Suggerimenti

Guida alla coltivazione del Taray (Tamarix gallica).

Il Taray ( Tamarix gallica) è una specie di albero europeo coltivato nell’area mediterranea e nordafricana, utilizzato da molto tempo per le sue attitudini ornamentali. La sua resistenza alla salinità rende questo albero una scelta saggia per i climi costieri e gli ambienti salini.

La famiglia delle Tamaricaceae offre alberi che, in genere, sono molto resistenti a tutti i tipi di ambiente e climi freddi o caldi. Tuttavia, ciò che attira davvero l’attenzione come specie ornamentale di Tamarix gallica è la sua attraente fioritura di colore rosato che delizia i paesaggi dove viene coltivata in piena primavera e in estate.

In questa guida troverai tutte le caratteristiche che differenziano questo albero ornamentale dalle altre specie mediterranee, oltre a un’ampia guida alla coltivazione del Taray o del taraje, come è noto anche in alcune zone.

Principali caratteristiche dell’albero di Taray ( Tamarix gallica)

Il suo nome è taray ma scientificamente è conosciuto come Tamarix gallica.  Il nome di Tamarix deriva dalla sua antica denominazione e gallica si riferisce alla Gallia francese, dove è stato ampiamente coltivato nel corso della storia.

È considerato un piccolo albero e, in alcuni casi, anche un arbusto. La sua altezza raramente supera i 5-6 metri di altezza, perdendo le foglie in inverno e mostrando il suo legno spoglio (albero a foglie caduche).

Ha rami lunghi e flessibili, quindi negli anni di grande germogliamento tendono a piegarsi verso il basso, mostrando un aspetto decaduto ma attraente. Ha foglie piccole, ovali, verdi. La fioritura è molto intensa ed è molto attraente nei mesi primaverili (appare ad aprile) ed estivi, essendo biancastra o rosata.

Leggi tutto:  15 cespugli fioriti per il tuo giardino

In generale, la Tamarix gallica è coltivata in molte aree del Mediterraneo e dei paesi continentali dell’Europa, oltre che del Nord Africa. Ha la reputazione di albero resistente, specialmente nei climi costieri e nelle brezze salate.

Guida alla coltivazione della Tamarix gallica

Posizione e tempo

Può essere piantata in tutti i tipi di luogo, resistendo a temperature fredde (anche gelate) e ambienti molto caldi in estate. Predilige ambienti freschi d’estate e una certa umidità ambientale.

Caratteristiche di irrigazione

Tollera la siccità estiva e può crescere anche in ambienti aridi e terreni costituiti da sabbia. In estate apprezza l’apporto dell’acqua, ma si può lasciare asciugare il substrato tra un’annaffiatura e l’altra.

In inverno, con l’arrivo del freddo e la caduta di tutte le sue foglie, può sopravvivere con le piogge della zona, riattivando le irrigazioni un po’ prima del germogliare.

Tipo di terreno per l’albero di tamerici

La Tamarix gallica ama i terreni freschi, leggermente incrostati e molto ossigenati. Terreni argillosi sabbiosi con buon drenaggio. Apprezza il regolare apporto di sostanza organica e può essere coltivata in terreni calcarei e anche con una certa concentrazione salina.

Raccomandazioni per gli abbonati

In generale, la Tamarix gallica non necessita di concimazioni, anche se se si vuole aumentare la sua massa fogliare per farne un albero piuttosto che un arbusto, accetta molto bene i concimi minerali all’inizio della primavera.

Puoi fornire qualsiasi soluzione solida sotto forma di granuli, aggiungendo circa 0,5 kg per specie adulta attorno al tronco e ripetendo l’applicazione a metà estate. Fondamentalmente cercheremo fertilizzanti NPK ricchi di azoto e con alcuni micronutrienti.

Moltiplicazione

L’albero di tamerici può essere moltiplicato in vari modi. Accetta sia la moltiplicazione per semi, che per germogli o per talea. Senza dubbio, il modo più semplice per ottenere le piante è selezionare dei polloni direttamente dal tronco principale dell’albero principale, tagliarli con molta attenzione e trasferirli in un vaso con substrato umido e una buona temperatura per favorire la produzione di radici.

Potatura

La tamerice non è un albero che necessita di potature regolari, ma ha una buona attitudine per essa e ne favorisce la germogliazione nella campagna successiva. Puoi rimuovere steli e rami che sono danneggiati, contorti o danneggiano la sua struttura principale.

La potatura in Tamarix viene effettuata per differenziare tra un aspetto cespuglioso, con rami molto bassi e un’altezza che non supera i 2 metri, oppure costituirlo come un albero, di gran lunga superiore ai 3 metri di altezza.

A seconda di cosa cerchi nel tuo giardino, puoi scegliere di tagliare i rami più bassi o lasciarli. In ogni caso non avrete nessun problema se fate una potatura intensa a fine autunno, quando le foglie iniziano a cadere.

Piaghe e malattie

In questo albero non sono stati riconosciuti parassiti o malattie, ad eccezione di casi molto isolati o condizioni di elevata umidità e ristagno idrico. Sia per le dimensioni delle sue foglie, sia per la posizione in cui vengono solitamente coltivate la maggior parte delle specie di Tamarix gallica, nei climi costieri e ventosi, la presenza di insetti non è usuale.

Sono stati rilevati casi isolati di cocciniglie dal corpo duro che si aggrappano al legno giovane e si nutrono dell’aspirazione della linfa.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.