Suggerimenti

Irrigazione a bulbo: [necessità, frequenza e procedura]

Gli amanti dei fiori sanno che piantare bulbi è una delle migliori alternative per godersi tanto colore in giardino.

L’irrigazione dei bulbi è una delle cure più decisive affinché queste piante possano crescere sane e vigorose.

La quantità di acqua e la frequenza di irrigazione saranno determinate da molti fattori, i principali sono il luogo in cui sono piantati e il tipo di terreno.

È una questione che ha molta tela da tagliare perché il successo della semina dipende da una buona strategia di irrigazione e con queste informazioni puoi diventare un esperto.

Punti importanti quando si innaffiano i bulbi:
  • Frequenza di irrigazione: in primavera si possono annaffiare da 2 a 3 volte a settimana, anche 4 in piena fioritura. Per l’ inverno , dovrai ridurre a 1 volta a settimana.
  • Metodo di irrigazione: da flebo o flessibile.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: impostabile al mattino presto o nel tardo pomeriggio. L’importante è che non sia nelle ore in cui c’è più sole.
  • Individuare l’acqua in eccesso: presenza di foglie marroni e gialle, marciume del collo e della pianta in generale.
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie gialle, secche, foglie cadute e fiori .

Che esigenze di irrigazione hanno i bulbi?

Le bulbose necessitano di annaffiature adeguate per sviluppare la loro parte aerea e, naturalmente, la fioritura. Non tutte le specie hanno le stesse condizioni di lavoro intorno a questo problema, poiché ce ne sono alcune che richiedono un livello di umidità del suolo più elevato.

Un punto importante da considerare è che i bulbi piantati in vaso tendono a richiedere meno annaffiature perché trattengono più umidità. Uno dei motivi è che di solito sono installati all’interno, ma influenza anche il fatto che hai meno substrato da inumidire, quindi il processo è più efficiente.

Un altro aspetto importante è definito dal periodo dell’anno e dalla loro esposizione al sole, in quanto questo favorisce l’evaporazione più rapida. Bisogna anche considerare che nelle giornate in cui c’è più vento, il terreno si asciuga più velocemente e ciò richiede un aumento del fabbisogno irriguo dei bulbi.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nei bulbi?

Le bulbose mostrano la mancanza di irrigazione in primo luogo nelle loro foglie, che generalmente iniziano a impallidire dalle estremità. Da lì, le foglie possono iniziare a cadere progressivamente e, se è in fase di fioritura, far cadere i fiori.

Ogni quanto dobbiamo innaffiare i bulbi?

La frequenza dell’irrigazione sarà determinata dagli aspetti sopra menzionati ed anche dalle specifiche condizioni di sviluppo della piantaNel momento in cui inizia la fioritura, le innaffiature devono essere più frequenti per offrire il valore d’acqua di cui hanno bisogno.

Tenendo conto di tutti questi punti, è possibile stabilire un programma di irrigazione di base come questo:

  1. Una volta alla settimana durante l’ inverno , purché il supporto risulti asciutto in superficie.
  2. Circa 2 o 3 volte a settimana in estate e primavera .
  3. Tra 3 e 4 volte a settimana in primavera, quando inizia il processo di fioritura.

Nel dubbio, ricorda che è sempre meglio annaffiare di meno perché puoi correggere in seguito, per farlo di più.

Qual è il modo migliore per innaffiare i bulbi?

Non esiste un metodo di irrigazione rigoroso per i bulbi. Ciò che è importante evitare è che foglie e fiori si bagnino quando viene applicato. Per questo motivo gli specialisti optano per strategie come il gocciolamento o l’utilizzo del tubo ma orientato direttamente alla base della pianta .

Attraverso questo sistema è possibile somministrare una quantità d’acqua sufficiente alle radici senza correre il rischio di bagnare la parte aerea, come avviene quando si utilizzano gli irrigatori .

Se hai delle bulbose piantate in vaso , considera che hanno abbastanza buchi alla base attraverso i quali drena il liquido.

Infatti, quando ti accorgi che l’acqua inizia a scorrere, è il momento di smettere di annaffiare perché hai già occupato la maggior parte del substrato . Un’altra informazione importante è cambiare l’orientamento dell’irrigazione in modo che l’acqua penetri da tutti i lati.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nei bulbi?

I bulbi sono particolarmente sensibili ai problemi di ristagno idrico, poiché marciscono abbastanza rapidamente. Quando c’è un’eccessiva irrigazione, i sintomi sono evidenti dalle foglie che prima ingialliscono e poi diventano marroni.

Successivamente si comincia a notare il marciume del collo . La cura dei bulbi non è la più impegnativa che ci sia in giardinaggio, quindi se seguirete dei semplici consigli, come l’irrigazione, non avrete problemi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.