Suggerimenti

5 fertilizzanti che metteranno le tue orchidee come una moto

Una casa o un giardino non è completo se non contiene orchidee.  Puoi goderne un numero enorme (fino a 600 generi e più di 30.000 specie!).

Tuttavia, molti concordano sul fatto che si tratta di un raccolto abbastanza complicato perché ci sono molte variabili da controllare. Se hai un po’ di esperienza, la coltivazione delle orchidee ti farà fare un ulteriore passo avanti e potrai goderti infiniti vasi colorati di orchidee distribuiti in tutta la casa.

Si Certamente. Tieni presente che non tutte le varietà hanno la stessa cura. Quelli che siamo abituati ad acquistare in qualsiasi vivaio o fiorista sono solitamente i più comuni e facili da curare.

Per questo in Prima di tutto questo era il campo vogliamo aiutarti a controllare la concimazione per ottenere splendide orchidee.

Tipi di orchidee che puoi acquistare

È possibile acquistare un gran numero di orchidee presso fioristi o vivai.

Alcune delle famiglie di orchidee più famose sono:

  • Phalaenopsis
  • denbrobio
  • cymbidium
  • Paphiopedilum
  • Oncidio
  • Vanda
  • Odontoglosso
  • Cattleya  

Non provengono tutti dalla stessa struttura del bulbo…

Poiché ci sono così tante famiglie e generi di orchidee, anche i bulbi da cui crescono sono diversi.

Puoi trovare tuberi sotterranei:

  • orchidee
  • Dactylorhiza
  • Cipripedi

Tuberi considerati pseudobulbi:

  • Cymbidium himalayano

Senza tuberi e orchidee che nascono direttamente dalla base:

  • Paphiopedilum
  • cypripedi esotico

La chiave per le orchidee, un’alimentazione continua

Una delle chiavi per ottenere magnifiche orchidee che durino a lungo è non dimenticarsene. Certo, la gestione dell’irrigazione deve essere perfetta, ma anche l’apporto continuo di nutrienti.

In generale, con l’acqua di irrigazione vengono dilavati tutti i nutrienti che solitamente il substrato contiene, quindi spesso è necessario reintegrarli in modo che possano essere assorbiti dalle radici.

Queste sono alcune ricette di fertilizzanti fatte in casa che puoi ottenere a casa tua, quindi non devi spendere soldi. Approfitta dei rifiuti di casa tua!

1: Gusci d’uovo – Fornitura di calcio

Possiamo usare gli scarti del guscio d’uovo per dargli una seconda vita e che può nutrire le nostre orchidee con calcio e magnesio.

Il calcio è un elemento essenziale per lo sviluppo di un’orchidea e non sempre viene fornito abbastanza acqua per l’irrigazione.

Per ottenere il massimo dai gusci delle nostre orchidee, dobbiamo schiacciarli e macinarli, più piccoli sono, meglio è.

Una malta è uno strumento ideale per ottenere la consistenza della polvere di cui abbiamo bisogno. Detta polvere può essere infine cosparsa sul substrato dove le facciamo coltivare. L’acqua di irrigazione sposterà questi gusci d’uovo polverosi alle radici.

2: Acqua di cottura per patate, riso e altri ingredienti

Finché non utilizziamo sale aggiunto, poiché ciò significherebbe la morte delle nostre sfortunate orchidee, l’acqua di cottura è un magnifico elemento ricco di sostanze nutritive e vitamine che le piante possono utilizzare.

Tuttavia, la cosa più comune è che possiamo cuocere riso, pasta o patate aggiungendo sale, quindi in rare occasioni potremo sfruttarlo come nutriente per le nostre piante.

Non importa quanto poco sale contenga, in nessun caso dovremmo usarlo per annaffiare le piante, poiché significherebbe la morte in pochi giorni per stress salino. E molto altro ancora nelle orchidee.

3: Bustine di tè usate

Per chi è abituato a bere il tè ogni giorno, abbiamo una grande opportunità per sfruttare i nutrienti che quasi sempre finiscono nella spazzatura.

Per utilizzarli non ci resta che rompere i sacchetti e cospargerli sul supporto. Una bustina di tè per vaso ogni 15 giorni aiuterà a rafforzare le radici della pianta e a migliorare la crescita dell’orchidea.

4: compost di scarto di cucina

Qualsiasi scarto vegetale di cucina può essere utilizzato per nutrire le piante, poiché alcune contengono una fonte nutriente di azoto, fosforo, potassio e micronutrienti.

Tra i prodotti che puoi utilizzare ci sono i fondi di caffè e le bucce di frutta e verdura. 

In particolare, la buccia di banana può essere utilizzata, una volta compostata per fornire grandi quantità di potassio richieste da questo tipo di pianta.

5: NPK liquido

I nutrienti chimici forniti, i più convenienti sono quelli in forma liquida, dovrebbero essere applicati con moderazione (piccole quantità).

Questo perché le orchidee sono piante sensibili alla salinità, quindi non dovremmo esagerare con la quantità fornita.

Pertanto, molti di questi fertilizzanti commerciali per orchidee contengono estratti vegetali o materia organica che alleviano lo stress salino della pianta.

Hai anche substrati per orchidee appositamente progettati per i trapianti e le prime fasi della crescita

Qui puoi goderti alcuni suggerimenti in questo video per le tue piante:

Prodotti correlati:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.