Suggerimenti

Kalanchoe Care: [sporco, umidità, potatura e problemi]

Che caratteristiche ha la kalanchoe?

La Kalanchoe è una pianta della famiglia delle Crassulaceae , originaria del Madagascar e delle regioni calde del mondo.

Il suo nome scientifico è kalanchoe pinnata, Bryophyllum pinnatum .

È anche conosciuto con i nomi di erba della strega, pianta di Goethe e foglia d’aria.

È un genere di 120 specie di arbusti e piante erbacee perenni annuali o biennali.

La sua sopravvivenza è assicurata perché produce ventose che sono repliche esatte dell’originale, che tendono a cadere e ad attecchire nella terra.

La Kalanchoe è una straordinaria pianta medicinale che si è diffusa in tutto il Vecchio Mondo e in America con i suoi superbi poteri curativi.

È usato nel trattamento del cancro del piede, e per prendersi cura dell’apparato digerente, migliorare il sistema immunitario (molto appropriato in questi tempi di Covid 19), migliorare la qualità del sonno, curare l’asma e la tosse, come antinfiammatorio e analgesico e proteggere i reni, tra le altre cose.

I suoi fiori sono vari, poiché possono avere colori gialli, bianchi, arancioni, rossastri e verdi, le sue foglie sono carnose e la sua altezza può raggiungere un metro, anche se ce ne sono di grandi, 6 metri.

Le foglie possono essere preparate per uso interno ed esterno; internamente, infuso, come succo o aggiunto a frullati verdi e può anche essere aggiunto alle insalate.

Come uso esterno si possono fare cataplasmi o intonaci, schiacciando le foglie; ad esempio, possono essere utilizzati per il mal di testa, posizionandoli sulla zona interessata o sulla nuca; e come formula per alleviare il mal di stomaco o le coliche, premendoli contro lo stomaco.

Che bisogni di terra ha la kalanchoe?

La Kalanchoe è una pianta versatile che resiste alla siccità perché accumula acqua nelle sue foglie; pertanto, il terreno mediterraneo asciutto e senza gelo può essere appropriato per questo.

Ma dobbiamo cercare di affrontare l’aridità del terreno con le nostre capacità di semina, trasformandolo in un terreno sciolto con un buon drenaggio, oppure possiamo ararlo nutrendolo con un buon compost .

Se rimane asciutto, annaffia con parsimonia, evitando di bagnare i fiori e le pozzanghere che marciscono la pianta. Il fertilizzante deve avere l’obiettivo di stimolare la fioritura e la crescita, e bisogna inserirlo due volte l’anno, soprattutto in primavera ed estate .

Come far crescere la kalanchoe forte e vigorosa?

Per dare vigore alla pianta è preferibile seminare in primavera , a temperature di 16-21ºC; e inoltre, dopo la fioritura, trapiantarla in un vaso e portarla sul balcone, curandola dal sole diretto, dal gelo e dalla pioggia.

Affinché ogni primavera lo possiamo avere rigoglioso, diffondendo la sua rara bellezza dentro casa nostra. La Kalanchoe ama essere libera, per questo bisogna metterla al sole (indiretto), in ampi spazi, e la moltiplicazione va fatta per talea soprattutto durante i mesi più caldi.

Come abbiamo indicato, è una pianta resistente , a bassa manutenzione che si protegge con l’accumulo di acqua, il che non impedisce loro di prestare estrema cura.

Per coltivarlo in casa, dobbiamo tagliare una talea da una kalanchoe adulta con delle forbici affilate e piantarla per ottenere una nuova pianta, con le rispettive cure. Per conservarlo per diversi anni in un vaso, deve essere cambiato in un vaso più grande dopo la fioritura.

Di quale umidità ha bisogno il kalanchoe?

L’ atmosfera secca è molto dannosa per la pianta, quindi dobbiamo creare indirettamente un ambiente umido posizionando il vaso su una ciotola con sassolini bagnati, con un buon drenaggio in modo che fuoriesca l’acqua in eccesso.

All’interno, dobbiamo tenerlo lontano dal riscaldamento a causa della secchezza ambientale che questo provoca. In giardino, annaffiare poco o nulla in inverno e lasciare asciugare il compost tra un’annaffiatura e l’altra. Ricorda che l’acqua fredda produce uno shock per l’argento, quindi dobbiamo evitarlo.

È necessario potare la kalanchoe?

Tutte le piante devono essere potate per proteggere i rami e le foglie dal loro più grande nemico, che sono parassiti e malattie. Nel caso della kalanchoe, la potatura ha diversi obiettivi fondamentali, come stimolare lo sviluppo e la crescita.

Rimuovere rami, foglie e fiori danneggiati, spezzati o secchi che possono ospitare parassiti; promuovere l’illuminazione e l’aerazione dello stelo e migliorare la fioritura. La potatura deve essere praticata con meno regolarità rispetto ad altre piante più grandi, meno adatte all’ambiente secco.

Quanto spesso dovremmo potare la kalanchoe?

La Kalanchoe non merita potature continue, nemmeno molto regolari. È una pianta che si accontenta di due potature coscienziose all’anno.

La potatura è preferibile in primavera, quando il rischio di gelate è scomparso e prima che la pianta riprenda la sua attività, che ha il vantaggio di una minore perdita di linfa. Inoltre, poiché la fase di sviluppo è vicina, le ferite tendono a guarire più velocemente.

Si può fare anche in autunno, nel caso in cui non ci siano climi invernali troppo freddi. La potatura stagionale viene eseguita ogni anno.

Ma la potatura di mantenimento si può fare in qualsiasi periodo dell’anno, soprattutto quando germogliano i polloni, che sono rametti che sono emersi tra il fusto principale e i rami e che devono essere rimossi quando raggiungono i 5 cm.

Successivamente, effettuiamo la potatura di pulizia per eliminare gli elementi indesiderati della pianta, con l’obiettivo di lasciare spazio alla nascita di nuovi rami sani.

Gli elementi indesiderati sono steli e foglie secchi, giallastri e malati; fiori cattivi che consumano l’energia della pianta e steli incrociati che impigliano la pianta.

Come evitare i parassiti e le malattie di Kalanchoe?

L’attacco di parassiti e malattie è rivolto soprattutto ai fiori di Kalanchoe, che corrono il rischio di essere mangiati in poche ore dai bruchi; per questo motivo è conveniente essere costantemente al corrente dello sviluppo della pianta.

Allo stesso modo, dobbiamo avere a portata di mano insetticidi e fertilizzanti per fronteggiare l’attacco dei ragnetti rossi che provocano l’appassimento prematuro delle infiorescenze.

Forse ti interessano anche:
  • 4 tipi e varietà più famosi di Kalanchoe
  • Kalanchoe Blossfeldiana Care: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Talee di Kalanchoe: [Innesto, Stagione, Radicazione e Semina]
  • Prune Kalanchoe: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Irrigazione Kalanchoe: [Necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.