Suggerimenti

Riciclo della carta: processo e benefici ambientali

Del totale dei rifiuti urbani , carta e cartone rappresentano tra il 16% e il 25%, di cui fino al 70% recuperabili. La maggior parte proviene da riviste e giornali, imballaggi per alimenti, scatole di cartone, carta di alta qualità utilizzata per la stampa e la riproduzione e carta mista.

La maggior parte della carta è ricavata dagli alberi , anche se in passato si ricavava anche da altre piante, tra cui il cotone, la canapa da cui si estrae una cellulosa di alta qualità, la felce, l’aglio, la cipolla o l’ortica.L’industria cartaria mondiale consuma circa 4 miliardi di alberi ogni anno, principalmente pini ed eucalipti . Riciclando carta e cartone è possibile allungare la vita delle fibre di cellulosa, una risorsa naturale che deriva dal legno.

Per il riciclaggio è molto importante che la carta venga raccolta separatamente dagli altri rifiuti, per evitare macchie e contaminazioni, che renderanno il riciclaggio molto difficile o impossibile. La carta usata viene recuperata per il riciclaggio attraverso la raccolta industriale (nelle aziende, editori e stampatori e grandi aree commerciali), e la raccolta comunale (attraverso i contenitori blu per la carta per uso domestico, attraverso la raccolta «Porta a porta» delle piccole imprese, e attraverso la raccolta negli uffici , scuole ed edifici di enti e istituzioni pubbliche).

Nel contenitore blu possiamo mettere giornali, riviste, scatole di scarpe, scatole di cereali, rotoli di carta, libri, cartoni delle uova, brochure, fogli, buste, tutti i tipi di cartone e imballaggi di carta.

La carta e il cartone vengono raccolti, separati e successivamente miscelati con acqua per essere trasformati in polpa . La polpa di qualità inferiore viene utilizzata per realizzare scatole di cartone. Le impurità e alcuni inchiostri vengono rimossi dalla polpa di migliore qualità per produrre carta riciclata per la stampa e la scrittura. In altri casi, la fibra riciclata viene mischiata con pasta nuova per realizzare prodotti in carta con una percentuale di materiale riciclato .

La carta straccia può essere triturata e riciclata più volte. Tuttavia, ad ogni ciclo, dal 15% al ​​20% delle fibre diventano troppo piccole per essere utilizzate. Inoltre, si stima che circa il 19% della carta che utilizziamo non può essere recuperata per il riciclaggio perché la conserviamo, come può succedere con libri, fotografie o documenti, o per il suo utilizzo come avviene con la carta igienica e sanitaria o con il cartine. Ecco perché è necessario iniettare in modo permanente una certa quantità di fibra vergine nel processo.

La carta riciclata di pasta a fibra lunga (come la carta per ufficio) ha una maggiore flessibilità di riciclaggio in quanto può essere utilizzata per produrre nuovi prodotti di carta utilizzando fibre lunghe o corte. La carta recuperata con fibre di cellulosa corte (come i giornali) può essere riciclata solo in altri prodotti che utilizzano fibre di cellulosa corte. Per questo motivo, la carta di recupero a fibra lunga ha generalmente un valore maggiore rispetto alla carta patinata a fibra corta.

L’industria cartaria spagnola utilizza come materia prima 1,8 milioni di tonnellate di fibra vergine e 5,1 milioni di tonnellate di fibra recuperata.

La fabbricazione della carta riciclata consiste nelle seguenti fasi o fasi

  • Raccolta selettiva della carta usata in appositi contenitori.
  • Purificazione della pasta di carta usata mediante filtraggio e centrifugazione, per eliminare eventuali particelle di elementi non fibrosi come sabbie, lacche, fili, corde, ecc.
  • Separazione dell’inchiostro per flottazione. Per questo, la pasta viene immersa in acqua saponata (tensioattivi) in un serbatoio, chiamato anche pulper o vasca di miscelazione, e viene iniettata aria per provocare la comparsa di bolle. L’inchiostro forma una sospensione colloidale e la schiuma viene fatta galleggiare insieme all’inchiostro, permettendone la separazione meccanica. Successivamente, l’inchiostro viene trasferito in discarica , dove viene incenerito utilizzando la propria energia termica.
  • Essiccato e pressato . La pasta ottenuta, che solitamente contiene il 42% di fibra, segue lo stesso processo della cellulosa di origine primaria per ottenere la carta. Cioè, si asciuga a 120 ° C, contemporaneamente viene pressato e stirato per dargli la forma e la consistenza finali.

Miglioramenti dell’impatto ambientale

Se si confrontano i processi di produzione della carta riciclata con la produzione di carta da pasta chimica vergine, si possono notare i seguenti miglioramenti nell’impatto ambientale:

  • Si riduce il consumo di legna , che favorisce lo sviluppo delle masse forestali e riduce i costi di abbattimento, trasporto e movimentazione.
  • È possibile ridurre il consumo di energia primaria, il cui risparmio può raggiungere il 60%.
  • Riduzione del consumo di acqua di poco superiore all’85%.
  • Riduzione della massa dei rifiuti urbani nelle discariche. Nei paesi ad alto reddito questa riduzione raggiunge il 30%. Per ogni 700 kg di carta recuperata, risparmiamo lo spazio equivalente a un’auto in discarica ed evitiamo emissioni equivalenti a un viaggio di oltre 3.700 km in auto.

Tipi di carta

Sul mercato esistono fibra vergine carta , fibre riciclate carte e una miscela di entrambi. L’utilizzo di fibra vergine o di fibra riciclata nella composizione di una carta dipende dalle caratteristiche del prodotto finale, che a loro volta sono determinate dalla sua applicazione.

Il ruolo ecologico è quello che nella sua produzione ha adottato misure per ridurre l’inquinamento ambientale utilizzando risorse naturali, energia, emissioni nell’aria, smaltimento dei rifiuti, ecc. La carta riciclata può non essere ecologica se ha un processo produttivo inquinante , a volte i trattamenti di inchiostri composti da vernici, oli, solventi, pigmenti e altri composti, possono generare impatti negativi sull’ambiente.

A seconda di come è stato ottenuto il punto di bianco della carta, possono essere prive di cloro elementare (ECF) utilizzando biossido di cloro con prodotti chimici senza cloro, o totalmente prive di cloro (TCF) utilizzando ossigeno, perossido di ossigeno (acqua ossigenata) o ozono, eliminando completamente l’uso del cloro. Entrambe le opzioni hanno un impatto ambientale molto inferiore rispetto al processo in cui il gas cloro è stato utilizzato come agente sbiancante, un potente inquinante dell’acqua che, reagendo con le molecole del legno, genera sostanze come gli organoclorurati, che influiscono sul sistema immunitario dei mammiferi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.