Suggerimenti

Cos’è la rotazione delle colture e come viene messa in pratica?

Che cos’è la rotazione delle colture?La rotazione delle colture o delle piante orticole è una pratica che mira a mantenere un’adeguata fertilità del suolo e prevenire la comparsa di parassiti e malattie nel nostro giardino (aspetto fondamentale nell’agricoltura biologica ).

Non tutte le verdure si comportano allo stesso modo con il terreno. Diverse specie hanno “preferenze” per estrarre un particolare nutriente. Alcuni possono persino migliorare la fertilità del suolo.

Sapendo sfruttare queste differenze, possiamo avvantaggiare il nostro giardino. Questo è il principio di base di ciò che chiamiamo “rotazione”.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Con un’adeguata rotazione delle piante non solo preserviamo la fertilità, ma anche, cambiando tavola anno dopo anno, preveniamo l’attacco di parassiti e malattie.

Come si attua la rotazione delle colture?

Se siamo interessati a preservare e aumentare la qualità del suolo, possiamo impostare una rotazione in cui si verificano i seguenti gruppi di ortaggi:

Impianti di rifornimento

Li chiamiamo così perché sono piante che arricchiscono la terra, donandole fertilità.

Li seminiamo all’inizio, così migliorano il terreno per seminare, in seguito, gli ortaggi (che sono colture più delicate).

Sono i legumi, ad esempio: fagioli, fagioli , soia.

Piante consumatrici rustiche

Li chiamiamo così perché possono crescere bene in terreni dove la materia organica non ha raggiunto la sua totale decomposizione (materia organica grezza).

Tra questi ci sono verdure come cavoli , pomodori , bietole e zucca o zucca .

Piante che consumano bene

Questi hanno bisogno che la materia organica sia ben decomposta, che il terreno sia fine e sbriciolato.

Per questo motivo non è consigliabile seminare in terreni cattivi o in terreni mai coltivati. Saremo in grado di farli solo quando avremo migliorato il terreno e sarà in condizioni adeguate.

In questo gruppo sono lattughe , carote , spinaci .

> Leggi altri articoli interessanti sull’orto biologico

Possiamo anche effettuare benefiche rotazioni prendendo come regola la seguente successione colturale:

  • Ortaggi a radice (carote, barbabietole, ecc.) il primo raccolto.
  • Ortaggi a foglia (lattuga, bietola, spinaci, ecc.) come secondo raccolto.
  • Ortaggi da frutta (pomodori, peperoni, melanzane, zucche, ecc.) come terza coltura.

Ciò consentirà alle piante successive di sfruttare meglio tutti gli strati della terra e le sostanze nutritive di cui dispone (ad esempio, gli ortaggi a radice consumano più potassio, mentre gli ortaggi a foglia consumano azoto).

Sapere questo ci permetterà di fare gli impianti associati (più di una specie per tavola o aiuola), seminando varietà che non competono per gli stessi nutrienti e quindi sfruttare al meglio la nostra terra .

Infine, se vogliamo evitare che parassiti e malattie si diffondano sui listoni o sui terrazzi, dobbiamo stare attenti a non produrre colture che siano imparentate per natura, cioè che appartengano alla stessa famiglia botanica.

Non possono succedersi:

  • Spinaci, barbabietole, bietole.
  • Pomodoro, peperone, melanzana, patata o patata.
  • Lattuga, cicoria, indivia.

Di seguito una tabella con le diverse colture che possiamo piantare nel nostro orto biologico o ecologico, e la famiglia botanica a cui appartiene, preziose informazioni per effettuare le rotazioni colturali in giardino:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *