Suggerimenti

Alga Dulse: Cos’è, proprietà, come si usa nelle ricette e precauzioni per consumarla

Cos’è Dulse Alga ( Palmaria palmata )?L’ Alga Dulse , con il nome scientifico Palmaria palmata , è un’alga rossa commestibile , abbondante e ben riconosciuta dal Nord Atlantico. Si hanno testimonianze del suo consumo fin dal XII secolo in Islanda, dove veniva consumato soprattutto quando gli altri alimenti scarseggiavano ed è ancora consumato nelle preparazioni tradizionali.

Le alghe sono organismi autotrofi dalla struttura semplice e dai tessuti complessi che si classificano in tre gruppi tassonomici: Chlorophyta o Chlorophyta, si alghe verdi ; Phaeophyta o brutte alghe brune ; e Rhodophyta o redófitas, alghe di colore rosso . Le rodofite sono il secondo gruppo di alghe più grande e più primitivo, dopo il marrone.

Le alghe rosse costituiscono un gruppo di oltre 5000 specie. Il suo colore bruno-rossastro è dovuto alla presenza di biliproteine (ficoeritrina e ficocianina) che aiutano a mascherare il colore verde della clorofilla .

Le alghe vengono utilizzate per l’estrazione dei ficocolloidi, sostanze esclusive di queste piante che non hanno equivalenti sintetici, che viene utilizzato come agente gelificante, addensante e stabilizzante per l’industria alimentare e cosmetica.

Sebbene siano una risorsa abbondante e poco costosa, il 66% del consumo mondiale è nei paesi asiatici, sebbene siano riconosciuti nelle ricette tradizionali di Scozia, Cile, Filippine, Malesia e Corea, tra le altre.

Attualmente il suo consumo è in aumento, principalmente come spuntino e anche nelle ricette di alta cucina.

Proprietà nutrizionali delle alghe Dulse

La Palmaria palmata è un’importante fonte di nutrienti, l’alga dulse essendo riconosciuta come l’alga più ricca di ferro , oltre che di magnesio , potassio, iodio e fosforo , povera di sodio e calorie, e con un alto contenuto di fibre .

Di solito è raccomandato per le persone con anemia sideropenica, stitichezza e per prevenire malattie degenerative dell’intestino.

Le alghe sono un’ottima fonte di vitamine A, B1, B2, B3, B5, B9 (acido folico), B12, C, D ed E. La vitamina B12 delle alghe è analoga alla B12 di origine animale e questo non solo non agire come il “vero” B12 ma può anche competere con esso. Ecco perché le alghe non possono essere considerate una fonte di vitamina B12 e non è consigliabile assumere un integratore di B12 in un pasto che include alghe, perché il suo assorbimento è ostacolato.

Per quanto riguarda i minerali , fino al 35% del suo peso contiene minerali, compresi macrominerali come sodio, calcio, potassio, cloro, zolfo e fosforo; e tracce di minerali come iodio, ferro, zinco, rame, selenio, molibdeno, fluoro, magnesio, boro, nichel e cobalto.

Passando ora al contenuto di macronutrienti, ricordiamo che le proteine ​​vegetali delle alghe sono ricche di glicina, arginina, alanina e acido glutammico, contengono aminoacidi essenziali , ma nelle alghe rosse c’è anche l’aminoacido taurina, che partecipa a molti processi fisiologici come l’osmoregolazione, l’immunomodulazione, la stabilizzazione di membrana e hanno un ruolo molto importante nello sviluppo oculare e del sistema nervoso.

La principale fonte di taurina è il latte materno durante i primi mesi di vita, quindi potrebbe essere usato per fortificare il latte di mucca che ne contiene concentrazioni molto più basse.

Per quanto riguarda i lipidi o grassi , il contenuto in alghe è inferiore al 5%, con lipidi neutri e glicolipidi che sono i più abbondanti. La proporzione di acidi grassi essenziali è maggiore rispetto alle piante terrestri e sintetizzano una grande quantità di acidi grassi polinsaturi a catena lunga come l’acido eicosapentaenoico ( EPA ) e l’acido docosaesaenoico ( DHA ) della famiglia degli acidi Omega-3 .

Le alghe rosse hanno un alto contenuto di EPA e acido arachidonico, che contribuiscono a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e coronariche, che coinvolgono lipoproteine, pressione sanguigna, funzione cardiaca, funzione endoteliale, reattività vascolare e fisiologia cardiaca, nonché antinfiammatoria e antiaggregante effetti.

La proporzione di fibra alimentare solubile è considerevole nelle alghe (dal 50 al 70%) rispetto alle verdure terrestri. La fermentabilità è la proprietà più importante delle fibre delle alghe, che raggiungono inalterate l’intestino crasso dove i batteri del colon possono digerirlo in misura maggiore o minore, determinando un gran numero di effetti locali e sistemici.

Oltre ai componenti nutritivi, le alghe contengono composti bioattivi con elevata capacità antiossidante, come carotenoidi e polifenoli. Le alghe hanno una particolare capacità di sintesi dei composti fenolici e queste sono efficaci spazzini dei radicali liberi, per questo si sta studiando il loro effetto antiossidante , oltre ai benefici degli antiossidanti sulla salute del nostro organismo, anche per formulazioni cosmetiche.

L’alga rossa Palmaria palmata contiene abbondanti minerali (cloro, potassio, calcio, sodio, magnesio, fosforo), mucillagini e aminoacidi, elementi che le conferiscono un’azione riequilibrante, idratante e vasodilatatrice sulla pelle, per cui è inclusa ad esempio , nei prodotti per il trattamento della cellulite e delle gambe pesanti o affaticate.

Come vengono utilizzate le alghe Dulse nelle ricette?

Se non sei abituato a cucinare con le alghe, nella sezione ricette del blog hai un post in cui ho raccolto 7 ricette con l’alga Dulse in cui puoi vedere che questa alga può essere inclusa praticamente in qualsiasi ricetta che ti viene in mente : zuppe, puree, stufati, stufati, condimenti, riso, arrosti, fritture, insalate , ecc.

L’ alga Dulse disidratata , come indicato sopra, può essere consumata cotta, aggiungendola alle zuppe, oppure cruda dopo averla ammollata per circa 5 minuti in acqua, un modo ideale per inserirla nelle insalate. Cerca sempre alghe biologiche affidabili e certificate.

Oltre ai benefici nutrizionali, le alghe hanno caratteristiche che migliorano la qualità di altri alimenti. Ad esempio, la combinazione di alghe e carne contiene proteine ​​di qualità e fornisce composti antiossidanti che migliorano la stabilità ossidativa durante la conservazione degli alimenti.

Nell’esperienza con gli hamburger, oltre all’apporto di fibra alimentare, l’incorporazione di alghe nella preparazione ha mostrato un notevole miglioramento nella riduzione della perdita di peso durante lo scongelamento e la cottura, rispetto ad altre preparazioni senza alghe.

.

Precauzioni per il consumo di alghe

L’ elevato apporto di iodio può causare squilibri nella ghiandola tiroidea , per questo si consiglia di controllare il consumo di alghe e le interazioni con i farmaci sia in caso di ipotiroidismo che di ipertiroidismo.

Negli adulti sani si consiglia il consumo sporadico (tra 1 e 3 volte al mese) di alghe per il loro alto contenuto di iodio. L’offerta a neonati e bambini non è raccomandata. Consultare il proprio medico per consultare il proprio caso particolare.

Per garantire la sicurezza, molti paesi hanno già recepito una legislazione specifica sui livelli massimi di metalli pesanti e iodio, nonché criteri microbiologici per i prodotti secchi, quindi è conveniente conoscere l’origine dei prodotti e controllare la conformità sull’etichettatura. requisiti. Per essere calmi e sicuri di assumere alghe affidabili e che soddisfino tutti gli standard di qualità, scegli le alghe biologiche .

fonti

  • “Palmaria palmata nelle formulazioni alimentari come antiossidante naturale e ingrediente funzionale”. G. Ólafsdóttir, T. Wang, R. Jónsdóttir, HK Kristiansson, G. Ó. Hreggviosson, G. Porkelsson. Università dell’Islanda. 2009.
  • “Organismi marini e cosmetici”, María Rodríguez García, Betsy Tamayo Miranda, Anoland Garateix Fleites. Centro di bioprodotti marini, Cuba. 2010.
  • “Bioguida delle alghe. Proprietà e usi”, Ecoorganic.
  • “Proprietà nutrizionali e salutari delle alghe e il suo potenziale come ingrediente funzionale”, Vilma Quitral R., Carla Morales G., Marcela Sepúlveda L. e Marco Schwartz M. Università di Santiago del Cile. 2012.
  • “Alghe: potenziale nutritivo e applicazioni cosmetiche”, Nathalie Bourgougnon, Gilles Bedoux, Amélie Sangiardi, Velérie Stiger-Pouvreau. Université européenne de Bretagne. 2011.
  • “Alghe come fonte di composti bioattivi a beneficio della salute umana: in un articolo di revisione”, Richard Gutiérrez Cuesta, Kethia L. González García, Olga del R. Valdés Iglesias, Yasnay ​​​​Hernández Rivera, Yulexi Acosta Suárez. Centro di bioprodotti marini, Cuba. 2016.
  • “Valutazione nutrizionale e proprietà biologiche delle alghe marine commestibili. In vitro e in vivo studi ”, Eva Gómez Ordóñez. Università Complutense di Madid 2013.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *