Suggerimenti

Coltivazione dell’aglio: come piantare, coltivare, raccogliere e conservare l’aglio

Aglio.

Dirai “delizioso”, “vampiri”, “alito cattivo” o “disgusto”. Se dici qualcosa di più del disgusto, ti interesserà sapere che l’aglio è una coltura semplice da coltivare.

Per non parlare del fatto che fa bene anche a te.

Se sei uno che vuole coltivare l’aglio, sei venuto nel posto giusto. Vi spiegherò come coltivare l’aglio, curarlo e conservarlo.

In men che non si dica, sarete pronti a cucinare pasti deliziosi o a tenere a bada i vampiri. Ecco come viene coltivato l’aglio:


Dati di giardinaggio rapido per l’aglio

  • Zone di durezza: 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 (trova il tuo)
  • Terreno: terriccio, pH tra 6.0 e 7.0, fertile, ben drenato
  • Esposizione al sole: pieno sole
  • Piantagione: da 4 a 5 settimane prima dell’ultima gelata o da 6 a 8 settimane prima della prima gelata La piantagione autunnale è più raccomandata per i bulbi di grandi dimensioni.
  • Spazio: da 3 a 4 cm tra le piante e da 6 a 8 cm tra le file
  • Profondità: da 2 a 3 cm di profondità per le unghie
  • I migliori compagni: Rosa, mela, pesca, strada, camomilla, patata, cavolo, aneto, aneto, achillea
  • I peggiori compagni: fagioli, piselli, salvia, prezzemolo
  • Irrigazione: Poco dopo la semina, ogni 3-5 giorni durante il bulbo
  • Concimazione: concimazione: concimazione a 2-3 cm di profondità prima dell’impianto, applicare un concime polivalente 2 volte al mese dopo l’impianto
  • Problemi comuni: chiazza viola, muffa, ruggine, ruggine, marciume bianco, mosaico di aglio, minatori di foglie, acari del ragno bulbo, verruca della cipolla, tripidi, nematodo della lesione (thixag__4).

  • Vendemmia: 90-100 giorni dopo l’inizio della raccolta al chiuso, quando la maggior parte delle foglie sono diventate marroni


Varietà di aglio da piantare

Ci sono due tipi principali di aglio. Ogni tipo ha alcune varietà popolari del suo genere. Ecco le vostre scelte per i tipi di aglio da coltivare nel vostro giardino:


1. collo morbido

Questo tipo di aglio è più comune nei supermercati. Deve il suo nome alla morbidezza del gambo, che conferisce all’aglio un collare morbido. Ecco alcune varietà popolari di questo tipo di aglio

  • Aglio a buccia d’argento: questa varietà ha un sapore pronunciato ed è nota per conservarsi fino a un anno una volta asciutto.
  • Aglio di carciofo: Questa varietà è un’ottima scelta se non vi piace il gusto forte dell’aglio. Il sapore dell’aglio carciofo è meno forte.


2. Collo duro

Aglio duro è ciò che il suo nome implica. Questo tizio ha un gambo duro che va fino alla fabbrica. Ecco alcune varietà popolari di questo tipo:

  • Purple Stripe: Se vi piacciono gli spicchi d’aglio cotto o arrostito, dovreste coltivare questo tipo di aglio. È noto per essere usato in questo modo.
  • Rocambole: Questa varietà di aglio è meno difficile da cucinare. È facile da pelare e si conserva fino a sei mesi una volta essiccato.


Come piantare l’aglio

L’aglio non è un seme, è una lampadina. Questo rende la semina estremamente facile. Ci sono alcuni passi e raccomandazioni da seguire per ottenere il miglior risultato. Ecco cosa dovete sapere:


1. impianto a caduta

È possibile piantare l’aglio in due tempi diversi. A seconda dell’area di piantagione in cui vi trovate, stabilirete quale periodo dell’anno è il migliore per la piantagione.

Come regola generale, se si vive in un clima nordico, piantare in autunno. Questo perché ci vuole molto tempo per il disgelo del terreno in primavera. Se si aspetta di poter lavorare il terreno per piantare, il vostro aglio non avrà il tempo di sviluppare un sistema radicale forte e di produrre bulbi di dimensioni decenti.

Ecco perché bisogna piantare in autunno. Piantate i bulbi d’aglio otto settimane prima della prima gelata. Questo dovrebbe dare ai bulbi abbastanza tempo per sviluppare un sistema radicale sano senza produrre sul terreno.

Tuttavia, assicuratevi di posizionare uno strato di sei centimetri di pacciame intorno ai vostri bulbi d’aglio per fornire un isolamento supplementare durante i rigidi mesi invernali.


2. Impianto a molla

Se si vive in un clima meridionale, è meglio piantare i bulbi d’aglio all’inizio della primavera. Vivo in un clima meridionale, quindi pianto i miei bulbi d’aglio a marzo.

Non appena il terreno si scongela abbastanza per lavorare la terra, inizio a piantare i bulbi, il che dà loro abbastanza tempo per sviluppare un sistema radicale forte e avere il tempo di produrre bulbi di qualità.


