Suggerimenti

Cura dell’orchidea Phalaenopsis: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Quali caratteristiche ha l’orchidea phalaenopsis?

L’orchidea phalaenopsis , nome scientifico dell’orchidea farfalla, nota anche come alevilla o orchidea della bocca, è una pianta epifita.

Cioè, non si deposita direttamente sul terreno, ma vive in mezzo alle rocce e in altre piante.

In questo caso, negli alberi, integrando un gruppo tassonomico di cui sono presenti una sessantina di specie.

È di una bellezza suprema e la sua popolarità si è diffusa a tal punto nel mondo che è facile trovarla in qualsiasi giardino, vivaio o serra.

Non c’è regalo di gusto migliore, più squisito ed elegante di un mazzo di orchidee, soprattutto di questa specie.

Phalaenopsis significa “simile alla farfalla” (phaena: farfalla, e opsis: simile), nome dato a questa specie di orchidea dal botanico CL Blume nel 1752, perché simula di essere un bellissimo rappresentante di falene tropicali .

Questo tipo di orchidee vivono nelle parti superiori degli alberi per cercare la luce del sole nelle fitte giungle tropicali, e si nutrono dell’umidità dell’ambiente, dell’acqua piovana e dell’humus depositato sui rami, adattandosi così perfettamente da far parte del dintorni, rallegrandoti con la sua immacolata bellezza.

Non è una pianta le cui radici sono fatte per la terra ma piuttosto per aggrapparsi a strutture e supporti naturali che le portano a catturare i nutrienti forniti dalla pioggia e la materia organica che l’acqua trasporta mentre attraversa i rami degli alberi. e le pietre.

La fotosintesi avviene attraverso le foglie e le radici della pianta, dalle quali estraggono anche il cibo; Le sue foglie, di colore verde intenso, servono a immagazzinare l’umidità, e i fiori emergono dai boccioli di alcune pannocchie che crescono dal bastoncino floreale.

L’orchidea phalaenopsis è bianca, magenta o bianca con un labbro magenta, ma la sua miscelazione con altre varietà di orchidee ha portato ad alcuni straordinari ibridi di colorazione giallo brillante o magenta.

L’orchidea farfalla ha molte qualità che la rendono ideale per decorare i nostri ambienti, il soggiorno, gli angoli, il terrazzo, il balcone, quindi dobbiamo fornirle tutte le cure possibili per godere dei suoi fiori belli e duraturi.

Quali esigenze di terreno ha l’orchidea phalaenopsis?

Quando la si coltiva, la prima cosa da tenere in considerazione è che non è una pianta simile alle altre che abbiamo in casa, perché, come abbiamo spiegato, ha un modo di vivere diverso. Dobbiamo scegliere un vaso di plastica o vinile trasparente per garantire l’accesso della luce alla pianta .

Il substrato consigliato è corteccia di pino , o sughero, carbone vegetale o vermiculite , al fine di ottenere un facile drenaggio e sostegno della pianta, le cui foglie devono essere curate con cura perché costituiscono delle vere riserve di acqua e sostanze nutritive.

Utilizzeremo fertilizzanti per orchidee e concimeremo più regolarmente nei periodi precedenti alla fioritura, che nel clima mediterraneo è fine inverno o inizio primavera. L’orchidea farfalla ha una fioritura che dura dalle quattro alle otto settimane, in primavera .

Come far crescere l’orchidea phalaenopsis forte e vigorosa?

Gran parte della cura di questa pianta sta nella luce, quindi dobbiamo posizionarla vicino a una finestra dove ha luce, ma non sole diretto. Noteremo un fallimento in questo aspetto quando vedremo foglie troppo scure o troppo pallide.

In casi estremi possiamo metterci all’ombra di altre piante più grandi che accettano il sole diretto, sempre con l’idea di dotarle di un ambiente naturale come quello dei boschi, da dove proviene.

Effettueremo le annaffiature una volta alla settimana o per osservazione, cioè quando ci accorgiamo che il substrato è asciutto o quando le radici hanno perso colore, perché se sono verdi non è necessario farlo.

