Suggerimenti

Coltivazione ecologica di Portulaca e sue proprietà nutritive

La portulaca ( Portulaca oleracea ), coltivata in Egitto, Cina o India fin dall’antichità, è oggi coltivata praticamente in tutto il mondo, soprattutto nelle zone a clima temperato e tropicale.

Questo ortaggio a foglia verde è molto apprezzato in cucina per le sue foglie larghe, tondeggianti e carnose che possono essere gustate in piatti freddi come insalate o frullati verdi e in piatti caldi come puree, lasagne, crocchette, infusi, ecc.

Coltivazione ecologica di Portulaca

La portulaca è una pianta annuale che può raggiungere i 40 cm di lunghezza. Per seminarlo è sufficiente preparare le piantine con una miscela di terriccio e compost . Seppellire i semi di circa 2 cm e innaffiare un po’. Il momento migliore per seminare è solitamente la tarda primavera o l’inizio dell’estate. Evita di ristagnare le piantine, poiché i funghi inizierebbero a crescere e anche il seme potrebbe marcire. Tieni le piantine in una zona ariosa dove ricevono diverse ore di sole. Normalmente, in 2 settimane i semi sono già germinati. Quando è alto circa 10 cm possiamo trapiantare le piantine.

Quando si sceglie un sito definitivo per Portulaca, dobbiamo tenere presente che ama i terreni piuttosto sabbiosi e asciutti, quindi deve essere un luogo con un buon drenaggio. Una settimana prima del trapianto, aggiungi humus di lombrico o compost , 2 cm saranno sufficienti. Predilige terreni con pH compreso tra 5,5 e 7,5. Il giorno prima del trapianto dobbiamo innaffiare le piantine e il luogo o vaso in cui le trapianteremo. In questo modo evitiamo di stressare le piantine. Il trapianto verrà effettuato nel tardo pomeriggio. Assicurati di lasciare 20 cm2 di spazio per ogni pianta. Successivamente metteremo il pacciame o l’imbottitura attorno alle piantine, impedendo che tocchi il gambo.

Durante lo sviluppo della portulaca non avremo molti problemi, in quanto è una pianta resistente al calore e può sopportare anche un certo grado di siccità e non è solitamente colpita da malattie o parassiti, ad eccezione di lumache o chiocciole .

Dopo 2 mesi possiamo iniziare a raccogliere la Portulaca, taglieremo i germogli lasciando 5 cm da terra, in modo che possano germogliare nuovamente. Possiamo tenerlo fino alla fine dell’autunno, anche se al coperto potrebbe resistere un po’ di più.

Proprietà nutrizionali e usi della portulaca

  • Contiene ottime quantità di vitamine A, del gruppo B (B1, B2, B3), C ed E.
  • Ha minerali come ferro, potassio, magnesio, calcio o fosforo.
  • Questa pianta è ricca di acidi grassi Omega 3.
  • Ha effetto antibatterico , antimicotico ed elimina anche i parassiti.
  • Aiuta a rimuovere il mal di testa applicato come cataplasma.
  • La portulaca è stata tradizionalmente usata per combattere la tosse secca.
  • Favorisce una buona digestione e previene anche il bruciore di stomaco o il bruciore di stomaco .
  • Calma e sgonfia le emorroidi .
  • Ha un grande effetto depurativo sul sangue e sull’organismo in generale.
  • Grazie alla sua azione diuretica , è molto utile nel prevenire o combattere le infezioni del tratto urinario.
  • Stimola il corretto funzionamento del sistema immunitario , proteggendoci dai radicali liberi.
  • La portulaca ha un’azione antinfiammatoria.
  • È indicato per gengive gonfie e sensibili . Puoi sciacquare o semplicemente masticare le foglie per diversi minuti più volte al giorno.
  • Tonifica il fegato e ne favorisce il corretto funzionamento.
  • Aiuta a rilassare i muscoli.
  • Ha un effetto analgesico quindi aiuta a combattere il dolore in generale.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.