3. I letti rialzati sono i migliori

Secondo la mia esperienza, dovrei consigliare di coltivare l’aglio in letti rialzati o in un contenitore. Questo perché è molto più facile creare abbastanza terreno sciolto per la diffusione e la crescita dei bulbi.

Ho messo il concime nei letti rialzati e l’ho piantato direttamente. Questo mi permette anche di scegliere il posto migliore per il mio aglio per ottenere la piena luce del sole.

Inoltre, migliore è il terreno, migliore è il drenaggio. Il vostro aglio ha bisogno di un terreno ben drenato e più sciolto per crescere bene. I letti rialzati facilitano la creazione di un buon ambiente per la coltivazione dell’aglio.


4. Modificare il terreno e la pianta

Alla fine, dovrai modificare il terreno ovunque deciderai di piantare. È importante che il terreno sia ben drenato e soffice. Questo rende più facile la crescita della lampadina.

Come già detto, abbiamo acquistato il compost da un agricoltore locale. Uso questo letame per riempire i nostri letti rialzati che creiamo con blocchi di cemento.

Da lì, tiro fuori il fertilizzante e pianto il bulbo a circa due centimetri di profondità. Ho messo quattro centimetri di spazio tra ogni lampadina.

Al momento della semina, assicurarsi di separare i bulbi. Questo vi darà diversi bulbi d’aglio per ogni bulbo che piantate.

Assicuratevi di posizionare il lato largo della lampadina a terra e lasciate sporgere il lato stretto e appuntito. Coprite il bulbo con la terra (lasciando la punta sporgente), e avrete piantato con successo l’aglio.

Il vantaggio dell’aglio è che può essere piantato in gran parte in piccoli spazi. Lascio un piede o meno tra ciascuna delle mie file di aglio, dando ad ogni bulbo abbastanza spazio per crescere.


Come prendersi cura dell’aglio

Anche la cura dell’aglio è molto semplice. Basta seguire pochi passi e il vostro aglio dovrebbe prosperare. Ecco cosa dovete fare:


1. rimuovere il pacciame

Se vivete in un clima nordico e avete bisogno di pacciamare i vostri bulbi d’aglio durante l’inverno, togliete il pacciame quando sapete che non c’è più il rischio di gelo.


2. Tagliare i fiori

È comune vedere i bulbi d’aglio “sbocciare” in primavera. Sviluppano fiori sulle cime degli steli. Se vedete questo, tagliate i fiori.

Più energia i bulbi mettono nei fiori, meno energia ricevono e meno sostanze nutritive contengono. Questo porta a bulbi d’aglio più piccoli.


3. Sbarazzarsi delle erbacce

Le erbacce di solito non sono un problema all’inizio della primavera. Con il passare dei giorni, potreste trovare qualche erbaccia tra i vostri bulbi d’aglio.

Quando questo accade, passo le dita tra le lampadine, tirando delicatamente le erbacce. Non voglio tirare troppo forte perché non voglio disturbare le lampadine.

Una volta alla settimana controllo il mio letto d’aglio, tirando delicatamente le erbacce in modo che le sostanze nutritive vadano all’aglio e non alle erbacce.

Con l’avanzare della stagione, i gambi dell’aglio diventano più grandi e cominciano a soffocare le erbacce. Di solito non ho bisogno di diserbare così tanto quando succede.


4. Attenzione all’azoto

L’aglio ama l’azoto, come la maggior parte delle piante. È necessario monitorare i livelli di azoto nel suolo. Il modo migliore per farlo è concimare ogni due mesi.

Se iniziate a vedere i gambi dell’aglio ingiallire, saprete di avere una carenza di azoto. Concimare al primo segno e vedere se la situazione migliora.


5. Acqua in quantità sufficiente

L’aglio può essere innaffiato accuratamente una volta alla settimana fino a raggiungere circa ½ cm – 1 cm di acqua alla settimana fino ai mesi di maggio e giugno.

A maggio e giugno, il vostro aglio comincerà a sbucciarsi. Questo è il momento in cui i vostri bulbi d’aglio cresceranno di più.

Questo richiede una grande quantità di acqua. Durante questi mesi si dovrebbero annaffiare i bulbi d’aglio circa tre volte alla settimana.


6. Taglia come vuoi

L’aglio non ha bisogno di essere tagliato. Se si sceglie di coltivare una varietà a collo duro, è possibile utilizzare gli steli per i pasti.

Potete tagliare le punte d’aglio e farle soffriggere nel cibo o usarle sul cibo come condimento extra.


Problemi comuni con l’aglio

Se sei nuovo del giardinaggio, l’aglio potrebbe essere un’ottima pianta per cominciare. Questo perché è semplice da coltivare, richiede poca cura, e la pianta non è praticamente minacciata da parassiti o malattie.

L’aglio è spesso usato per controllare i parassiti e le malattie del giardino, e apparentemente anche i vampiri. Pertanto, la maggior parte delle cose evita l’aglio.

Ecco alcuni dei comuni parassiti che l’aglio può scoraggiare

  • Coleotteri giapponesi
  • Tessitore di cavoli
  • Zanzare a fungo
  • Formiche
  • Lumache
  • Afidi
  • Zanzare

L’unica minaccia che potresti affrontare è il marciume bianco. Questo è un fungo che potrebbe attaccare le lampadine quando fa freddo.

Non c’è modo di evitare che ciò accada. Saprete che il fungo vive nel vostro terreno se attacca le vostre piante.

Il modo migliore per cercare di evitare che il marciume bianco invada il vostro giardino è quello di mantenerlo pulito e di far ruotare regolarmente le vostre colture, poiché le spore dei funghi possono rimanere vive nel vostro terreno per anni.


I migliori e peggiori compagni

L’aglio ha molte piante che amano essere piantate intorno ad esso. Ecco le piante più adatte ad essere piantate vicino all’aglio:

  • Peperoni
  • Pomodori
  • Melanzana
  • Carote
  • Patate
  • Spinaci
  • Broccoli
  • Cavolo rapa
  • Barbabietole
  • Cavolo
  • Cavolo
  • Cavolfiore
  • Aneto
  • Alberi da frutta

Mentre la maggior parte delle piante prosperano intorno all’aglio, alcune soffrono di una crescita stentata quando vengono piantate nelle vicinanze. Ecco le peggiori piante compagne dell’aglio:

  • Prezzemolo
  • Salvia
  • Piselli
  • Asparagi
  • Fagioli


Come raccogliere e conservare l’aglio

Non dovrebbe essere una sorpresa, ma la raccolta e la conservazione dell’aglio è semplice come il resto del processo. Ecco come si raccolgono i frutti del proprio lavoro coltivando l’aglio:


1. controllare le fermate

Saprete che è il momento di iniziare a controllare le dimensioni del bulbo quando la parte superiore dell’aglio inizia a cadere e diventa gialla.

Non si vuole che i coperchi cadano e si asciughino completamente prima del raccolto. Quando le teste cominciano a cadere e perdono colore, si dovrebbe usare la forchetta da giardino per scavare delicatamente sotto la lampadina e tirarla fuori dal terreno.

Se vi piace la dimensione del bulbo dell’aglio, è il momento di raccoglierlo. In caso contrario, controllare la testa dell’aglio per assicurarsi che non sia troppo secca.

Continuare a controllare sporadicamente. Se la cima inizia a seccare, si dovrebbe ancora raccogliere.


2. Sollevare e tirare

La raccolta dell’aglio non è difficile, ma sapere quando è il momento giusto è l’unica parte che può complicarsi.

Non c’è una data fissa per la raccolta dell’aglio, perché tutto dipende da quando lo avete piantato. Se siete un giardiniere del nord che deve iniziare la raccolta dell’aglio all’inizio dell’autunno, potreste iniziare a raccoglierlo già a luglio.

Tuttavia, se siete un giardiniere del sud e piantate a marzo, non potete raccogliere fino a novembre. Ecco perché è essenziale tenere d’occhio la testa del vostro aglio per garantirne la crescita.

Quando saprete che è il momento di raccogliere tutto il vostro raccolto di aglio, userete una forchetta da giardino per scavare sotto ogni bulbo d’aglio.

Lasciate che la forcella sollevi delicatamente la lampadina da terra. Ripetere l’operazione fino a quando ogni lampadina non viene rimossa da terra.


3. La guarigione è una necessità

Quando ogni lampadina è stata raccolta, spolverare la terra su di essa. Siate gentili, perché non volete disturbare l’involucro della lampadina.

Appendere ogni lampadina a testa in una zona d’ombra con un’ottima circolazione dell’aria. Saranno appesi lì per 14 giorni per dare ad ogni lampadina il tempo di guarire.

Quando le confezioni sono asciutte e sembrano carta velina, i bulbi d’aglio sono pronti per essere conservati.


4. Trecciatura e stoccaggio

Quando è il momento di conservare i bulbi d’aglio, togliere le foglie e tagliare le radici che rimangono nella pianta.

Assicurarsi, tuttavia, che l’imballaggio sia lasciato intatto sull’impianto. Se avete confezioni estremamente sporche, potete rimuoverle con cautela.

Altrimenti, lasciate tutto così com’è. Se volete conservare l’aglio singolarmente, tagliate la parte superiore dell’aglio e conservatelo su un vassoio di legno con segatura o paglia, separando gli strati di bulbi nel cassetto.

Se preferite lasciare insieme i coperchi, intrecciateli insieme e conservate l’aglio nei bulbi. Possono essere appesi nella dispensa o in cucina come elemento decorativo funzionale.

Se conservate grandi quantità di aglio per l’anno, scegliete un posto buio e asciutto a circa 40 gradi Fahrenheit.


5. Impianto di nuovo

Il vantaggio di coltivare il proprio aglio è che si può prendere quello che si è coltivato un anno e utilizzarlo per sviluppare un nuovo raccolto l’anno successivo.

Tenete i bulbi d’aglio più grandi del vostro raccolto da utilizzare per la semina dell’anno prossimo. Seguirete i passi sopra descritti per piantare e avere aglio anno dopo anno.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *