Suggerimenti

Il pH del suolo, dei substrati e dell’acqua

Che cos’è il pH?Il pH è una caratteristica molto importante che hanno tutti i terreni, substrati per vasi, fioriere, ecc. e acqua di irrigazione. La definizione, se non hai conoscenze di chimica, non ti dirà nulla. Il pH si esprime con un numero e può essere compreso tra 1 e 14, ma nel 99% dei casi sarà compreso tra 3 e 9 .

  • Il terreno ACIDO ha un pH inferiore a 7.
  • Il terreno NEUTRO ha un pH pari a 7.
  • Terreno BASE o ALCALINO : pH maggiore di 7.

Pertanto, se diciamo: “Questo terreno ha un pH 6”; significa che è acido Oppure: “Questo terreno ha un pH di 8,2”; significa che è basico o alcalino. Il pH neutro, sebbene 7 sia indicato come valore teorico, è normalmente considerato neutro se è compreso tra 6,5 ​​e 7.

Il miglior pH per la maggior parte delle piante è compreso tra 6,5 ​​e 7, cioè neutro. Alcuni, detti acidofili, lo preferiscono inferiore a 6, e altri (calcolo), si accontentano di un pH superiore a 7.

Come si determina il pH?

Ho già menzionato tre pH prima:

  • pH del terreno
  • Il pH del substrato (quelli usati per vasi, fioriere, ecc.)
  • Acqua di irrigazione pH

La determinazione nel caso di un terreno o substrato può essere effettuata nei seguenti modi (per le acque, ce l’hai un po’ più in basso):

1.Puoi portare il terreno da analizzare in un laboratorio del suolo . È il migliore, ma di solito non viene eseguito a livello del giardino privato.

2. Usa alcuni kit economici che portano alcuni reagenti per gettare un campione di terreno e confrontare il colore per scoprire il pH. Il pH può essere acido, neutro o alcalino. Se è alcalino, molto probabilmente contiene molta calce (terreno calcareo).

3. Prendere un po’ di terriccio, versarlo in un bicchiere con acqua distillata, mescolare bene e dopo un po’ introdurre nel liquido una striscia di carta o cartone indicatore di pH (venduto in farmacia, per esempio). A seconda del colore che assume, si avrà se è acido, neutro o alcalino.

4. Versare aceto, ‘Sulfatán’ (prodotto per la pulizia) o acido cloridrico diluito su un campione di terreno. Ciò fornisce una stima accettabile per la reazione che produce:

  • Se l’effervescenza che si verifica è forte, si dice che il pH è maggiore di 7,5 e il terreno è alcalino o calcareo.
  • Se l’effervescenza è piccola (alcune bolle), il pH sarà intorno a 7.
  • Se non produce effervescenza (non escono bolle) è un terreno a pH neutro (pH 6,5-7) o acido (pH inferiore a 6,5).

Per conoscere il pH dell’acqua di irrigazione puoi:

– Portare un campione in un laboratorio che analizza l’acqua.

– Usa la cartina di tornasole.


– Utilizzare strumenti chiamati ph-metri, anche se devono essere ben calibrati per essere affidabili.

.
Perché è interessante conoscere il pH di un terreno, substrato o acqua di irrigazione?

Il pH influenza il terreno o il substrato in diversi aspetti, ma il più significativo e quello che andremo a studiare qui è nella disponibilità di nutrienti . Cioè, l’influenza del pH sulla maggiore o minore quantità di nutrienti (Fosforo, Potassio, Ferro, Rame, Boro … fino a 13) che si trovano in un terreno in modo che le radici delle piante possano prenderlo.

Ad esempio, in un terreno può esserci molto fosforo, ma se non è solubile, la pianta è inutile perché non può prenderlo. Poiché il pH influenza la solubilità del Fosforo e di altri minerali e, seguendo l’esempio, nei terreni alcalini, è presente una gran parte del Fosforo insolubilizzato e in questi terreni c’è un rischio maggiore di carenze di questo elemento rispetto a uno acido o neutro .

Ripeto: pH estremi possono (non necessariamente) causare una carenza di alcuni o altri nutrienti e le piante lo accuseranno di ingiallire le foglie, fiorire meno, portare meno frutti, rallentare la crescita, ecc. ecc. Il problema si aggrava se sono pH più forti, sia molto acidi (pH = 5 o inferiore) che molto alcalini (pH = 8 o superiore).

Esaminiamo ciascuna delle tre situazioni:

a) Terreno acido (pH <7)

b) Terreno neutro (pH = 7)


c) Terreno alcalino (ph> 7)

a) Se il tuo terreno è acido (pH <7)

In Spagna, la Galizia o l’Estremadura, ad esempio, sono regioni che per la loro natura geologica abbondano di suoli acidi. Questi terreni sono ideali per piante acidofile come Azalea, Rododendro, Ortensia, Camelia, Erica, Gardenia, ecc.

Un terreno acido ha il problema che possono mancare i seguenti nutrienti:

  • Incontro
  • Calcio
  • Magnesio
  • Molibdeno
  • Boro

Sapere se le piante soffrono di carenze in uno di questi elementi non è facile, bisogna conoscere i sintomi specifici, ma in base al fatto che il terreno è acido, sarà un indizio importante e, nel tuo caso, sarebbe essere necessario:

  1. Fornire i nutrienti che mancano attraverso i fertilizzanti.
  2. Inoltre, aumentare il pH aggiungendo calcare macinato .

Al contrario, nei terreni acidi sono abbondanti Ferro , Manganese, Zinco e Alluminio, che possono produrre anche eccessiva tossicità.

Se fosse molto acido, cioè con un pH <5,5, si potrebbero mettere a dimora SOLO piante acidofile , e sarebbe più che conveniente alzare quel valore di pH se non vogliamo limitarci ad una manciata di specie, le acidofile quelli. Viene rialzato incorporando del calcare macinato , che si chiama facendo un ‘calcare’.

b) Se il tuo terreno è neutro (pH = 7)

La maggior parte delle specie vegetali andrà bene. Gli acifofili se abbassi il pH qualcosa andrà molto meglio.

Per quanto riguarda i nutrienti, si ha una disponibilità ottimale di tutti quelli di cui le piante hanno normalmente bisogno, senza escludere carenze specifiche indipendenti dal pH.

c) Se il tuo terreno è basico o alcalino (pH> 7)

Qui di solito ci sono abbastanza problemi perché è una situazione molto frequente.

Le piante acidofile sopra citate quasi sicuramente non andranno bene; le foglie ingialliranno e porteranno pochi fiori. Ciò è dovuto al fatto che nei terreni alcalini scarseggiano diversi elementi solubili essenziali per tutte le piante:

  • Ferro
  • Manganese
  • Zinco
  • Rame
  • Boro

Ma non solo le piante acidofile (Hortensia, Erica, Gardenia, ecc.) possono mostrare queste carenze di Ferro, Manganese e altre, ma molte altre piante. Ad esempio, un albero di arancio, un albero di limone, un ibisco, un cespuglio di rose, ecc.

I sintomi delle carenze nutritive nelle piante sono vari e come dicevo prima con i terreni acidi, non è facile sapere esattamente quale elemento o elementi specifici si tratti. Il ferro, ad esempio, di solito si manifesta inizialmente con un ingiallimento della foglia, i nervi rimangono verdi. Successivamente la foglia diventa completamente gialla. Si vede nelle foglie giovani, non in quelle vecchie, almeno in una prima fase, in clorosi avanzata tutte le foglie, nuove e vecchie, rimangono gialle.

Pertanto, se le foglie dei tuoi alberi e arbusti ingialliscono, una delle possibili cause è dovuta alla mancanza di Ferro e/o di altri microelementi (Manganese, Zinco, Rame e Boro) causata dall’essere piantati in terreno alcalino (ph <7 ) che li insolubilizza (non assorbibili dalle radici). È una possibilità, bisogna studiare bene se si tratta di una carenza di micronutrienti o è un altro motivo, ad esempio, un eccesso di irrigazione.

.
Cosa fare se si verifica questa situazione?

Ebbene, in primo luogo si sarebbe potuto evitare di conoscere il pH prima di scegliere le specie da piantare, e scartare quelle non adatte. Ad esempio, se ti piace davvero un rododendro e il tuo terreno ha un pH = 8, dimentica di piantarlo in quel terreno alcalino e fallo meglio in un buon vaso con un substrato acido. Tuttavia, ci sono persone che vogliono, nonostante tutto, coltivare determinate piante anche se il loro terreno naturale non è adatto a loro. In questo caso dovranno fare quanto segue.

Il problema comune è che una volta che i sintomi compaiono (a volte diversi anni, ad esempio, negli alberi da frutto), e poiché la piantagione non verrà sradicata, si deve trovare un rimedio che consiste in queste 3 azioni:

  1. Fornire fertilizzanti che contengano i nutrienti che scarseggiano : Ferro, Zinco, Potassio, Manganese, ecc.
  2. Abbassa il pH del terreno.
  3. Abbassa il pH dell’acqua di irrigazione , se stai annaffiando anche con una che è alcalina (contiene molta calce).

informazioni sul giardino

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *