Suggerimenti

Algarrobo: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Il carrubo è un albero sempreverde che cresce molto bene nei climi di tipo mediterraneo , raggiungendo un’altezza di circa 10 metri.

Ha un fogliame ampio, che gli permette di offrire una buona ombra ovunque sia piantato e produce anche frutti.

Questo frutto , sebbene non venga consumato fresco, ha un importante valore commerciale perché viene lavorato per creare un prodotto simile al cioccolato. 

È una buona opzione in determinati luoghi e se hai le condizioni precise per godertela, qui ti forniremo i dati in modo che tutto vada molto bene.

Punti importanti durante la semina della carruba
  • ¿ Quando? In primavera .
  • Dove? All’aperto in climi miti e caldi.
  • Come prepariamo il terreno? Tutti i tipi di terreno ben drenante, arare prima della semina e pulire dalle erbacce.
  • Come dovremmo annaffiare? Mirare moderatamente direttamente alla base dell’albero .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Ogni 3 o 4 giorni.
  • Di che cure hai bisogno? Concimato durante la fioritura, la potatura e l’aratura del terreno
  • Quali parassiti e malattie ha? Il worm in legno , oidio e marciume radicale.

Quando piantare un carrubo?

In primavera , preferibilmente quando il clima è più mite. Insomma, i rischi delle basse temperature sono passati ma non fa ancora tanto caldo.

Dove piantare un carrubo?

Il carrubo è un albero da esterno che deve avere una temperatura costante e mite tutto l’anno . La sua semina è sconsigliata in zone che vedono il trascorrere delle stagioni poiché non tollera il freddo.

Come preparare il terreno?

Il carrubo è un albero che si adatta bene a tutti i tipi di terreno , il che ne facilita la localizzazione per la piantumazione.

Tuttavia, l’adattabilità in questa materia non esime dalla necessità di un buon livello di drenaggio per non soffrire di pozzanghere che causano marciumi.

D’altra parte, è necessario arare il terreno per aiutarlo a essere più sciolto quando lo si pianta e le radici possono essere distribuite a preferenza. E, per evitare danni alla piantina mentre è ancora piccola, è meglio pulire l’intera area dalle erbacce prima di piantare.

Come innaffiamo il carrubo?

L’irrigazione può essere effettuata con una moderata quantità di acqua, concentrandosi soprattutto sulla base dell’albero . L’acqua utilizzata sarà quella attuale, in quanto non ha requisiti specifici in merito. Se sta attraversando una stagione delle piogge, non è necessario annaffiarla in quei giorni.

Ogni quanto annaffiamo il carrubo?

Il carrubo è un albero che tollera molto bene la siccità, ma per mantenerlo ben idratato e in salute è meglio effettuare delle annaffiature ogni 3 o 4 giorni Se a un certo punto le possibilità di irrigazione ti mancano, non preoccuparti perché sarà in grado di resistergli.

Come seminare la carruba passo dopo passo?

La semina tradizionale del carrubo avviene per seme , anche se in alcuni casi potrebbe essere effettuata anche per talea per ridurre i tempi di crescita.

  1. Raccogli i semi del carrubo dal frutto che l’albero produce.
  2. Immergere i semi in un contenitore d’acqua e lasciarli idratare per circa 10 giorni .
  3. Scegliere un semenzaio di dimensioni adeguate e prepararlo con substrato universale inumidito.
  4. Distribuire i semi e stendervi sopra un sottile strato di substrato.
  5. Innaffia ancora un po ‘in modo che i semi si depositino.
  6. Posizionare il semenzaio in un luogo ventilato e dove l’umidità non sia né troppo alta né troppo bassa . Attendi che germoglino per procedere al trapianto.

Quando hai già i germogli di carruba, dovrai trapiantarli in un vaso in modo che sviluppi una piantina più forte.

Quando la piantina è alta circa 8 pollici, puoi spostarla nello spazio selezionato all’esterno .

È importante considerare che la crescita del carrubo è lenta, quindi durante questo processo devi essere molto paziente.

Di che cure ha bisogno il carrubo?

Ci sono carrubi che se la cavano benissimo senza bisogno di abbonati perché il terreno è ricco di sostanza organica.

Quando questo non è il caso, è meglio fare dei fertilizzanti con compost o letame decomposto nel momento in cui inizia la fioritura e poi i frutti.

La potatura è un’altra azione che deve essere svolta nei tempi giusti per motivare le migliori condizioni della piantaL’ideale è avanzare con un annuale da 2 anni di vita per aiutarlo a formare una struttura migliore.

Successivamente sarà necessario prestare attenzione a tutte le parti danneggiate che potrebbero sorgere per eliminarle. Il momento giusto per applicare la potatura è dopo che la produzione di frutta è terminata.

Infine, il carrubo si comporterà meglio se nell’ambiente vengono applicati aratri che aiutano a mantenere sciolto il terreno. Questi aratri saranno nello strato superficiale della terra e saranno distribuiti secondo due o tre all’anno.

Quali parassiti e malattie colpiscono il carrubo?

Il carrubo può essere attaccato da diverse malattie e anche da parassiti.

Il parassita più importante è il tarlo , che fa perdere vitalità alla struttura di base dell’albero, facendolo indebolire ed eliminandone la possibilità di utilizzarlo.

Le malattie sono causate da funghi e alcuni qui sono contati come l’ oidio o il marciume radicale. La buona notizia è che tutti hanno un trattamento, ma è meglio ridurre le possibilità che si verifichino.

Qui devi avere molto controllo sull’umidità, in particolare quella che ha a che fare con le pozzanghere dopo l’irrigazione. In parte, l’aratro è una strategia che aiuta molto in questa materia perché impedisce il cedimento del terreno.

Sebbene il suo obiettivo principale sia la produzione del frutto, la realtà è che il carrubo è utilizzabile in tutte le sue parti. Il legno viene utilizzato per lavorare la falegnameria e le foglie per nutrire alcune specie di bestiame. Pertanto, è una di quelle specie tra le più favorevoli da avere in giardino o in un campo di coltivazione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.