L’acqua di irrigazione è un’altra cosa da considerare. Queste piante non possono sopportare l’acqua del rubinetto perché ha sali minerali che danneggiano, quindi useremo l’acqua piovana, e nel caso in cui si è , non piove da molto tempo, l’acqua in bottiglia.

Un altro modo per innaffiare è per immersione. Prendiamo l’intera pianta e la immergiamo nell’acqua piovana, poi la estraiamo, la scuotiamo e la asciughiamo. È anche normale spruzzare l’orchidea.

È meglio farlo sui fiori per evitare la comparsa di macchie che li rendono brutti. Le macchie su questi meravigliosi fiori sono come l’acne sul viso di una bella donna.

Di quale umidità ha bisogno l’orchidea phalaenopsis?

È un’orchidea con elevata umidità, 60-70%, dovuta all’ambiente in cui è nata, le foreste ombrose del sud-est asiatico, perché, come è stato detto, si nutre dell’umidità dell’ambiente.

All’interno della casa non avrà la stessa umidità, quindi dobbiamo dotarla dei comfort che gli esperti consigliano. Per questo motivo è importante il drenaggio del vaso, perché queste specie non sopportano radici molto umide, quindi, in una certa misura, bisogna controllare l’irrigazione attraverso l’osservazione.

Ricorda che non è nutrito allo stesso modo del resto delle piante, quindi il substrato del vaso servirà a trattenere e mantenere l’umidità nelle radici, senza ristagni d’acqua. In inverno e in estate l’umidità interna delle case cala molto (in inverno a causa del riscaldamento).

Risolveremo questo problema con un piatto che metteremo sotto il vaso , con dei sassolini, per evitare che le radici entrino in contatto con l’acqua, e in questo modo manterremo l’umidità richiesta dalla pianta.

La temperatura interna dovrebbe essere sempre superiore a 16ºC anche di notte. Sebbene l’orchidea ammetta temperature fino a 30ºC, è consigliabile che tra il giorno e la notte ci sia una differenza di circa 4ºC, in modo che avvenga una buona fioritura; altrimenti crescerà forte e verde, ma senza la sua qualità più eccezionale, la bellezza dei suoi fiori.

È necessario potare l’orchidea phalaenopsis?

La potatura è necessaria per mantenere la bellezza della pianta. I bastoncini floreali possono essere rimossi quando la fioritura è completa, purché non ci siano nodi e lo stelo floreale si sia asciugato.

Quanto spesso dovremmo potare l’orchidea phalaenopsis?

Idealmente, potare quando la fioritura finisce e lo stelo inizia a ingiallire. Cercheremo germogli che crescono in esso e taglieremo sopra in modo che la pianta continui a crescere dal nuovo germoglio.

Rimuoveremo fiori e foglie appassiti che sono in cattive condizioni. Si consiglia di eseguire potature di mantenimento quando le circostanze lo richiedono.

Come possiamo evitare i parassiti e le malattie dell’orchidea phalaenopsis?

Le malattie più comuni delle orchidee sono funghi e batteri, in caso di scarsa ventilazione o eccesso di umidità. La presenza di alcuni parassiti può aggravare il problema dei funghi.

In questo caso, la cosa appropriata è utilizzare fungicidi ecologici consigliati dagli esperti e pulire adeguatamente la pianta e l’ambiente in cui si trova.

I fiori possono essere attaccati dalla botrite, una malattia che controlleremo rimuovendo i fiori colpiti per prevenirne la diffusione, arieggiare l’ambiente e controllare l’umidità in eccesso. Le foglie possono ingiallire a causa di scarso drenaggio o mancanza di controllo dell’umidità.

Forse ti interessano anche:
  • 6 tipi e varietà di orchidee più famosi
  • Cura dell’orchidea bianca: [sporco, umidità, potatura e problemi]
  • Cura delle orchidee in inverno: [sporco, potatura e problemi]
  • Cura dell’orchidea: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Talee di orchidee: [innesto, stagione, radicamento e semina]
  • Parassiti e malattie delle orchidee: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Irrigazione dell’orchidea: [necessità, frequenza e procedura]
  • Tipi di orchidee: [Caratteristiche e classificazione]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *