Suggerimenti

Controllo biologico di parassiti e malattie in agricoltura: esempi

Ciao a tutti agrohuerter! Nell’articolo di oggi parleremo del controllo biologico di parassiti e malattie . Vedremo perché questo metodo alternativo è importante , gli organismi che possono aiutarci a implementarlo e se è davvero efficace o meno nelle nostre colture.

Lotta biologica ai parassiti 

Il controllo biologico è un metodo di regolazione delle popolazioni di esseri viventi attraverso l’intervento di altri enti. Viene applicato in molte aree come alternativa ad altri metodi di controllo. In agricoltura, si riferisce fondamentalmente alla riduzione delle popolazioni di parassiti (comprensione di parassiti come insetti, acari, agenti patogeni ed erbe infestanti ) a determinati livelli che non causano disturbi rilevanti nel nostro raccolto. Per questo vengono utilizzati nemici naturali , cioè organismi che si nutrono di loro.

È uno dei meccanismi più ecologici ed efficienti per il controllo dei parassiti agricoli. Viene implementato ogni giorno in più aziende agricole, sia biologiche che tradizionali. Ne sono un esempio le serre orticole andaluse, dove un’alta percentuale di disinfestazione , da alcuni anni, si basa su metodi biologici. Inoltre si stanno ottenendo ottimi risultati.

Vantaggi del controllo biologico dei parassiti

  • I nemici naturali non producono effetti collaterali su altri organismi benefici, poiché di solito sono specifici e si nutrono di un piccolo gruppo target.
  • Lo sviluppo di resistenza è molto improbabile, almeno a breve termine, rispetto ad altri metodi di controllo, come, ad esempio, i prodotti fitosanitari.
  • Il rapporto tra costi e benefici è molto favorevole, poiché una volta rilasciato nell’ambiente, la manutenzione è bassa.
  • Non causano problemi di tossicità.
  • Non sono inquinanti, quindi non lasciano residui, né nel terreno né nella coltura.
  • Se il nemico naturale può essere stabilito nel raccolto, sono persistenti e non richiedono il loro impianto anno dopo anno. Per questo, dovrebbero essere fornite colture alternative o fasce di vegetazione che servano come supplemento quando la coltura principale viene rimossa.

Svantaggi del controllo biologico

  • I suoi effetti sono più lenti rispetto all’uso di altri metodi, come fisici o chimici. Questo perché la popolazione dei nemici naturali ha bisogno di svilupparsi e stabilirsi, e agisce in modo densamente dipendente, poiché questi esseri antagonisti aumentano quando c’è una grande popolazione di parassiti, poiché se ne nutrono. Quando la densità di questa è diminuita, la popolazione dei nemici naturali cade nuovamente e, quindi, cresce la peste, per cui non viene mai completamente sterminata.
  • Richiede una conoscenza approfondita della biologia dei parassiti e dei nemici naturali , nonché delle relazioni che si instaurano tra di loro. Devono essere conosciuti i cicli riproduttivi, i possibili ospiti, le condizioni ambientali in cui si sviluppano, ecc. perché il metodo sia efficace. Inoltre, per evitare gravi danni alla coltura, è necessario anticipare quando si insedierà il parassita, poiché bisogna tener conto che, in quel momento, la popolazione nemica naturale deve essere già insediata e pronta ad agire.
  • Sebbene sia stato commentato che non sono troppo esigenti in termini di manutenzione, il controllo biologico richiede il monitoraggio dell’evoluzione del parassita e del nemico naturale per determinare se il trattamento è o meno efficace.

Tecniche di controllo biologico

Esistono tre strategie di lotta biologica : importazione e aumento, che sono considerate strategie dirette dovute all’intervento intenzionale dell’uomo; e conservazione, una strategia indiretta che agisce attraverso la gestione delle interazioni nell’agroecosistema . Ciascuno di essi può essere utilizzato singolarmente o in combinazione.

Controllo biologico delle importazioni

I nemici naturali vengono importati da una regione all’altra per combattere i parassiti esotici invasivi. Questa strategia deve essere molto controllata. L’introduzione di specie alloctone in un ecosistema può causare seri danni allo stesso. Pertanto, lo standard internazionale per le misure fitosanitarie stabilisce le linee guida per l’esportazione, la spedizione, l’importazione e il rilascio di agenti di controllo biologico e altri organismi utili .

Aumento dei disinfestatori biologici

Ciò che si intende, in questo caso, è aumentare artificialmente la popolazione dei nemici naturali , in modo tale da potenziare l’attacco al parassita. Di solito è usato quando non c’è controllo naturale o è a livelli molto bassi.

Controllo biologico della conservazione

Questa strategia prevede la conoscenza e la gestione delle interazioni nell’agroecosistema, agendo sugli elementi dell’ambiente per migliorare i fattori che influenzano gli organismi utili e potenziarne l’efficacia contro i parassiti.

Il beneficio fondamentale del controllo biologico si misura in successo o insuccesso, nel senso che è stato possibile controllare un parassita senza doverlo integrare con altri metodi . In agricoltura biologica , soprattutto su larga scala, è un metodo molto efficace nella coltivazione. Evitare grandi perdite nelle colture, mantenendo un equilibrio tra gli organismi dell’agroecosistema.

In questo modo si evidenzia l’importanza di mantenere relazioni interspecifiche nell’ambiente agricolo. Aiutano il sistema a non essere sbilanciato. Inoltre, evita la comparsa di gravi problemi grazie all’esistenza di questa regolazione naturale . Si spera che in un futuro non troppo lontano queste tecniche abbiano completamente sostituito i metodi di controllo chimico.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.