Suggerimenti

Il minimalismo o l’arte di vivere con meno

Povero non è chi ha poco, ma chi vuole molto .”

Seneca

Il minimalismo o lo stile di vita minimalista è la tendenza a liberarsi del surplus e semplificare tutto l’essenziale. Spiritualità, economia personale, ambientalismo… sono vari i motivi che spingono molte persone a vivere volontariamente in questo “altro modo”. Anche se c’è un pensiero su cui tendono ad essere d’accordo: li rende più felici.

La verità è che il minimalismo non è qualcosa di nuovo. Vi diciamo in cosa consiste esattamente, da dove ha origine questo movimento e perché. Infine, elenchiamo le sue chiavi principali.

.

Cos’è il minimalismo?

La RAE lo definisce come “tendenza estetica e intellettuale che cerca l’espressione dell’essenziale eliminando il superfluo”. Il minimalismo come stile di vita, chiamato anche “vita semplice” o “vita modesta”, è generalmente uno stile di vita non aggressivo.

Le persone “minimaliste” cercano di ridurre le loro cose al “minimo”, riferendosi per “cose” a cose e bisogni fisici: oggetti, attività e abitudini o anche relazioni personali. E quali ragioni li motivano a condurre una vita semplice? Religione o spiritualità, giustizia sociale, salute, economia personale o ambientalismo e rifiuto del consumismo e dei “valori occidentali”.

Come e dove è nato il minimalismo? Storia e curiosità

Il minimalismo è una tendenza culturale o artistica emersa negli Stati Uniti nei primi anni ’60. Comprende pittura, scultura, architettura e design o musica ed è caratterizzata dalla sobrietà delle opere.

Il termine minimal è stato usato per la prima volta nel 1965 da Richard Wollheim, un filosofo britannico, nel campo dell’arte per riferirsi a una serie di dipinti e altri oggetti di scarsa manifattura. Tuttavia, il concetto si applicava anche all’ascetismo —o ascetismo—, una dottrina religiosa o filosofica che cerca di purificare lo spirito attraverso l’astinenza o la negazione dei piaceri materiali.

Nonostante sia Henry David Thoreau, scrittore e naturista, considerato il fondatore del movimento minimalista come stile di vita, in un contesto non religioso. Nel suo libro Walden, Life in the Woods , pubblicato nel 1854 e considerato uno dei testi di saggistica più popolari scritti da un americano, si legge:

«… non ho bevuto tè, caffè, burro, latte, né carne fresca, quindi non ho dovuto lavorare per ottenere tutto ciò […] ma da quando ha iniziato con tè, caffè, burro, latte e carne di manzo aveva lavorare sodo per pagarselo e, poiché aveva lavorato molto, doveva mangiare molto per riparare il dispendio energetico, quindi non importava, o non lo faceva, perché era infelice e aveva sprecato la sua vita con l’accordo…»

Chiavi del minimalismo. Come vivere con meno?

L’obiettivo del minimalismo è rivalutare le nostre priorità, ciò che è veramente importante, ed eliminare tutto ciò che è avanzato. “Vivere con meno per vivere meglio.” Le chiavi o passaggi principali da seguire sono:

  1. Elimina il “non essenziale”

L’idea è semplice: liberati di tutto ciò che non ti rende più felice. Le cose che acquisti occupano la tua mente e il tuo spazio, e ti tolgono anche qualcosa di tremendamente prezioso: il tuo tempo. E, parafrasando José Luis Sampedro, “Il tempo non è denaro, il tempo è vita”.

Ce lo avverte José Mujica, ex presidente dell’Uruguay: “Abbiamo inventato una montagna di consumi superflui. E devi buttare via e vivere comprando e buttando. E quello che stiamo spendendo è il tempo della vita. Perché quando io compro qualcosa, o tu, non la compri con i soldi, la compri con la vita che hai dovuto spendere per avere quei soldi. Ma con questa differenza: l’unica cosa che non si può comprare è la vita.

  1. Organizzazione e ordine: “Un posto per tutto”

Marie Kondo afferma nel suo bestseller The Magic of Order “Quando organizzi completamente il tuo spazio, trasformi lo scenario intorno a te. Il cambiamento è così profondo che sentirai di vivere in un mondo completamente diverso. Questo ha una profonda influenza sulla tua mente… “” Lo shopping compulsivo, come il binge eating e il bere, sono tentativi di alleviare lo stress. “

E questo è il punto cruciale, non il fatto stesso di organizzare e mettere in ordine la tua casa, ma cambiare la tua mentalità e applicare questo cambiamento al resto degli aspetti che compongono la tua vita.

  1. E ora… impara a vivere con meno

Puoi davvero vivere senza tutto questo. “Quando lo fai, non si torna indietro”, dicono alcuni seguaci di questo stile di vita. Ti sentirai bene e non vorrai più tornare alle cose vecchie, alla tua vita piena di cianfrusaglie, cose superflue che ti “riempiscono” la mente e ti derubano dello spazio e del tempo.

Molte persone optano per il minimalismo e decidono di seguire la semplicità volontaria perché è semplicemente il modo di vivere che porta loro più felicità. In ogni caso non dovrebbe essere una moda passeggera ma uno strumento per cambiare le cose, non credi? Dicci la tua opinione nei commenti, saremo felici di leggerti.

.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *