di paglia in modo da poter piantare prima, dato che il giardino e il terreno sono costruiti ogni anno.

Bene, ora sapete cos’è la mappa della zona di resistenza dell’USDA, come viene determinata, come determinare la vostra zona e molto altro ancora.

Ci auguriamo che questo vi incoraggi ad approfondire il mondo del giardinaggio e a sfruttare al meglio il giardinaggio nella vostra zona.

>

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *