Suggerimenti

Conosci i diversi modi per innaffiare il tuo giardino o giardino? Come scegliere il miglior metodo di irrigazione

L’acqua è un fattore determinante nella produzione agricola. Essendo una risorsa naturalmente scarsa, l’ agricoltura biologica ricerca metodi e sistemi di irrigazione in grado di soddisfare il fabbisogno idrico delle piante attraverso un uso efficiente dell’acqua .

L’acqua svolge un ruolo fondamentale nella vita microbica e nelle funzioni del suolo, trasformando la materia organica in nutrienti che le piante del tuo orto biologico consumeranno .

Sebbene, ai suoi inizi, l’irrigazione delle piante orticole sia nata come una pratica associata ai cicli naturali dei fiumi e delle piogge, è stata affinata per diventare un’alternativa alla terraferma.

I metodi di irrigazione includono diversi modi per applicare l’acqua al suolo per integrare la quantità apportata dalla pioggia e soddisfare le esigenze della coltura.

Vediamo in questo post cosa dobbiamo tenere in considerazione quando gestiamo l’acqua nel nostro giardino o nel frutteto per l’autoconsumo .

.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Determinare la disponibilità di acqua

Come passaggio preliminare nella scelta del metodo e nella progettazione di un impianto di irrigazione per un giardino, frutteto o piccola area di coltivazione, sarà necessario determinare la disponibilità di acqua valutando vari fattori quali:

  • Tipo di sorgente : pozzo, sorgente, fiume o torrente, depositi artificiali.
  • Quantità di acqua – Quantità su cui si può fare affidamento durante un ciclo di produzione.
  • Qualità dell’acqua : determinata dalla quantità e dal tipo di sali disciolti in essa.
  • Proprietà : a seconda del tipo di fonte, le licenze dovranno essere elaborate per estrarre o utilizzare l’acqua.

Determinazione del metodo di irrigazione corretto

La scelta del metodo più appropriato è determinata, principalmente, dal tipo di gestione irrigua che possiamo attuare, che dipende in gran parte da fattori quali:

  • Le caratteristiche del suolo : la capacità di immagazzinare acqua dipende in gran parte dalla tessitura del suolo e dalla sua porosità.
  • La disponibilità di acqua : esistenza in quantità e qualità della risorsa, nonché la sua fonte e situazione specifica.
  • Il tipo di coltivazione : conoscere i fabbisogni idrici per il rendimento ottimale delle piante che andremo a coltivare.
  • La topografia e la forma del terreno : pendenza, lunghezza e larghezza, nonché se ci sono strade, fossati o altri elementi che possono interferire con un sistema di irrigazione.

Dalla valutazione di questi punti precedenti, sarà più facile considerare e selezionare uno dei seguenti tre metodi di irrigazione:

  1. Irrigazione di superficie

Chiamato anche coperta o alluvione. Il più antico e noto, applicando l’acqua sulla superficie del terreno per gravità o ruscellamento, essendo il terreno stesso quello che funge da sistema di distribuzione all’interno dell’appezzamento, guidando l’acqua dalla zona di approvvigionamento ai diversi punti, infiltrandosi .

_ Leggi: 8 modi per moltiplicare le piante

I sistemi di distribuzione in questo metodo sono tubi o una rete di canali o fossati, quindi è un metodo consigliato per terreni pianeggianti o con dolci pendenze.

È il metodo meno costoso sia nell’installazione che nella manutenzione, sebbene l’ acqua sia utilizzata in modo meno efficiente rispetto all’irrigazione a pioggia o localizzata.

Pur essendo ideale per appezzamenti medio-grandi, richiede una notevole quantità di terrapieni e la capacità di livellare il terreno in modo che l’acqua sia distribuita uniformemente.

  1. Irrigazione a pioggia

È quello che si applica sotto forma di pioggia utilizzando dispositivi che generano una dispersione aerea delle gocce. La sua caratteristica principale è che l’acqua deve ricevere una certa pressione incanalandola attraverso tubi e un sistema di pompaggio.

_Lee: I 15 migliori rimedi ecologici contro gli afidi

Uno dei sistemi più utilizzati è l’installazione di tubi principali e secondari o rami di irrigatori che rimangono fissi nel campo, in un’altra versione del sistema i tubi possono essere mobili, cambiandoli ad ogni campagna irrigua e, in un’altra versione, sono sostituito i tubi da macchine per l’irrigazione che si spostano automaticamente sulla trama.

Questi sistemi si adattano a diverse topografie , anche leggermente aspre, sebbene possano essere condizionati a condizioni climatiche come vento e aridità.

E’ una delle più utilizzate nelle colture urbane per la facilità di installazione in piccole aree, tuttavia, è sconsigliato per colture sensibili all’umidità ( zucca o zucca , cetriolo , peperone o peperoncino ) a causa dell’umidità erogata da la pioggia d’acqua in questo tipo di irrigazione può favorire la comparsa di funghi .

  1. Irrigazione localizzata

In cui l’acqua viene applicata solo a una certa area del terreno, dove si trova la pianta, attraverso tubi attraverso i quali l’acqua circola in pressione fino a raggiungere l’area di irrigazione, quindi è necessario un sistema di pompaggio e distribuzione tramite tubi.

_Leggi: Calendari di semina e calendario lunare

Lo sviluppo di tecniche per questo metodo di irrigazione ha permesso l’automazione delle operazioni, che produce un notevole risparmio di acqua ed energia .

È un metodo ampiamente utilizzato nelle serre e nei frutteti di medie dimensioni, poiché i suoi principali vantaggi sono il risparmio del 20% di acqua e il fatto che non necessitano di un controllo permanente (a seconda dell’impianto).

All’interno di questo metodo, si possono facilmente distinguere due dei sistemi più utilizzati :

  • Per cintura di essudazione : un tubo di materiale poroso attraverso il quale l’acqua fuoriesce molto lentamente. Funziona con una pressione dell’acqua molto bassa, ma tende anche a intasarsi più facilmente e richiede più manutenzione.
  • Gocciolatoio : tubo con elementi incorporati a distanza variabile da dove fuoriesce l’acqua. Emette un gocciolamento regolare e costante che bagna il terreno, quindi richiede una certa pressione dell’acqua. Maggiori informazioni sul sistema di irrigazione a goccia .

.

Cos’altro devo sapere sull’irrigazione?

Oltre al metodo e al sistema di irrigazione prescelto, esistono una serie di elementi che ne consentono l’installazione in base all’estensione, alla fonte d’acqua e al sistema scelto.

Alcuni elementi di base sono:

  • Filtri : a seconda della fonte, l’acqua trasporterà più o meno particelle che possono influenzare il sistema di irrigazione scelto. In generale, i sistemi con metodo spot tendono a intasarsi, rendendo essenziale l’uso di filtri a disco oa rete.
  • Tubi : per i tre metodi di irrigazione sono necessari tubi, alcuni con portata principale di circa 32 mm di diametro ed altri, di diametro minore, per i rami, arrivando a 16 mm per le ali gocciolanti. Il polietilene (PE) viene utilizzato con un additivo chiamato “carbon black” per proteggerlo dalle radiazioni UV.
  • Riduttori di pressione : generalmente necessari per impianti a goccia.
  • Rubinetti : a seconda delle dimensioni dell’impianto di irrigazione e del tipo di coltura, i rubinetti sono molto utili, potendo anche cedere o chiudere il flusso per un determinato settore.
  • Timer : servono per automatizzare l’irrigazione e sono molto facili da installare.

Sebbene lo menzioniamo tra i fattori per determinare il metodo di irrigazione, il fabbisogno idrico deve essere considerato con molta attenzione in base al tipo di coltura e alle fasi di sviluppo di ciascuna, che possono, a loro volta, essere influenzate dalle condizioni ambientali.

Ciò consentirà di regolare adeguatamente l’irrigazione e di mantenere un controllo efficace ed efficiente dell’impianto di irrigazione.

_ Leggi: Che cos’è un giardino agroecologico e come allestirlo

fonti

  • “Manuale di irrigazione per gli agricoltori. Modulo 1. Fondamenti di irrigazione ”, Istituto per la ricerca e la formazione in agricoltura e pesca. Giunta dell’Andalusia. 2010
  • “Corso di irrigazione per piccoli giardini”, Grup de Recerca Agricola Metropolitana d’Alicant.
  • “Laboratorio sull’irrigazione e l’acqua nei frutteti”, Talma Alba e Luciano Labajos. 2014.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *